Espandi menu
cerca
Ti ho sempre amato

Regia di Mario Costa vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 151
  • Post 16
  • Recensioni 10396
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Ti ho sempre amato

di mm40
3 stelle

Lui è ricco e piacente, lei una bella orfanella: l’amore sta per vincere le differenze sociali quando si intromette una terza incomoda, che per gelosia allontana la pretendente. Ma la storia non può finire così.

All’interno del filone del melodramma che spopolò nel secondo dopoguerra – con Raffaello Matarazzo a guidare la carovana – anche Mario Costa trovò soddisfazione, e ripetutamente: Ti ho sempre amato! (il punto esclamativo in fondo conferisce al titolo la giusta enfasi romantica) è una delle pellicole licenziate nei primi anni Cinquanta da Costa che ripercorre fedelmente i canoni del filone: una storia d’amore sulla carta impossibile – per differenza di classe sociale: non una grossa novità – prende forma a dispetto di terzi incomodi e beffe del destino. In questo caso la sceneggiatura di Alberto Albani Barbieri, Leonardo Benvenuti, Alessandro Ferraù e Giuseppe Mangione, tratta da una commedia di Enrico Ragusa, vira al positivo, donando alla vicenda un lieto fine accomodante, abbastanza posticcio, ma in linea con la storia piuttosto lineare e stereotipata. Indubbiamente la scelta di un protagonista quale Amedeo Nazzari, divo del melodramma italiano di quegli anni, deve aver influito non poco sul buon esito al botteghino dell’opera; da non sottovalutare in ogni caso gli apporti di Tonino Delli Colli (fotografia) e Carlo Rustichelli (colonna sonora), senza poi citare, nel cast, la presenza di Myriam Bru, Tamara Lees, Jacques Sernas, Marisa Merlini, Aldo Bufi Landi e Aldo Giuffré (questi ultimi in ruoli marginali). Un’ora e mezza di discreto artigianato di una volta, ma nulla di più. 3,5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati