Espandi menu
cerca
L'A.S.S.O. nella manica

Regia di Ari Sandel vedi scheda film

Recensioni

L'autore

maurizio73

maurizio73

Iscritto dal 25 giugno 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 82
  • Post 4
  • Recensioni 814
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'A.S.S.O. nella manica

di maurizio73
4 stelle

Dalla tassonomia sociale della solita teen-comedy americana, i propositi buonisti del riscatto di una Nerd femminista e bruttina che cede all'omologazione ed al fascino romantico per il bell'imbusto di turno. Inutile fuga dalle solitarie prigioni di una gabbia di acronimi.

Quando si rende conto che la sua immagine sociale è subordinata al fascino ed all'interesse per le sue due amiche del cuore, più belle e spigliate di lei, la combattiva e consapevole Bianca intraprende una vera e propria battaglia contro il pregiudizio e l'ostracismo che grava verso una categoria di individui in cui si rifiuta di riconoscersi. In suo aiuto viene l'aitante ed atletico compagno di scuola e vicino di casa Wes, in una relazione di mutuo soccorso che consentirà a lui di superare un importante test scolastico ed a lei di conquistare il ragazzo del cuore a cui non ha mai osato rivolgere la parola. Le cose però prendono una piega del tutto inaspettata.

 

locandina

L'A.S.S.O. nella manica (2015): locandina

 

Se è vero che la tassonomia sociale della teen-comedy americana sembra ancora la condizione necessaria e sufficiente per un'operazione in cui riconoscere e provare a sovvertire un immaginario un pò logoro di modelli perfetti e succedanei perfettibili, questa ennesima versione in chiave politically-uncorrect sembra avere come unico motivo di originalità ed interesse quello che il Nerd di turno sia in realtà una pingue e risoluta femminuccia , che non si vuole arrendere al ruolo ed alla collocazione sociale che qualcun altro ha scelto per lei, sfoggiando il solito armamentario di goffaggine e seduzione che ne rappresenta il riscatto eroico e femminista in un mondo di omologazione ed irreversibile conformismo. Peccato che piuttosto che metterli alla berlina, il film proceda nel valorizzare tutti i luoghi comuni più retrivi di questo genere di produzioni, passando dalla solita galleria di personaggi sempre uguali a sè stessi (l'atleta, le pin up, la secchiona, il professore eccentrico, la mamma-guru, etc.) alla sconfessione dell'ipocrisia relazionale attraverso una riconferma del solito buonismo di ritorno, in cui la sincerità ed il valore umano dei sentimenti conta di più di qualunque plausibile ideale di appartenenza sociale e di attrazione sessuale. Aggiornare queste tematiche vecchie come il cucco al tempo della connettività multimediale, del cyber-bullismo e dei format televisivi da riscatto del brutto anatroccolo non bastano però a salvare questa commediola leggera e scontata dalla insipienza dei suoi risultati, riconfermandoci non solo che i valori di riferimento dell'american way of life non guardano in faccia nessuno (oppure sì?) ma soprattutto che si continua a cavalcare una retorica sentimentale che vuole riscattare una coscienza cattiva e superficiale premiando la tenacia di chi punta sulle proprie competenze e le proprie qualità nascoste per riuscire nell'intento che alle altre risulta assai più facilitato: allargare le gambe al bellimbusto di turno. La Masaniella di questo anarchismo della restaurazione insomma tenta a tutti i costi di sottrarsi alle solitarie prigioni di una gabbia di acronimi (A.S.S.O/D.U.F.F) tutti parimenti volgari e insultanti, per riconquistare autostima ed apprezzamento nell'adesione ad un modello che sulla carta sembra disprezzare e finendo per assecondare la banalità e l'omologazione in cui quella stessa società di caste inespugnabili vorrebbe precipitare i paria come lei. Inficiato dalle implicite contraddizioni di questi presupposti ideologici e senza particolari guizzi del registro brillante, il film cerca di appoggiarsi alla verve comica della brava Mae Whitman, la cui remissiva personalità non riesce a compensare tutti quei deficit fisici (dalla cifosi alle sopracciglia da Hobbit, dalla monotetta alle camicie di flanella) che lo strano rapporto col suo personal-fashion trainer (un credibile Robbie Amell) dovrebbe stigmatizzare e far passare in secondo piano. Ma, si sa, le alchimie sentimentali se ne fregano delle inclemenze dello specchio e dell'alito cattivo. Cinque nomination ai Teen Choice Award 2015 ed un solo premio, quello come cattiva di turno alla bella (nomen omen) Bella Thorne. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati