Espandi menu
cerca
La quinta onda

Regia di J Blakeson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

nickoftime

nickoftime

Iscritto dal 15 novembre 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 71
  • Post 18
  • Recensioni 1082
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La quinta onda

di nickoftime
6 stelle

Il materiale narrativo accumulato da “La quinta onda” nel primo quarto di proiezione  basterebbe da solo a sviluppare almeno altri due lungometraggi, oltre a quello ricavato dal primo libro della trilogia scritta da Rick Yancey. Capita infatti che, nell’immaginare gli sviluppi di un’invasione aliena preannunciata dall’apparizione di una misteriosa astronave, il regista J. Blakenson  il suo sceneggiatore pensino di dare corso agli eventi attraverso una serie di sconvolgimenti climatici indotti dai visitatori allo scopo di fiaccare le resistenze della razza umana.

Ora, considerato che nella prima parte di film Blakenson preferisce lasciare spazio alla dimensione post apocalittica prodotta dalla catastrofe e allo spirito d’avventura della giovane protagonista (Chloe Moretz), impegnata a sopravvivere ai rastrellamenti del nemico, “La quinta onda” potrebbe risolversi ricalcando per filo e per segno i codici e gli stilemi del disaster movie, ipotizzando alternative futuribili e palingenesi riparatorie. Senonché, avvalendosi di una svolta narrativa sorprendente e citazionista per le analogie con un classico della fantascienza come  “L’invasione degli ultracorpi”, capita che il film un poco alla volta assuma le forme di quelle saghe cinematografiche che a partire da Twilight Hunger Games hanno raccontato i turbamenti dell’età giovanile inquadrandoli all’interno di universi leggendari e distopici, e che pur con le limitazioni di un budget da film indipendente“La quinta onda”  in qualche modo replica nella contrapposizione tra la resistenza degli umani, ancora in nuce ma ben agguerrita, e la persistenza della minaccia aliena, attuata con forme di controllo e di manipolazione degne del grande fratello orwelliano.


Pescando qua e là  dai campioni del genere e, in particolare dal film di Katerine Hardwicke  di  cui “La quinta onda”  sembra voler riprende, sia la tipologia del triangolo amoroso che coinvolge i giovani protagonisti, che le caratteristiche agresti e selvagge dell’ambiente che gli fanno da sfondo, il lavoro di Blakenson risente di una costruzione, a tratti un po’ meccanica e non sempre in grado di tenere insieme le sue fonti d'ispirazione. A favore del film invece, segnaliamo l'estetica da b movie che nell'artigianato della messinscena comunica autentica passione.

icinemaniaci.blogspot.com

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati