Espandi menu
cerca
La corte

Regia di Christian Vincent vedi scheda film

Recensioni

L'autore

M Valdemar

M Valdemar

Iscritto dal 6 febbraio 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 247
  • Post 20
  • Recensioni 545
  • Playlist 35
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La corte

di M Valdemar
7 stelle

 

locandina

La corte (2015): locandina




Ancora una volta oggetto del desiderio, la Sidse Babett Knudsen di The Duke of Burgundy; ma niente farfalle né completini fetish né giocherelli morbosi (e tediosi): in La corte, l'attrice danese - volto luminoso, portamento elegante - è il ricordo di un sentimento che riaffiora, nel momento in cui viene chiamata come giurata in un importante processo che vede il rigoroso giudice Fabrice Luchini presidente della corte d'assise, che tempo prima ne era stato paziente (e innamorato) a seguito di un incidente. Un ricordo, ma non solo: è come se in quegli occhi di donna così limpidi e positivi, il "signor Presidente" riflettesse la sua umanità, la sua natura (lui che è costantemente bersaglio del chiacchericcio gossipparo di colleghi e sottoposti); un'ancora nel mare d'insensibilità che si è costruito, come il trolley che porta sempre con sé è un legame con le cose del quotidiano. Un ritratto, quello dell'uomo di legge, che cresce e svela soggetto, sfondo, contorni, sfumature, dettagli con l'avanzare del dibattimento - luogo naturalmente freddo e alieno, a maggior ragione se il caso in questione riguarda il tragico destino di una bambina -, e di tutti i rituali e meccanismi anche burocratici che ne governano l'esistenza. Materia processuale - che occupa probabilmente troppo spazio - come elemento, non di rivelazione (perché il fine non è accertare la verità bensì valutare azioni e comportamenti in determinati contesti) ma di personale ricostruzione identitaria. Così, un uomo ritenuto - in primis dallo spettatore - bidimensionale arida arrogante figura ligia al sistema che presiede, si scopre essere invece personalità complessa, sfaccettata, non priva né di anima né di sussulti vitali. Illuminante che il cuore del processo (di crescita/accettazione) personale avvenga fuori dalle aule: il tête-à-tête al ristorante tra l'uomo e la donna - bellissimo, sospeso tra dubbi tangibili e tumulti interni - scalfisce la mera superficie didascalica di parole, dialoghi e ricordi per affondare nel cuore piccolo ma pulsante delle cose. E non è che tutto sia chiaro perché, semplicemente, si spiegano fatti e svelano retroscena: è che si percepiscono le vibrazioni nell'aria, gli umori e il senso di indeterminatezza negli occhi dei due. Incontro decisivo ed emblematico come fosse l'arringa risolutiva, il coup de théâtre che apre le danze. Finale, sempre in levare, in sottrazione, tra il non detto e il non mostrato: un altro naturalissimo gioco di sguardi folgorante tra Fabrice Luchini e Sidse Babett Knudsen, perfetti nella loro autenticità.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati