Espandi menu
cerca
45 anni

Regia di Andrew Haigh vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alfbester

alfbester

Iscritto dal 27 maggio 2015 Vai al suo profilo
  • Seguaci 1
  • Post -
  • Recensioni 10
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su 45 anni

di alfbester
6 stelle

Il film affronta un tema intrigante:  il fermarsi del tempo nella mente di un uomo quasi anziano con le emozioni che implica. Chi di noi non ha  vissuto da giovane un amore travolgente che , supposto sepolto, riemerge attraverso il culto delle immagini e delle fotografie  e il passare del tempo? E nel film addirittura dal ghiaccio che lo ha tenuto ibernato per 45 anni. Chi dopo i 60 anni non prova nostalgia per la giovinezza , l'avventura perduta, i luoghi amati,  il futuro allora desiderato e non realizzato? Così la nostalgia e il rimpianto riaccendono il desiderio di ciò che avrebbe potuto essere, che sembra ancora essere ( l'illusione). Allora il tempo vissuto nel presente va in corto circuito e la vita di coppia con l'attuale coniuge viene adombrata dal sospetto  e da un incrinarsi della fiducia nell'altro. Solo due straordinari attori potevano saper rendere visibile la propria anima con una sfaccettatura così precisa. Ma il film si limita a registrare queste emozioni riducendo la prospettiva a queste note scolpite nei visi, restando alla superficie fenomenologica con primi piani insistiti sul volto dei protagonisti senza restituirne tutta  la complessità dei pensieri. La sceneggiatura avrebbe potuto indagare meglio nell'anima della coppia. Come è possibile credere che non abbiano fotografie in comune di momenti significativi? Che rapporto c'è stato tra i due? Non averne ricostruito un po' di storia biografica ci fa immaginare un deserto nella loro  vita sentimentale . Così a me è parso che il film si limiti a descrivere tramite il brullo  paesaggio esterno l'autunno del loro senso di vivere  e lasci a noi il compito di immaginare come abbiano vissuto il loro rapporto col rischio di nostre proiezioni psicologiche. Tuttavia l'espressione del viso finale della Reimpling per me avvalora l'idea che lei si senta tradita ed ingannata e che lui finga di ricredere al suo amore dichiarato durante la festa dell'anniversario. Quindi su di lui ricadrebbe la colpa di aver ingannato.Un punto di vista costruito su quello della moglie. Ma se la dichiarazione d'amore di lui aprisse alla speranza del rilancio della relazione? Il  rimpianto del passato può aprire al futuro se non nega la speranza. Altrimenti rivela uno stato di malattia o di estremo disagio dove la mente diventa  solaio di ricordi. Courtenay bravo ma reso non simpatico dal ruolo iterpretato.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati