Espandi menu
cerca
Un uomo in ginocchio

Regia di Damiano Damiani vedi scheda film

Recensioni

L'autore

will kane

will kane

Iscritto dal 24 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 80
  • Post 6
  • Recensioni 4131
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Un uomo in ginocchio

di will kane
5 stelle

Dura la vita dell'ex-carcerato, per un uomo che ha messo un chiosco, una volta uscito di prigione, e deve fare i conti con il rischio di affondare nella miseria assieme alla moglie e i figli, e una strana circostanza in cui viene coinvolto, senza colpa, peraltro, in una brutta faccenda criminale, che implica le faccende di un capomafia. Pur visto con simpatia da un commissario, il protagonista scopre che un killer professionista lo sorveglia, e decide di ribellarsi. Damiano Damiani non è al meglio, con una sceneggiatura farraginosa, nel descrivere la storia disgraziata di un poveraccio che ha sbagliato in passato e vuole solo tirare avanti, ma rimane invischiato in meccanismi di malaffare più grandi di lui: raccontando la vita nei bassifondi, il regista, comunque uno dei più bravi a narrare certi spaccati di realtà sociali italiane spesso dimenticate, segue con partecipazione le vicende di gente che spesso è costretta ad agire in un certo modo per un sistema vischioso, corrotto e ingiusto. Se Gemma ci mette impegno, e comunque è un'interpretazione tipica della seconda fase della sua carriera, nella quale provò a recitare in personaggi che richiedevano meno prestanza fisica e maggior lavoro attoriale canonico, Michele Placido, pur sopra le righe, esprime un personaggio al limite della schizofrenia, crudele e vigliacco, mentre Eleonora Giorgi appare un pò fuori posto nei panni della moglie impaurita ma solida; meglio ancora i caratteristi, all'epoca ancora un tesoro sfruttabile, quali Ettore Manni nei panni del boss mafioso, Tano Cimarosa nelle vesti dell'amico scellerato, e Luciano Catenacci come uomo di legge comprensivo. Per rifare un cinema medio sano, in Italia, ci sarebbe bisogno di attori di seconda fila, ma abili a definire un personaggio con poche scene come questi, tra le altre cose.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati