Julieta

play

Regia di Pedro Almodóvar

Con Emma Suarez, Adriana Ugarte, Inma Cuesta, Rossy De Palma, Nathalie Poza, Pilar Castro, Michelle Jenner, Dario Grandinetti... Vedi cast completo

In streaming
  • Infinity
  • Tim Vision
  • Chili
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Julieta, una professoressa di cinquantacinque anni, cerca di spiegare, scrivendo, a sua figlia Antia tutto ciò che ha messo a tacere nel corso degli ultimi trent'anni, dal momento cioè del suo concepimento. Al termine della scrittura non sa però dove inviare la sua confessione. Sua figlia l'ha lasciata appena diciottenne, e negli ultimi dodici anni Julieta non ha più avuto sue notizie. L'ha cercata con tutti i mezzi in suo potere, ma la ricerca conferma che Antia è ormai una perfetta sconosciuta.

Approfondimento

JULIETA: LA FORZA DELLE DONNE

Diretto e scritto da Pedro Almodovar a partire da tre storie brevi di Alice Munro, Julieta racconta la storia di Julieta, una donna che vivea Madrid con la figlia Antia. Entrambe soffrono in silenzio per la perdita di Xoan, padre di Antia e marito di Julieta. A volte però il dolore, anziché avvicinare le persone, le allontana: così, quando compie diciotto anni, Antia abbandona la madre senza alcuna spiegazione. Julieta la ricerca in ogni modo possibile ma tutto ciò che scopre è quanto poco conosca la figlia.

Con la direzione della fotografia di Jean Claude Larrieu, le scenografie di Antxón Gómez, i costumi di Sonia Grande e le musiche di Alberto Iglesias, Julieta narra delle lotte di una madre per sopravvivere a uno stato di incertezza. Parla anche di destino, di complessi di colpa e dell'insondabile mistero che porta ad abbandonare le persone che si amano e a cancellarle dalle proprie vite come se non avessero mai significato nulla o non fossero mai esistite. A spiegare meglio Julieta sono le parole dello stesso Almodovar in occasione della presentazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «Il film inizia con il primo piano di un tessuto rosso, che ben presto scopriamo avere il battito di un cuore, il battito di Julieta. La seconda immagine è quella di una scultura con la consistenza e il colore della terracotta. Rappresenta un uomo nudo seduto. Julieta colloca la scultura in una scatola di cartone la avvolge con cura, come un bambino che viene vestito dalla madre. È il 2016.

La scultura viene poi rivista dopo o, meglio, prima, nel 1985: la scultrice si chiama Ava, probabilmente in onore di Ava Gardner. Ava è molto bella e libera come l'attrice che ha interpretato Venere in Il bacio di Venere. Venere è la dea dell'amore, della bellezza e della fertilità, tre qualità molto presenti nello studio di Ava. La giovane Julieta del 1985 prende la scultura tra le sue mani, scultura che anche in questo caso ricorda la figura di un bambino nelle mani di donne che parlano del suo peso e della consistenza della sua pelle.

Nella sequenza successiva, Ava plasma una nuova figura con l'argilla mentre Julieta osserva. Il fango prende gradualmente la forma di natiche e gambe maschili. "Gli dei hanno creato gli uomini e gli altri esseri con l'aiuto dell'argilla e del fuoco", dice Julieta. Ava ascolta molto attentamente mentre continua a modellare. Julieta insegna letteratura classica, si preoccupa di raccontarle della creazione come fosse una storia e finisce per confessar che è incinta.

Le tre sequenze mostrano il potere delle donne in quanto creatrici dell'uomo. L'uomo rappresentato dalla scultura è molto piccolo rispetto alle loro mani. Se lo passano da una all'altra... La donna non solo dà origine alla vita degli uomini ma si dimostra più forte di loro nel combattere, amministrare, soffrire e godere, tutto ciò che la vita comporta. Solo il destino è più forte delle donne.

La vita di Julieta è segnata da un incontro in treno. Sono sempre stato affascinato da tale mezzo, capace di attraversare ogni genere cinematografico, anche se le migliori scene in treno che io ricordi appartengono alle opere di Alfred Hithcock e Fritz Lang. Sul treno, posto metaforico e pieno di significato, Julieta entra in contatto con i due poli dell'esistenza umana: la morte e la vita.. con l'amore fisico come risposta alla morte: le due volte che vediamo Julieta fare l'amore con Xoan qualcun altro muore.

Nel 2003, Antia, la figlia che Julieta ha avuto da Xoan, compie 18 anni e decide di andare via per un ritiro nei Pirenei. Julieta è distrutta dal separarsi dalla figlia, da cui non è mai stata lontana. La vede scendere dalle scale e sparire via, nascondendo il suo dolore come può. Questo è uno degli addii che deve affrontare nella sua esistenza, gli altri risalgono a tempo prima. Il primo risale al 1985 e allo sconosciuto che ha voluto suicidarsi sotto il treno. Il secondo invece all'ultima volta che ha visto Xoan, prima che questi - dopo una discussione - annegasse durante una battuta di pesca per via di una violenta tempesta. I due tragici addii hanno segnato inesorabilmente la sua coscienza.

Con Julieta sono tornato a esplorare l'universo femminile. Il cast del film è composto principalmente da donne e uno dei rischi che mi sono preso è stato quello di far interpretare Julieta da due diverse attrici - Adriana Ugarte (Julieta dai 25 ai 40 anni) e Emma Suárez (Julieta dai quarant'anni in poi) - mentre altri personaggi rimangono impersonati dalle stesse attrici, come ad esempio Ava, portata in scena da Inma Cuesta».

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Un film sull'ineluttabilità del destino, sul complesso di colpa, sul mistero inspiegabile che ci fa abbandonare le persone che amiamo eliminandole dalle nostre esistenze come se non significassero nulla e sul dolore che tale abbandono produce in chi lo subisce. 

Commenti (7) vedi tutti

  • Almodovar sa indubbiamente raccontare filmicamente, ma col passare degli anni si sente che il suo mondo artistico va in sottrazione. Dalla visionarietà creativa all’inizio della sua carriera al pessimismo imperante di oggi. Questo film ne è un esempio.

    commento di vjarkiv
  • Sgradevole storia di una donna la cui vita viene rovinata dalla fuga della figlia. Scritto male il film è privo di ironia, di humor e, peggio, questa volta Almodovar non sembra provare la minima simpatia per i suoi personaggi.

    commento di michel
  • il film parte bene e se vogliamo prosegue bene,ma i troppi flashback rovinano il racconto,faticano la visione dello spettatore.....alla fine arrivo alla sufficienza...e qualcosina in piu',ma mi da' l'idea che poteva essere costruito meglio....ale' Almodovar.

    commento di ezio
  • Almodovar + Munro: difficile immaginare coppia peggio assortita. Il risultato è un film che forse scontenterà i fan sia sell'uno sia dell'altra, ma che senza dubbio fa discutere e riflettere.

    leggi la recensione completa di Springwind
  • Sublime. Non esistono altri aggettivi per descrivere la bellezza dell'ultima, grandiosa opera di Pedro Almodóvar.

    leggi la recensione completa di AlbertoBellini
  • Lo spettatore aspetta il gran finale ma, Invece della genialata, ti arriva una scialba , improbabile e poco convincente spiegazione.

    leggi la recensione completa di viacristallini99
  • Julieta, giovane vedova, vive per la figlia Antia, che la ripaga fuggendo di casa appena diciottenne con un gruppo di sedicenti religiosi. Una sofferenza senza spiegazione, fino a quando la legge del contrappasso riavvicinerà entrambe. Melò sfacciato e a senso unico, troppo concentrato sulla (doppia) protagonista, lasciando allo sbando l'altra.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

amandagriss di amandagriss
8 stelle

    L’immagine d’apertura dell’ultima fatica di Almodóvar (senza più Pedro) è il dettaglio di un drappo di seta color rosso fuoco la cui forma ricorda quella di una sacca dalla consistenza leggera ed elastica, che l’occhio coglie in un lento movimento di dilatazione e contrazione scandito da intervalli di tempo regolari. Per pochi istanti… leggi tutto

11 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

viacristallini99 di viacristallini99
5 stelle

Il primo tempo ti tiene un po’ sulle spine per l’attesa di una tragedia che è nell’aria.  Arriva, con la morte a mare del protagonista, ma senza portarsi dietro quel carico di emozioni che si conviene;  solo un freddo e compassato adeguarsi alla vita che continua.  Qualche senso di colpa, un periodo di abbandono e di depressione della moglie; una scrollata… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

Julieta (2016): locandina FESTIVAL DI CANNES 2016 - CONCORSO Le circostanze di una separazione: la scoperta di una verità, la presa di coscienza tardiva di aver arrecato alla propria madre un dolore indescrivibile proprio quando le circostanze beffarde e malevole della vita ti spingono a vivere situazioni non molto dissimili. Quando ormai la ferita è troppo aperta per poter… leggi tutto

4 recensioni negative

2019
2019
Trasmesso il 10 settembre 2019 su Rete 4
2018
2018
2017
2017
Trasmesso il 21 novembre 2017 su Rsi La1
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

Malpaso di Malpaso
7 stelle

Un film sulla fragilità mentale dell'essere umano, quest'ultimo lavoro di Pedro Almodóvar. L'autore spagnolo ricostruisce con pazienza, un frammento alla volta, la vita della sua protagonista e delle persone che vi hanno gravitato attorno per più di vent'anni. Si toccano temi come la depressione e la perdita, ma nel complesso Julieta tratteggia un destino beffardo…

leggi tutto
Recensione

LA MIA TOP - 2016

AlbertoBellini di AlbertoBellini

Infine, eccovi la classifica dei migliori film distribuiti in Italia nel corso dell'annata appena conclusa, secondo il sottoscritto. Saranno presenti dunque titoli ritardatari e mancheranno diversi…

leggi tutto
2016
2016

(ALCUNI) FILM DEL 2016

kaosentus di kaosentus

Primo anno che seguo le nuove uscite cinematografiche in maniera più o meno “seria”, di conseguenza primo anno che pubblico una classifica più o meno “seria” (per quanto possa…

leggi tutto

European Film Awards 2016

marcopolo30 di marcopolo30

Nel gennaio scorso, in occasione del Sundance Festival, scrivevo di essere rimasto non poco sorpreso dallo scarso interesse che tale avvenimento sembrava suscitare in Italia. Undici mesi più tardi mi ritrovo a…

leggi tutto
Playlist
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

pappolo di pappolo
7 stelle

Non è il solito film di Almodovar, per molti versi mi ricorda il film "Và dove ti porta il cuore" della Comencini tratto dal famoso libro della Tamaro,, sia per la storia  che per lo stile. Rapporto madre-figlia, separazione, generazioni a confronto, sensi di colpa, religione, amicizia, tradimenti, misteri....   c'è un pò di tutto bilanciato…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

omero sala di omero sala
2 stelle

  Julieta, una distinta signora ultracinquantenne, in seguito all’incontro casuale con un’amica di sua figlia Antìa (che l’ha abbandonata dodici anni prima ritenendola responsabile della morte in mare del padre), decide di riconsiderare la sua esistenza, ricucirne i brandelli, analizzare errori e fallimenti e tentare di recuperare i rapporti con la figlia. E lo…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito