Trama

Un giornalista sportivo conosce per caso una misteriosa donna: la segue e scopre trattarsi di una ex diva del cinema ai tempi del Terzo Reich. Ora la donna però vive solo di ricordi ed è succube della morfina e di una dottoressa senza scrupoli. Fu il penultimo film del grande regista tedesco e l'ultimo di una serie di ritratti femminili della cultura e della vita tedesche. Giocato ambiguamente sulle relazioni tra vita e set cinematografico, si avvale di una prodigiosa fotografia in bianco e nero che sottolinea il tono nostalgico e tragico della vicenda, ennesimo splendido melodramma sui rapporti di potere. Vinse l'Orso d'oro al Festival di Berlino.

Commenti (1) vedi tutti

  • Voto 7+ Sconsolato

    commento di luca826
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

kotrab di kotrab
8 stelle

Die Sehnsucht der Veronika Voss (Il rimpianto di V. V.) è il penultimo film di R. W. Fassbinder ma anche l'ultimo capitolo del suo personale viaggio nella memoria della Germania, nella sua Storia attraverso vari ritratti femminili (vedi Il matrimonio di Maria Braun, Lili Marleen, Lola). Torna dopo anni al bianco e nero, qui dai forti chiaroscuri curati ed esaltati dall'abilità… leggi tutto

8 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

Il declino di una diva ed il precipitare di una coscienza, parallelamente ritratti da un Fassbinder sorprendentemente sobrio, elegante, che con grande cura - quella invece solita - per la luce e l'immagine mette in scena un dramma la cui intensità solo il bianco e nero può ben catturare. Come sempre disperato e pessimista, il regista tedesco riesce bene nei ritratti decadenti e malati. leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2016
2016

Recensione

stefanocapasso di stefanocapasso
8 stelle

Veronika Voss è una attrice in declino. Ha avuto i suoi fasti durante il nazismo ma ora nel 1955 vive a Monaco di Baviera e non lavora più. Nel suo sofferto girovagare incontra un giornalista che dapprima si incuriosisce al suo caso e poi se ne innamora. Veronika è una tossicomane, e il suo medico di fiducia sta lavorando alle sue spalle per finirla e prendere possesso dei…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2015
2015

Donna

Barone Cefalu di Barone Cefalu

Donna, che nascondi la fragilità,  seducente, dietro gesti sicuri, che lotti per i tuoi diritti,  ma all'ombra ti adagi nel conforto di antichi costumi. Sei crudele,  perché so che in cuor…

leggi tutto
2014
2014

Recensione

alan smithee di alan smithee
9 stelle

“Memories are made of this”, la celebre e pertinente canzone cantata, tra gli altri, da Dean Martin, intona l'attrice matura ed un tempo diva conosciuta come Veronica Voss in occasione della sua ultima festa, quella dell'addio al mondo delle scene, e anche molto di più, come saprà chi ha visto il film. E Fassbinder, in piena, matura vena melodrammatica senza…

leggi tutto

Recensione

port cros di port cros
9 stelle

 Sebbene in parte ispirato alla reale vicenda di Sibille Scmitz, diva del cinema del Terzo Reich morta suicida nel 1955, Veronika Voss sembra soprattutto un omaggio di Fassbinder a "Viale del Tramonto". Ambientato nello stesso periodo (i primi anni 50), ha come protagonista una ex diva del cinema che, come la Norma Desmond del film di Wilder, non si rassegna al declinare della sua fama (a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2013
2013

Recensione

TheWarOfEcho di TheWarOfEcho
8 stelle

Il penultimo film di Fassbinder racconta la storia dell'ormai ex diva del cinema Veronika Voss, fra la nostalgia del suo passato e la dipendenza dalla morfina. L'incontro con il giornalista Robert Krohn cambia l'attitudine della vita di entrambi, anche per l'innamoramento reciproco dei due. Riprendendo il tema principale di "Viale del tramonto" di Wilder, Fassbinder firma la riflessione amara…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

ezio di ezio
6 stelle

Per me resta un "viale del tramonto"made in Germany,anche qua come il film americano con un finale tragico (e non poteva essere altrimenti).Vincitore a Berlino, la pellicola procede comunque in modo freddo e un po' ermetico nei dialoghi mantenendo sempre alta la dignita' di un grande regista come Fassbinder.

leggi tutto
Recensione
2010
2010

Recensione

kotrab di kotrab
8 stelle

Die Sehnsucht der Veronika Voss (Il rimpianto di V. V.) è il penultimo film di R. W. Fassbinder ma anche l'ultimo capitolo del suo personale viaggio nella memoria della Germania, nella sua Storia attraverso vari ritratti femminili (vedi Il matrimonio di Maria Braun, Lili Marleen, Lola). Torna dopo anni al bianco e nero, qui dai forti chiaroscuri curati ed esaltati dall'abilità…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti

Recensione

PompiereFI di PompiereFI
8 stelle

Sybille Schmitz è stata un’attrice tedesca che ha lavorato, soprattutto in Germania, a cavallo della seconda guerra mondiale e che esordì nel ’31 con un film sui vampiri diretto dal regista danese Carl Dreyer. La sua carriera fu costellata da titoli non troppo famosi (da “Il segreto dei candelabri” del 1936 fino a “La tragedia del Titanic”…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

hupp2000 di hupp2000
10 stelle

Una delle migliori opere di Fassbinder. Un film estremamente drammatico, nel quale i sentimenti esplodono con asprezza. Aiutato da una fotografia in bianco e nero che trasmette costantemente un senso di inquietudine, l’autore ci racconta la storia di una ex-diva del cinema tedesco, caduta pressoché nell’oblio con la fine del nazismo. Tossicodipendente e preda di una losca…

leggi tutto
Recensione
2009
2009

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Il declino di una diva ed il precipitare di una coscienza, parallelamente ritratti da un Fassbinder sorprendentemente sobrio, elegante, che con grande cura - quella invece solita - per la luce e l'immagine mette in scena un dramma la cui intensità solo il bianco e nero può ben catturare. Come sempre disperato e pessimista, il regista tedesco riesce bene nei ritratti decadenti e malati.

leggi tutto
Recensione
2008
2008

FASSBINDER E LE “SUE” DONNE

spopola di spopola

Il mondo “al femminile” raccontato con la sensibilità superiore di un personaggio “contro” come Fassbinder (chi meglio di lui poteva essere in grado di disegnare così iconoclasticamente “l’altra metà del…

leggi tutto
Playlist
2006
2006
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito