Espandi menu
cerca

Blood Father

play

Regia di Jean-François Richet

Con Mel Gibson, Diego Luna, Erin Moriarty, William H. Macy, Elisabeth Röhm, Dale Dickey, Michael Parks, Thomas Mann, Ryan Dorsey... Vedi cast completo

  • In TV
  • Premium Cinema 1
  • canale HD 313
  • Ore 19:45
Altre VISIONI

Trama

Dopo che il fidanzato la inguaia per aver rubato una fortuna al cartello del narcotraffico, la diciottenne Lydia è costretta a darsi alla fuga trovando un solo alleato: il padre John, un motociclista ubriacone, drogato e fuorilegge. Determinato a proteggere la figlia da ogni male, John per una volta in vita sua farà la cosa giusta.

Approfondimento

BLOOD FATHER: IL FOLLE AMORE DI UN PADRE

Diretto da Jean-François Richet e sceneggiato da Peter Craig e Andrea Berloff, Blood Father si basa su un romanzo dello stesso Craig e racconta la storia di John Link, un padre disposto a tutto per salvare la figlia Lydia. Dopo che il suo fidanzato l'ha messa nei guai per aver rubato una fortuna in contanti a un cartello della droga, la diciassettenne Lydia è costretta a darsi alla fuga potendo contare solo sull'aiuto del padre John, un fuorilegge in moto con una condanna sulla sua testa determinato a fare per la prima volta nella sua vita la cosa giusta.

Con la direzione della fotografia di Robert Gantz, le scenografie di Robb Wilson King, i costumi di Terry Anderson e le musiche composte da Sven Faulconer, Blood Father viene così descritto dal regista in occasione della presentazione del film fuori concorso al Festival di Cannes 2016: «A distanza di dieci anni da Assault on Precinct 13 sono tornato a lavorare negli Stati Uniti per un'opera che poggia su personaggi tutti appartenenti al sottobosco criminale che vivono in un contesto di violenza e sopravvivenza dal quale risulta impossibile scappare via. Blood Father racconta di una lotta di potere con un approccio differente rispetto ai miei film precedenti. Quando è uscito dal carcere, il protagonista John Link (interpretato da Mel Gibson) ha deciso di riscattarsi e di lavorare per vivere. Risiede in un parcheggio per camper dove interagisce con altre persone appartenenti alla classe operaia, una piccola "città" fatta esclusivamente di gente che ha sofferto della recessione economica. A pensarci bene, tutti i personaggi positivi appartengono alla classe operaia, un modo per sottolineare come le lotte di potere sono alienanti e come la violenza sia liberatoria, anche se richiede un prezzo da pagare.

Blood Father trae spunto dall'ultima parte del libro omonimo di Peter Craig che, al di là della ferocia e dell'egoismo generale, si concentra sull'amore folle di un padre nei confronti della figlia. John Link sembra l'unica persona in grado di amare, in grado ancora di conoscere a pieno il significato delle parole sacrificio e fedeltà in un mondo in cui hanno preso il sopravvento i traffici, l'avidità e gli interessi economici. Ancora prima della sceneggiatura, avevo letto il libro e avevo trovato stupefacente il ritratto che Craig fa dell'America, un paese in cui i giovani ricchi, a differenza degli operai e di tutti coloro che si guadagnano il pane con il sudore della fronte, hanno una particolare inclinazione alla droga, alle orge e alle regole da gangster. Il conflitto tra John e la figlia Lydia è da appuntare ai differenti contesti socioculturali a cui appartengono. John crede che la vita sia tutta questione di sacrificio. Tuttavia, ha preso diverse batoste per le sue convinzioni, finendo anche in carcere per proteggere il "padre adottivo". Cosa ha dunque ottenuto? Nulla. Per salvare la figlia, compensare la sua assenza e ridarle la gioia di vivere, è allora disposto a tutto e si libera dalle sue credenze grazie alla violenza. Ecco perché la violenza è liberatoria.

Ci sono però delle differenze tra il libro di Craig e il mio film. Il libro è più una storia di formazione che si concentra su Lydia mentre il mio film sceglio come punto di riflessione il padre John, trasformandosi in una storia sulla trasmissione di sopravvivenza, di emancipazione, di amore e di sacrificio».

Commenti (5) vedi tutti

  • Specialista di film d'azione, il francese Jean-François Richet aveva dato buona prova di sé con Nemico pubblico n° 1. Qui tocca invece uno dei suoi punti più bassi, allestendo un thriller verboso e inverosimile, penalizzato dal pessimo doppiaggio italiano e da attori che non riescono a tenere il passo di un Mel Gibson in veste meramente muscolare.

    leggi la recensione completa di barabbovich
  • Action, non molto originale,ma tutto sommato passabile.

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • FILM PIù CHE MEDIOCRE...HO MOLLATO A POCO PIù DI METà. IL DOPPIAGGIO INOLTRE è VERGOGNOSO.

    commento di Ottiperotti
  • Un film che prova a distinguersi dal minestrone che è diventato questo genere, ma fallisce miseramente, toccando punti di idiozia difficilmente raggiungibili.

    leggi la recensione completa di TonyL
  • Un uomo alcolizzato vive solo nel deserto facendo tatuaggi, nel ricordo di una figlia fuggita poco più che bambina di casa. Quando questa torna, in un mare di guai, John avrà l'occasione di dimostrare ciò che vale. Thriller "americano" con situazioni viste mille volte, girato sui ritmi veloci e la violenza sanguigna di certi "film '80-'90. Inutile.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

emil di emil
6 stelle

  L'ex galeotto alcolista John Link (Mel Gibson) è in libertà vigilata. Vive in una roulotte nel deserto dell'Arizona in una specie di comunità , tira a campare facendo il tatuatore. Link ha anche una figlia che non vede da tempo (E. Moriarty) che si è messa in un brutto casino con dei narcotrafficanti. Roba di soldi. Quando busserà alla porta del papino… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

supadany di supadany
4 stelle

26 Noir in Festival (Como/Milano). Nella carriera di un regista un deragliamento può passare inosservato, ma quando ne segue precocemente un altro, allora qualche preoccupazione potrebbe anche sorgere spontanea. Così, Jean-François Richet, in soli due anni – Un momento di follia e appunto Blood father – si è giocato gli enormi crediti accatastati… leggi tutto

5 recensioni negative

2020
2020

Recensione

barabbovich di barabbovich
3 stelle

Una diciassettenne scapestrata (Moriarty) spara sul suo fidanzato (Luna), un affiliato ai cartelli della droga messicani. Ricercata dagli scagnozzi dell'uomo, che lo vogliono vendicare, la ragazza non ha altra risorsa che rivolgersi al padre, una specie di clochard con un passato da alcolizzato, tossicodipendente e galeotto che lei non vede da anni. Il genitore non vuole lasciarsi sfuggire…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 18 dicembre 2020 su Rete 4
2019
2019
Trasmesso il 13 novembre 2019 su Rete 4
Trasmesso il 5 febbraio 2019 su Rsi La1
2018
2018

Recensione

Furetto60 di Furetto60
5 stelle

John Link, alias mel Gibson, è un motociclista alcolizzato, dal passato violento, tossicodipendente ed ex galeotto, uscito da poco da galera,dove ha scontato una condanna di 9 anni, per traffico d'armi,si guadagna ora da vivere tatuando strani soggetti. Inserito in un programma di riabilitazione,frequenta regolarmente gli incontri degli alcolisti anonimi e vive da solo in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 24 ottobre 2018 su 20
Trasmesso il 23 ottobre 2018 su 20
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Trasmesso il 30 maggio 2018 su Canale 5
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

emil di emil
6 stelle

  L'ex galeotto alcolista John Link (Mel Gibson) è in libertà vigilata. Vive in una roulotte nel deserto dell'Arizona in una specie di comunità , tira a campare facendo il tatuatore. Link ha anche una figlia che non vede da tempo (E. Moriarty) che si è messa in un brutto casino con dei narcotrafficanti. Roba di soldi. Quando busserà alla porta del papino…

leggi tutto

Recensione

will kane di will kane
5 stelle

Messosi in testa di azzerare la propria esistenza, chiudendo i conti con un passato di carcere, droga e sbornie, Link si è messo a fare il tatuatore, vive in una comunità di recuperati, e tutto pare, seppur faticosamente, avere un'aura di normalità, finchè la figlia diciassettenne del protagonista non si inguaia, essendosi messa con un giovane rampante di un cartello…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Karl78 di Karl78
4 stelle

Ok, è il regista che va da Etat de lieux a Nemico pubblico n.1, allora cos'è questa merda? Mi sfugge totalmente come possa aver ottenuto quasi il 90% di giudizi positivi su Rotten. Magari il doppiaggio non aiuta ma non vedo cosa possa cambiare tanto da rivoluzionare il giudizio. La sceneggiatura è inesistente, idem i dialoghi, i personaggi hanno spessore paragonabile alla…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

TonyL di TonyL
2 stelle

Siamo in un territorio sperduto probabilmente al confine con il Messico (ancora non c'è il muro), e la giovane Lydia uccide per errore il capo di una piccola banda di narcotrafficanti molto incazzati, che decidono di inseguire la ragazza. Lei allora va da suo padre Link (Mel Gibson), ex galeotto con un passato di drogato-alcolizzato-assassino alle spalle. I due vengono attaccati dalla…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
2016
2016

Recensione

supadany di supadany
4 stelle

26 Noir in Festival (Como/Milano). Nella carriera di un regista un deragliamento può passare inosservato, ma quando ne segue precocemente un altro, allora qualche preoccupazione potrebbe anche sorgere spontanea. Così, Jean-François Richet, in soli due anni – Un momento di follia e appunto Blood father – si è giocato gli enormi crediti accatastati…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito