Espandi menu
cerca
Suicide Squad

Regia di David Ayer vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Antisistema

Antisistema

Iscritto dal 22 dicembre 2017 Vai al suo profilo
  • Seguaci 38
  • Post -
  • Recensioni 473
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Suicide Squad

di Antisistema
2 stelle

Verso l'inizio del terzo atto il personaggio di Katana brandendo la spada, prima della battaglia, svolge tra le lacrime un monologo all'anima del marito intrappolata nella lama; con sole due inquadrature e senza effettoni di sorta, Ayer ha creato in neanche 10 secondi la miglior scena di tutto il film amalgamando quello che sarebbe dovuto essere il manifesto di Suicide Squad, un gruppo di folli criminali e non, intrappolati in una missione senza via di scampo; ma questa scena sembra uscita per puro culo visto il risultato infimo del film. Dal 2008 in poi con Iron-man, il fenomeno cinecomics ha trovato terreno fertile per espandersi, sulla scia della trilogia di Spider-Man di Sam Raimi, i primi due X-Men di Singer ed i tre Batman di Nolan, esplodendo in tutta la sua forza con Avengers (2012). La Warner controllando l'universo DC comics, decide anch'essa di mettere in campo il suo universo condiviso, peccato che ad oggi tranne Wonder Woman, in parte Aquaman e Shazam, non gliene sia andata bene neanche una.

Suicide Squad di David Ayer (2016) dai primi trailer e dal soggetto base, prometteva di essere quanto me un buon film avente come protagonisti vari criminali dell'universo DC, messi insieme con la forza e con il ricatto per affrontare minacce di tipo metaumano.

In poche parole per farmi capire anche dagli utenti più anziani, ci si sarebbe dovuti trovare innanzi ad una tipologia di gilm sullo stile Una Sporca Dozzina di Robert Aldrich (1967), ma ovviamente come tutte le cose potenzialmente belle in questo film tutto è andato storto.

 

Jay Hernandez, Joel Kinnaman, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Margot Robbie, Will Smith, Jai Courtney, Karen Fukuhara

Suicide Squad (2016): Jay Hernandez, Joel Kinnaman, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Margot Robbie, Will Smith, Jai Courtney, Karen Fukuhara

 

Stanchi della sbobba Marvel la cui formuletta aveva cominciato a stancare, specie dopo Avengers : Age of Ultron (2015), pensavano visto il soggetto di avere un film cazzuto, maturo nei contenuti e con dei protagonisti per la maggior parte negativi; in pratica roba rated-R ed invece ci si è ritrovati con questo schifo per bimbominchia cerebrolesi.

I cattivi purtroppo dopo 45 minuti di introduzione (ed il film dura 130 minuti), che per la maggior parte non sono dei cattivi; purtroppo già il casting di Will Smith nei panni del killer a pagamento Deadshot, finisce con il normalizzare il personaggio trasformandolo nell'ennesimo personaggio alla Smith, quindi il nero di famiglia con tanto di figlioletta... in questo film Deadshot non ha manco l'orgoglio di essere un vero cattivo; e dire che il soldato di colore nel film di Aldrich se ne fregava della guerra e di Hitler, poiché a suo dire la guerra l'aveva da combattere a casa sua e non in Europa.

L'altro personaggio strombazzato nei trailer era Harley Queen interpretata da Margot Robbie, che tranne un culo inquadrato quando si piega a 90°, non ha molto altro da offrire nel film. Il resto della Suicide Squad è composta da anonimi individui potenzialmente interessanti, ma che non lasciano traccia, poiché è stata tolta loro ogni dignità di essere cattivi, diventando dei puccettosi che si frignano addosso su quando la società sia stata ingiusta con loro.

 

Margot Robbie, Jared Leto

Suicide Squad (2016): Margot Robbie, Jared Leto

 

L'operazione normalizzazione ha colpito a fondo, se all'inizio della produzione la Warner ed Ayer avevano indicato certe linee guida, 5-6 mesi prima dell'uscita del film c'è stato un evidente braccio di ferro tra casa di produzione e Ayer, dove il secondo s'è calato le mutande sottomettendosi ai voleri dei capi preoccupati da un prodotto forse troppo estremo nel mainstream. Perciò PG-13 imposto, eliminate molte sequenze con il Joker (dopo ci arriviamo) e normalizzati i cattivi; Capitan Bomerang aveva un comportamento razzista e sessista (ridotto nel film ad uno spara gag), Diablo interagiva con i membri della Suicide Squad molto di più, Killercroc aveva molte sequenze di approfondimento e di disgusto, Katana era più incisiva e Slipknot aveva un passato da stupratore seriale, che nel film è stato cassato del tutto.

In pratica abbiamo dei cattivi non cattivi tali per fare moda e attirare il pubblico giovanile più tamarro e coatto, che bada all'apparenza delle cose e non alla sostanza.

 

Margot Robbie

Suicide Squad (2016): Margot Robbie

 

Ed infine veniamo agli antagonisti, cominciando dal Joker interpretato da un Leto fastidiosamente sopra le righe e poco credibile nel fare il matto; sembra più un "gangster rapper yoyo sono giovane, pappone e dannato" che un criminale folle ed imprevedibile; scordatevi la profondità di scrittura ed interpretazione del Joker di Heath Ledger del film il Cavaliere Oscuro di Nolan (2008), qui è una macchietta inguardabile la cui relazione con Harley Queen da possessivo-abusiva, è divenuta molto più romantica.

L'antagonista principale del film però è sicuramente l'Incantatrice interpretata da Cara "cagna" Delavigne; introdotta in 2 mimuti, combina un casino incomprensibile in 3 minuti, per poi fare una ridicola danza egiziana sino a metà del terzo atto (con annesso vocione imbarazzante), per poi fare una fine di merda. Io non so perché una cagna del genere continui a lavorare e ad essere scriturata ovunque, ma cosa ha fatto questa qua per recitare al cinema? Delavigne è una fascion model, molto seguita per quel che ne so, ma non è un'attrice, né ha mai mangiato un po' il legno del palcoscenico di un teatro prima che qualche produttore avesse deciso di propinarcela come attrice. 

In pratica dai riflettori delle passerelle a quelli del cinema... risultato una merda e per me non è manco sta bellezza, quando cammina sembra avere una mazza su per il culo (scusate la volgarità).

 

Karen Fukuhara

Suicide Squad (2016): Karen Fukuhara

 

Attori cani a parte, è proprio l'impostazione ad essere sbagliata, non si possono dedicare 2 presentazioni ad Harley Queen, ben 3 a Deadshot (ho capito dopo la prima volta che è bravo a sparare, che senso ha ribadirlo in altre due sequenze?) e zero a Slipknot, non si può buttare musica a caso, non si può fare un film dove ogni sequenza sembra esaurirsi in 3 minuti, non si può ambientare metà film in una location monotona, non si può trasformare la gente della città in mostri con la testa da sacchetto da spazzatura e poi basta con questi terzi atti con il raggio sparato verso il cielo dove l'antagonista avrebbe potuto mettere K.O. tutti in pochi minuti ed invece ci mette delle ore (tra l'altro con azione di merda).

Massacrato dalla critica, ma adorato dal pubblico con un super incasso (ad oggi il migliore dell'universo DC), a dimostrazione che il pubblico ha buttato il cervello nella discarica. Consigliato probabilmente ai minorenni, tra Margot Robbie, Fukunaga e Cara "cagna" Delavigne forse Suicide Squad risulterà essere la delizia del 15enne arrapato.

 

Jai Courtney

Suicide Squad (2016): Jai Courtney

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati