Espandi menu
cerca
Preparate i fazzoletti

Regia di Bertrand Blier vedi scheda film

Recensioni

L'autore

hupp2000

hupp2000

Iscritto dal 15 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 51
  • Post 5
  • Recensioni 608
  • Playlist 24
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Preparate i fazzoletti

di hupp2000
10 stelle

Patrick Dewaere e Gérard Depardieu di nuovo insieme sotto la direzione di Bertrand Blier dopo il mitico "Les valseuses". Il trio fa nuovamente scintille, la trasgressione anni '70 fa la voce grossa. Si ride, si riflette, si sobbalza... Un film perfetto!

Quattro anni dopo il capolavoro e l’enorme successo di “Les valseuses” (“I santissimi”), Bertrand Blier si avvale nuovamente dell’impareggiabile coppia Gérard Depardieu – Patrick Dewaere per confezionare una commedia altrettanto impeccabile e forse ancor più trasgressiva. Inizialmente, il film riprende il canovaccio del precedente: due uomini alle prese con una donna impermeabile a qualsivoglia emozione, libera e passiva, gentile e disponibile con tutti, ma incapace di comunicare i propri sentimenti. Con i loro goffi tentativi di ridestarla dal cronico letargo, i due strampalati protagonisti finiranno con gettarla tra le braccia di un tredicenne bisognoso quanto lei di affetto e comprensione, anche in termini sessuali.

 

Autore perfettamente rappresentativo di un cinema anni ‘70 libertario, quasi libertino e politicamente scorretto, inimmaginabile ai giorni nostri, Bertrand Blier realizza un film dal ritmo indiavolato, molto spinto nei dialoghi più che nelle immagini, irridente ad ogni conformismo e alla morale benpensante. Tra Gérard Depardieu e Patrick Dewaere l’alchimia è di nuovo perfetta: il primo ribelle, testa alta e petto in fuori, pronto alla battuta folgorante, il secondo sprovveduto e dalle maniere educate, elegante e più compassionevole. La complicità dei due mostri sacri del cinema francese è la molla che consente al film di correre a briglia sciolta. La comparsa di Michel Serrault nella parte finale aggiunge un tocco di raffinato umorismo ad una commedia che aveva già regalato colpi di scena a piene mani. La fissazione di Patrick Dewaere per la musica di Mozart ricorda con sottile ironia la passione di Alex per “Ludovico van” in “Arancia meccanica”. L’iniziazione al sesso del giovanissimo Riton Liebman è una scena pudica, ma di una tensione erotica che raramente mi è capitato di provare.

 

Meno fortunato al botteghino rispetto a “Les valseuses” (1,3 milioni di spettatori contro  5,7!), “Préparez vos mouchoirs” si porta però a casa l’Oscar come miglior film straniero nel 1979 e il César per la miglior colonna sonora al grande Georges Delerue. In competizione a Hollywood, c’era l’italiano “I nuovi mostri” di Risi/Scola/Monicelli, ma per una volta devo dire che non c’è partita.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati