Trama

Beatrice è una sedicente contessa, chiacchierona e miliardaria, che ama credere di essere in intimità con i leader di tutto il mondo. Donatella è una giovane donna tatuata e tranquilla, chiusa nel proprio alone di mistero. Entrambe sono ricoverate in un istituto mentale e soggette a misure di custodia cautelare. Insieme danno vita a un'imprevedibile amicizia che le porta a fuggire dalle costrizioni del trattamento per un'avventura alla ricerca di divertimento e di amore in quel manicomio a cielo aperto che è il mondo delle persone sane.

Approfondimento

LA PAZZA GIOIA: DUE MATTE IN FUGA

Diretto da Paolo Virzì e sceneggiato dal regista con Francesca Archibugi, La pazza gioia racconta  l'imprevedibile amicizia tra due donne, Beatrice e Donatella, ospiti di una comunità terapeutica per pazienti con disturbi mentali e sottoposte a misure di sicurezza. Beatrice, interpretata da Valeria Bruni Tedeschi, è una chiacchierona istrionica, sedicente contessa e a suo dire in intimità con i potenti della Terra. Donatella, portata in scena da Micaela Ramazzotti, è invece una giovane donna tatuata, fragile e silenziosa, che custodisce un terribile segreto. Diventando amiche, le due daranno vita a una strampalata e toccante fuga alla ricerca di un po' di felicità in quel manicomio a cielo aperto che è il mondo dei sani.

Con la direzione della fotografia di Vladan Radovic, le scenografie di Tonino Zera, i costumi di Katia Dottori e le musiche firmate da Carlo Virzì, La pazza gioia viene così descritta dal regista in occasione della presentazione del film alla Quinzaine des Réalisateurs 2016: «Dopo Il capitale umano, avevo tra le mani una dozzina di pagine di soggetto con protagoniste due pazienti psichiatriche dai caratteri opposti che si ritrovano, un po’ per caso, a scappar via dalla struttura clinica che le ospita. Una fuga dalle regole, dalle misure di sicurezza, dalle costrizioni della cura che diventa un girovagare sconclusionato ed euforico nel mondo fuori.

Volevo che fosse una commedia, divertente ed umana, una storia che a un certo punto non avesse paura persino di tingersi di fiaba, o addirittura di trip psichedelico, ma che non fosse campata in aria. Volevo raccontare anche l'ingiustizia, la sopraffazione, il martirio di persone fragili, di donne stigmatizzate, disprezzate, condannate, recluse. E però senza farlo diventare un pamphlet, un documentario di denuncia - ce ne sono già in giro di eccellenti. Cercavo, semmai, tracce di felicità, o perlomeno di allegria, di eccitazione vitale, anche nel momento della costrizione, dell'internamento. Si può sorridere o addirittura ridere raccontando il dolore, o è qualcosa di impudico, di scandaloso? Speriamo di sì, che si possa, perché è la cosa che preferisco nel fare un film. Per esempio in questo film, a un certo punto, mettiamo in scena un episodio tra i più feroci che mi sia capitato di filmare. Eppure mi rendo conto di aver cercato di raccontarlo con un tono persino felice. Mi è sembrato che fosse l'unico modo autentico che avevo a disposizione per avvicinarmi a un mistero altrimenti impenetrabile.

Prima di scrivere il copione, io e Francesca Archibugi  abbiamo cominciato col rompere le scatole a psichiatri e psicoterapeuti veri, dei quali avevamo adocchiato libri ed articoli, in libreria, sulle riviste, nei blog. Abbiamo chiesto loro di prenderci per mano e di accompagnarci nel mondo della strutture cliniche, delle loro storie di terapie. Abbiamo incontrato, nei luoghi della cura, i più diversi tipi di pazienti: i catatonici, gli eccitati, i melanconici, gli impiccioni, i sospettosi, i logorroici. Mi viene da aggiungere: come nella vita di tutti i giorni. Tra loro c'erano anche persone che le istituzioni, i giudici, i servizi sociali avevano sancito come pericolose, per aver compiuto gesti tali da condurle alla reclusione negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Ed in questa esplorazione ci sono subito passate sotto gli occhi una gran quantità di Beatrici e di Donatelle, così sulle prime non riuscivamo a trattenerci dal far le classiche domande stupide: Che disturbo ha? Che malattia ha? Cos'è, una bipolare? Una depressa? Una borderline? Ma interessandosi alle vicende di ciascuna, ficcando il naso in quei vissuti spesso tumultuosi, abbiamo trovato tanta di quella trama che ci siamo appassionati proprio nel non definire l'identità di quelle persone con un referto medico, con il nome del loro disturbo, con i farmaci da prendere, col piano terapeutico. Volevamo soprattutto stare dalla loro parte. E stare dalla parte di Beatrice e di Donatella, con tutti i loro pasticci e le loro cazzate, significava riaffermare invece l'importanza, la totale preminenza della loro storia, fatta di tribolazioni, abusi, subiti e perpetrati, ma in tanti lati anche buffa, delirante, comica, scombiccherata. Le abbiamo amate scrivendole, le ho amate filmandole, perché ci facevano ridere, perché anche sul set, nel momento in cui sono diventate due esseri in carne ed ossa, nel loro stare insieme trasmettevano una misteriosa, irresistibile, contagiosa allegria. E quindi posso dire che se è vero che in questo film abbiamo messo in scena momenti cupi, sconsolati ed anche violenti, mi è sembrato per altri versi di non aver mai filmato tanta esaltazione, tanta ebbrezza, tanta ilarità».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (19) vedi tutti

  • Ottimo Virzì

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Ennesima commedia abbastanza azzeccata di Virzì, che riprende alcuni temi del cinema americano, da Qualcuno volò sul nido del cuculo a Thelma e Louise. Due donne rinchiuse in una comunità per pazienti psichiatrici con problemi con la giustizia fuggono. Un po' alla volta emergono le cause familiari e sociali del loro disagio. Film un po' triste.

    commento di ENNAH
  • Un bellissimo film che diverte e commuove, dai tempi dei migliori Monicelli, Risi e Comencini non si vedeva qualcosa del genere. Strepitose le due protagoniste. Sembrava impossibile superare Thelma e Louise, ma Virzì e le sue attrici ci sono riusciti. Massimo voto.

    commento di gherrit
  • Ennesimo exploit di Paolo Virzì, che firma ancora una volta una commedia che nel finale sa commuovere. Il regista ci trasporta per un buon pezzo di Toscana assieme alle due protagoniste, facendoci partecipare alle loro scorribande e alle loro ribellioni, rendendoci parte delle loro gioie momentanee.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Una storia dolente,poetica e a suo modo reale tra la provincia italiana.Due attrici in stato di grazia.Per me 7/8.

    commento di ezio
  • Due attrici in stato di grazia raccontano la singolare amicizia tra due anime fragili e perdute, in bilico tra dolore e voglia di rinascita.

    leggi la recensione completa di Fanny Sally
  • Bravi tutti.

    commento di Stelvio69
  • Un viaggio on the road nella speranza di trovare un briciolo di felicità

    leggi la recensione completa di lino99
  • Il mio punto di vista è concentrato sulla trama, le protagoniste e la loro condizione di difficoltà reale. Descrive molte scene e parla della Tedeschi in modo entusiasta. Racconta in fine, in breve, che io faccio parte di quel mondo considerato dei DIVERSI e sono alla ricerca della felicità e simili. In sintesi dico che il film è bello e va visto.

    leggi la recensione completa di arizonajunior
  • Una salsa italica retorica e prolissa.

    leggi la recensione completa di siro17
  • Un film perfetto.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • Con questo film torna il Virzì più in forma, capace di affrontare un tema importante e delicato, quello della malattia mentale e dell'emarginazione che essa comporta. Lo fa, come suo stile, in forma leggera ma coinvolgente con due splendide interpreti.

    commento di Artemisia1593
  • Sfinito dai film fantasy, ho riepiegato su questa commedia italiana di Paolo Virzì. Nel trailer senbrava che fosse un road movie alla "Thelma & Louise", invece è più vicino a "Qualcuno volò sul nido del cuculo" e a "4 pazzi in libertà". Le due interpreti sono in parte, specie Valeria Bruni Tedeschi, bravissima nel ruolo di ex-riccona ciarliera.

    leggi la recensione completa di Marco Poggi
  • la musica di gino paoli è bellissima, la regia buona ma un pò lenta, nel secondo tempo migliora

    commento di ]Spectre[
  • Dopo "Il capitale umano", Virzì ritorna sulla via della ricerca di un dialogo tra la ricca borghesia, con i suoi valori, e la società “diversa”. E ci riprova ricorrendo all’espediente della follia. E’ in questa dimensione della mente che egli trova la credibilità di un avvicinamento.

    leggi la recensione completa di viacristallini99
  • L'incontro di due donne ,con problemi mentali e reati penali, accolte in una comunità di recupero, di comportameto opposto, ma con vissuti simili ,le porterà a qualche bravata per recuperare la voglia di vivere e la spensieratezza...ma tutto ha un prezzo e resterà solo il dolore.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Un po' infantile e un po' sopra alle righe ma girato bene. Si può vedere.

    commento di iro
  • Titolo fortemente sarcastico per un film dove non c'è gioia e la pazzia è un pretesto: nella prima parte, per provocare il sorriso (e in alcuni spettatori anche la risata) e nella seconda per muovere al pianto. Manca l'indignazione: ma un film sulla malattia mentiale che non provochi indignazione non può dirsi riuscito.

    leggi la recensione completa di Springwind
  • Thelma e Louise nel Paese della furbizia e della corruzione, ma pure dell'accanimento contro i vinti: In questo teatro si incontrano Beatrice e Donatella, anime instabili protese alla ricerca di ciò che veramente conta nelle loro indolenti ed infelici esistenze. Per Virzi un gradito ritorno alle origini non esente da incertezze.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

  Senza fine. Interminabile - certo non come i 92 minuti di applausi a Cannes -, la furbissima incursione di Virzì nel mattatoio-pazzatoio del sempre fertile universo-Donna. Opera "femmina" con le stimmate dell'autorialità radical chic, La pazza gioia sciorina il caro noto campionario di molta commedia provinciale italiana fatto di isterismi, urla, pianti, scene finte… leggi tutto

6 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
5 stelle

FESTIVAL DI CANNES 2016 - QUINZAINE DES REALISATEURS Storie di donne unite dalla fatalità e dalle circostanze, di menti instabili, di frustrazioni, di accanimenti contro un destino avverso che pare cieco, di furbizie e di tragedie, di ricchezze sfrontate e di sventure inesorabili. Due vite che più opposte non si potrebbe pensare si rincontrano all'interno di un centro di… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

bufera di bufera
7 stelle

  Paolo Virzì, consacrato erede della commedia all'italiana dei tempi migliori, con LA PAZZA GIOIA (2016) ne dirige una, scritta con Francesca Archibugi, nella quale introduce come sempre, o forse un po di più, elementi drammatici e riflessioni senza risposta sul limite tra follia e normalità, sul fallimento delle istituzioni terapeutiche, nonostante la buona… leggi tutto

26 recensioni positive

Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 20 voti
vedi tutti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
8 stelle

Alll'interno di un istituto psichiatrico,Villa Biondi,due donne,che secondo la cartella clinica sono socialmente pericolose, di temperamento opposto  e che hanno un  background culturale e sociale decisamente diverso,un vissuto  completamente agli antipodi,a dispetto di tutto ciò, familiarizzano e stringono un'importante amicizia, fatta di solidarietà e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

slim spaccabecco di slim spaccabecco
7 stelle

Questa volta Virzì fa del suo territorio il set per una commedia molto diversa dalle altre, dove l'amaro è il sapore preminente. Sorretto dall'interpretazione magistrale delle due protagoniste (Ramazzotti migliore secondo il mio modesto parere), ci accompagna in questa sorta di viaggio "alla Thelma e Louise" dove però non si vedono paesaggi maestosi e gran canyon, ma…

leggi tutto
Recensione
Il meglio del 2017
2017

Recensione

ethan di ethan
5 stelle

Beatrice Morandini Valdirana (Valeria Bruni Tedeschi) e Donatella Morelli (Micaela Ramazzotti), la prima ricca, bipolare e condannata per bancarotta fraudolenta, la seconda gravemente depressa ed un figlio piccolo toltole per avere tentato l'omicidio-suicidio, si conoscono a Villa Biondi, una comunità per donne con problemi mentali situata in Toscana, e dopo un'iniziale ritrosia l'una…

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

  Senza fine. Interminabile - certo non come i 92 minuti di applausi a Cannes -, la furbissima incursione di Virzì nel mattatoio-pazzatoio del sempre fertile universo-Donna. Opera "femmina" con le stimmate dell'autorialità radical chic, La pazza gioia sciorina il caro noto campionario di molta commedia provinciale italiana fatto di isterismi, urla, pianti, scene finte…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 16 maggio 2016
Il meglio del 2015
2015
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito