Espandi menu
cerca
Little Sister

Regia di Hirokazu Koreeda vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 164
  • Post 6
  • Recensioni 771
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Little Sister

di bufera
6 stelle

Tre sorelle abbandonate dal padre, dopo 15 anni al suo funerale conoscono la sorellastra adolescente e la invitano a stare da loro.Nonostante i ricordi dolorosi e i rancori nel Giappone di oggi può rinascere una famiglia libera dal passato ? La maestria nel girare non compensa un certo distacco indulgente alla leziosità da parte del regista .

locandina

Little Sister (2015): locandina

 

 Hirokazu Kore-Eda, regista, produttore e sceneggiatore giapponese, da anni sta realizzando un percorso di approfondimento e riflessione su grandi temi sociali, quali il suicidio (piaga della società giapponese, da quello di massa per fanatismo religioso, a quello dei singoli per motivi politici o nei malati terminali), il rapporto dell’uomo con la morte, la memoria e i sentimenti profondi e contrastanti, nel contesto di storie incentrate sulle famiglie di oggi, in cui l’allargamento ormai frequente può turbare le dinamiche esistenti.  E’ stato il caso di Father and Son(2013) e ora di LITTLE SISTER (2015). Quest’ultimo film è ispirato da un manga di Yoshida Akimi (Unimachi’s Diary), che l’autore ha permesso al regista di riscrivere liberamente  per allargare  l’osservazione a più di un solo personaggio. Si tratta di tre sorelle (Sachi,Yoshino e Chika) che vivono insieme nella cittadina di Kamakura, dopo l’abbandono del padre, avvenuto15 anni prima, che si  è poi risposato due volte, e il successivo allontanamento anche della madre, per problemi di incompatibilità con la figlia maggiore( Sachi). Le ragazze vivono serenamente nella vecchia e confortevole casa dove sono nate, con il lavoro di Sachi e Yoshino, mentre Chika si occupa della casa, non si parlano molto, ma i loro dialoghi sono armoniosi, spesso con un tocco di umorismo e una grande attenzione, che ha del rituale, al cibo. Sono ragazze moderne, disinvolte, vestite all’occidentale, che rispettano però le tradizioni e hanno il culto dei ricordi. AI funerale del padre, morto dopo lunga e penosa malattia, conoscono Suzu, una quindicenne nata dal secondo matrimonio, e ora orfana di entrambi i genitori. La ragazzina, bene educata e ossequiosa, entra in immediata empatia con le sorelle acquisite e non esita a accettare di andare a vivere con loro su invito di Sachi, che adulta qual'è, percepisce l’imbarazzo e la sofferenza nascoste sotto quel continuo sorridere, inchinarsi e dire grazie. Il racconto procede nell’arco di quattro stagioni, con piacevole e discreta invadenza nelle abitudini delle quattro sorelle riprese nelle semplici abitudini quotidiane, con la mdp magistralmente impiegata che mostra dai primi piani degli oggetti, del cibo in preparazione, del liquore di pere fatto per tradizioni lontane il cui colore cambia col passare del tempo come i sentimenti, dei volti ora assorti ora sorridenti ora lontani, il quieto ribollire di  paure, incertezze nelle scelte, intolleranze e sensi di colpa che specie Suzu avverte sentendosi causa con la sua nascita di sofferenze altrui e Sachi che è a un bivio tra un amore irregolare e incerto e la sua professionalità di infermiera…Se la nuova famiglia sembra rischiare lo sgretolamento, pur nella bellezza naturale dei luoghi e la fioritura del pesco che illumina e rallegra, gli avvenimenti e i mutamenti  interiori, potrebbero indirizzare le cose nel modo più conveniente per il momento liberandola da dolori inutili riferibili al passato……

 

Musiche evocanti temi orientali, situazioni stereotipate, tempi morti nella narrazione meticolosamente descrittiva, un apparente distacco del regista dal mondo femminile, che forse è solo discreta contemplazione, rendono l’opera un po' meno profonda e coinvolgente di altre, come Father and Son. Esiste però il valore aggiunto della semplicità  e  della freschezza che aiutano lo spettatore ad avvicinarsi al racconto ed apprezzare le giovani attrici.

 

Kaho, Haruka Ayase, Masami Nagasawa

Little Sister (2015): Kaho, Haruka Ayase, Masami Nagasawa

Suzu Hirose

Little Sister (2015): Suzu Hirose

Haruka Ayase, Suzu Hirose, Kaho

Little Sister (2015): Haruka Ayase, Suzu Hirose, Kaho

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati