In nome di mia figlia

Trama

Nel luglio 1982, André Bamberski apprende della morte della quattordicenne figlia Kalinka, avvenuta mentre era in vacanza in Germania con la madre e il patrigno. Rapidamente, le circostanze spingono André a nutrire diversi sospetti sul decesso, tanto più che l'atteggiamento del patrigno, il dottor Krombach, gli appare insolito e il referto dell'autopsia approssimativo. Convinto della responsabilità dell'uomo, Bamberski inizia una lunga lotta per la giustizia che andrà avanti per 27 anni e diventerà l'unica ragione della sua vita.

Approfondimento

IN NOME DI MIA FIGLIA: UN CALVARIO GIUDIZIARIO LUNGO TRENT'ANNI

Diretto da Vincent Garenq e sceneggiato dallo stesso regista con Julien Rappeneau, In nome di mia figlia si basa su una storia vera accaduta nel luglio 1982 in Germania. Mentre trascorre le vacanze estive nella nuova casa della madre in Germania, la quattordicenne Kalinka Bamberski viene ritrovata morta. Le strane circostanze della morte, legate a un tentativo di stupro, portano tutte a Didier Krombach, il carismatico e bel dottore con cui la madre si è rifatta una vita, ma una strana congiura silenziosa tende quasi a proteggerlo. André Bamberski, padre di Kalinka, non si arrende però di fronte all'evidenza e inizia una lunga lotta per la giustizia. Solo contro il parere di medici, giudici, ex moglie e ragione di Stato, con la sua determinazione non si fermerà di fronte ad alcun ostacolo o limite per assicurarsi la condanna dell'assassino della figlia.

Con la direzione della fotografia di Renaud Chassaing, le scenografie di Jessica Labet e Delphine De Casanove, i costumi di François Abelanet e le musiche originali di Nicolas ErrèraIn nome di mia figlia viene così raccontato dal regista: «Conoscevo la storia di Kalinka e ho comprato il libro autobiografico di André Bamberski, lasciandomi travolgere dall'emozione. L'ho letto in una sola notte e in me è maturata la decisione di una trasposizione cinematografica. Ero sbalordito dalla sua perseveranza e dalla sua ostinazione. Per trent'anni, non ha mai mollato la presa, ha combattuto come un pazzo per ricercare la verità e ottenere giustizia, è divenuto più esperto in materia giudiziaria dei suoi stessi avvocati e ha avuto la meglio sull'immobilità della giustizia francese e tedesca. Nessun ostacolo è riuscito a fermarlo e ciò lo rende al pari di un eroe. La sua è una vicenda molto cinematografica ma è anche la storia umana di un padre che, come tutti noi, desidera solo il meglio per i propri figli. La paternità è un argomento ricorrente nei miei film, così come il fatto che tutte le mie opere sono ispirate a personaggi realmente esistiti: la sincerità e la purezza che emanano le storie vere mi attirano irresistibilmente e mi ispirano. Le vite degli altri mi danno il là per la scrittura risvegliando in me particolari sensazioni. Credo anche che la realtà sia qualcosa di molto stimolante per la scrittura: del resto, si dice che la vita sia più strana della finzione. I soggetti originali spesso finiscono per non piacermi: troppi fatti e, spesso peggio ancora, troppi riferimenti cinefili. Mi interessano solo le storie che trasudano di vissuto.

Tutte le sequenze fondamentali di In nome di mia figlia sono descritte già nel libro di Bamberski. L'autopsia, la riesumazione del cadavere di Kalinka o la testimonianza della ragazzina violentata da Krombach in Germania sono scene molto forti ma ispirate, purtroppo, dalla realtà. Ovviamente, ho dovuto fare una cernita degli eventi che si sono susseguiti in trent'anni: ho puntato a quelli essenziali per evitare di perdere tensione. Oltre a incontrare Bamberski, ho conosciuto anche la madre della piccola Kalinka, che mi ha fornito la sua versione dei fatti. Anche se André non era d'accordo con le sue parole, era corretto che esistesse nel film anche l'altro punto di vista per sollevare questioni comunque importanti, come ad esempio il diniego della donna di accettare una verità difficile da comprendere».

In In nome di mia figlia André Bamberski ha il volto di Daniel Autiel, la moglie Dany è interpretata da Marie-Josée croze mentre il carnefice Dieter Krombach è portato in scena da Sebastian Koch.

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (6) vedi tutti

  • Un film coinvolgente che tiene sempre viva l'attenzione. Voto 8.

    commento di Zarco
  • Film molto profondo anche se sbrigativo, forse dura troppo poco per un argomento del genere. Fatto veramente drammatico, povera bambina

    commento di arwen88
  • Storia un po' altalenante e noiosetta in vari passaggi e delude abbastanza nella totalita'.voto.5.

    commento di chribio1
  • 6/7 voto oggettivo /soggettivo Livello semplice.,quasi televisivo, ma la tematica è molto interessante, ben descritta

    commento di paolofefe
  • Bellissimo film e grande Daniel Auteil, un attore che stimo da tantissimo tempo. Per chi non l'avesse visto, consiglio anche "L'Avversario" sempre con un Auteil in splendida forma, e film, anch'esso basato su una terrificante vicenda di cronaca accaduta realmente.

    commento di RinoC63
  • Una morte inaspettata, impossibile da accettare, tanto più quando le circostanze non consentono di avere risposte chiare ed accettabili. Il calvario di un padre per arrivare alla verità durerà 30 anni. Il film ne scandisce le tappe in modo pedestre e senza alcun polso registico, senza stile e con una pedanteria disarmante ed irritante.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

alan smithee di alan smithee
3 stelle

In nome di sua figlia agisce un padre, sconvolto dalla notizia della sua morte a 14 anni in circostanze poco chiare; devastato ancora di più perché tutto, dalle indagini, agli esami sul corpo della vittima, nulla risulta eseguito come si dovrebbe e tutto quello che spinge a restringere il cerchio sul compagno medico della ex moglie, viene invece tralasciato a favore della pista… leggi tutto

2 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

nickoftime di nickoftime
5 stelle

Negli Stati Uniti della nuova Hollywood accanto al cinema che era espressione degli ideali di rinascita e di progresso tipici di quel periodo trovò modo di svilupparsi un filone cinematografico  di segno opposto, caratterizzato dall’esibizione di una violenza inconsulta e reazionaria che nell’intento di salvaguardare i valori della vecchia America riciclava il tema della… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

barabbovich di barabbovich
8 stelle

Una tredicenne (Besson) viene stuprata e uccisa dal compagno della madre (Koch). Suo padre (Auteuil), un brillante avvocato francese, cerca per trent'anni di attenersi alle vie legali per rendere giustizia alla figlia, vittima di quello che, si viene a scoprire, è uno stupratore seriale, un ammanicatissimo medico tedesco difeso a oltranza dalle istituzioni del suo Paese. Tra mandati di… leggi tutto

1 recensioni positive

2020
2020
Trasmesso il 28 luglio 2020 su Rai Movie
2019
2019
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 26 giugno 2019 su Rai Movie
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti
2017
2017
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
3 stelle

In nome di sua figlia agisce un padre, sconvolto dalla notizia della sua morte a 14 anni in circostanze poco chiare; devastato ancora di più perché tutto, dalle indagini, agli esami sul corpo della vittima, nulla risulta eseguito come si dovrebbe e tutto quello che spinge a restringere il cerchio sul compagno medico della ex moglie, viene invece tralasciato a favore della pista…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
8 stelle

Una tredicenne (Besson) viene stuprata e uccisa dal compagno della madre (Koch). Suo padre (Auteuil), un brillante avvocato francese, cerca per trent'anni di attenersi alle vie legali per rendere giustizia alla figlia, vittima di quello che, si viene a scoprire, è uno stupratore seriale, un ammanicatissimo medico tedesco difeso a oltranza dalle istituzioni del suo Paese. Tra mandati di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

nickoftime di nickoftime
5 stelle

Negli Stati Uniti della nuova Hollywood accanto al cinema che era espressione degli ideali di rinascita e di progresso tipici di quel periodo trovò modo di svilupparsi un filone cinematografico  di segno opposto, caratterizzato dall’esibizione di una violenza inconsulta e reazionaria che nell’intento di salvaguardare i valori della vecchia America riciclava il tema della…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

laulilla di laulilla
3 stelle

Con l’approssimarsi dell’estate, è sempre più difficile trovare nelle sale un film accettabile: Cannes si è visto poco (speriamo nell’autunno); Venezia non è ancora all’orizzonte (idem); arrivano, invece, sui nostri schermi film non eccelsi, nonché talvolta qualche discreto documentario, che, travestito da evento, si ferma nelle…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Uscito nelle sale italiane il 6 giugno 2016
locandina
Foto
locandina
Foto
2000
2000
IN NOME DI MIA FIGLIA: UN CALVARIO GIUDIZIARIO LUNGO TRENT'ANNI

IN NOME DI MIA FIGLIA: UN CALVARIO GIUDIZIARIO LUNGO TRENT'ANNI

IN NOME DI MIA FIGLIA: UN CALVARIO GIUDIZIARIO LUNGO TRENT'ANNIDiretto da Vincent Garenq e sceneggiato dallo stesso regista con Julien Rappeneau, In nome di mia figlia si basa su una storia vera accaduta nel luglio 1982 in Germania. Mentre trascorre le vacanze estive nella nuova casa della madre in Germania, la quattordicenne Kalinka Bamberski viene ritrovata morta. Le strane circostanze della morte, legate a un tentativo di stupro, portano tutte a Didier Krombach, il carismatico e bel dottore con cui la madre si è rifatta una vita, ma una strana congiura silenziosa tende quasi a... segue

Extra
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito