Gli invisibili

Regia di Oren Moverman

Con Richard Gere, Ben Vereen, Jena Malone, Kyra Sedgwick, Jeremy Strong, Yul Vasquez, Coleman Domingo, Geraldine Hughes, Michael Kenneth Williams... Vedi cast completo

Guardalo su
  • iTunes
  • iTunes
  • Tim Vision
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

George, un uomo in declino, è costretto a venire a contatto con il sistema di aiuto ai senzatetto della città di New York. Senza altre ulteriori opzioni, cercherà di muoversi in un ambiente a lui molto lontano grazie all'aiuto di Dixon, un veterano che sta cercando di riallacciare i rapporti con l'estraniata figlia Maggie.

Approfondimento

GLI INVISIBILI: NEL MONDO DEI SENZATETTO

Scritto e diretto da Oren Moverman, Gli invisibili racconta la storia di George, un uomo sempre più disperato la cui vita va a rotoli. Con nessuno a cui rivolgersi, George si ritrova alla deriva per le strade di New York e, dopo aver esaurito tutte le possibili opzioni per un alloggio, si rifugia al Bellevue Hospital, il più grande centro di accoglienza di New York per uomini senza fissa dimora. Qui, in un ambiente difficile, sconcertante e pieno di anime in pena, stringe amicizia con uno stagionato conoscitore della struttura, cominciando a ritrovare la speranza di riallacciare i rapporti con la propria figlia.

Con la direzione della fotografia di Bobby Bukowski, le scenografie di Kelly McGehee, i costumi di Catherine George e le musiche supervisionate da Stephanie Diaz-MatosGli invisibili ha per protagonista l'attore Richard Gere, irriconoscibile nei panni disperati di George, un uomo costretto a vivere circostanze che nessuno vorrebbe mai sperimentare. Rimbalzando da una situazione all'altra, George è pressoché invisibile agli occhi degli abitanti della città che lo circondano. A spiegare meglio le intenzioni di Gli invisibili sono le parole del regista Oren Moverman: «Tutto è cominciato quando ho incontrato Richard Gere a una festa. Ci conoscevamo dai tempi di Io non sono qui e mi ha parlato dei progetti che stava cercando di mettere in atto. Uno di questi mi ha affascinato perché era molto vicino al soggetto già pronto firmato da Jeffrey Caine ma ho voluto lavorarci sopra per inserire le preoccupazioni e le tematiche su cui io e Richard volevamo fare il punto. Ne è venuta fuori la storia di un uomo che finisce in un centro per senzatetto, un punto di partenza insolito per raccontare di una catarsi.

Proprio come accaduto con Oltre le regole. The MessengerRampart, i miei precedenti film ispirati a eventi reali, è stato per me importante parlare con persone che avevano vissuto la reale esperienza che mi accingevo a filmare. Volevo capire come ci si sente a non avere nulla: così, io e Richard ci siamo recati insieme nei centri per i senzatetto, abbiamo parlato con la gente, i volontari e tutti coloro che lavorano con i barboni.

Richard voleva da tempo realizzare il film. Era determinato a raccontare una realtà spesso dimenticata e a interpretarne il protagonista. Era per ciò essenziale trovare qualcuno da affiancargli che condividesse lo stesso amore per il progetto. Kyra Sedgwick, ad esempio, nell'accettare il ruolo di una donna senza fissa dimora ha voluto parlare con donne che conoscevano quel mondo da vicino, tirando fuori un personaggio molto realistico.

Empatia e compassione sono gli unici elementi di Gli invisibili che ci hanno guidato. Raccontiamo la storia di una persona a cui di solito non prestiamo attenzione dal momento che in una grande città come New York chiunque è troppo impegnato con il proprio dramma da vivere. Con il film, chiediamo per una volta di prestare attenzione a chi ci circonda - è già questo un atto di compassione - con la speranza che alla fine si guardi in maniera diversa a chi per mangiare fruga in un bidone della spazzatura.

Potrei definire Gli invisibili un'opera di osservazione, qualcosa di sperimentale. Dopotutto, è un lungometraggio che permette di trascorrere del tempo con qualcuno che mai avvicineremmo se non fossimo nella sua stessa identica condizione. Non forniamo risposte ma ci sono molte domande. Non ci sono cattivi e non ci sono buoni: al centro del film, ci sono solo gli esseri umani».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (6) vedi tutti

  • Ipad e fratelli, visioni e scansioni veloci e superficiali stanno travolgendo anche le visioni che che chiedono meditazione e silenzio, immersione e com-passione. E' il caso di Invisibili, opera attenta e meditata che meriterebbe più passaggi e non l'essere relegata in angoli bui dei palinsesti

    commento di GAT
  • Diciamo che e' un Film di Denuncia ben impostato,con un buon e notissimo Attore a fare da contr'Altare alla Storia ma proprio questa non prende piu' di tanto e alla fine la si puo' dimenticare frettolosamente.voto.4.

    commento di chribio1
  • Riprese nascoste dietro vetrate,quasi il regista volesse fare un documentario,Gere e' bravo ,ma l'opera mi ha lasciato perplesso....molto perplesso.Voto 5.5.

    commento di ezio
  • realistico e doloroso

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • L'America di Moverman è quella marginale e sconfitta della Kelly Reichardt di Old Joy e Wendy and Lucy, un paese delle opportunità non andate a buon fine e di una ricerca di valori umani (l'amicizia, l'amore filiale, l'attaccamento al proprio cane) che sembrano gli unici antidoti ad un nichilismo esistenziale da cui non pare esserci scampo.

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • Lento macchinoso......il tipico film fatto per l'attore che lo deve interpretare....giusto perché si chiama Richard Gere altrimenti sarebbe passato nel dimenticatoio.

    commento di ripley2001
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
7 stelle

Festival Internazionale del film di Roma- Cinema d'oggi.  George è un uomo sulla sessantina che si ritrova alla deriva, senza una famiglia e senza un posto dove andare. Dopo vari tentativi infruttuosi di trovare una sistemazione, si reca al Bellevue Hospital, il maggiore centro di accoglienza per gli homeless newyorkesi. L'amicizia con un uomo di colore nelle sue stesse condizioni… leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

maurizio73 di maurizio73
5 stelle

Cacciato dall'appartamento fatiscente in cui era ospite a causa dello sfratto della sua amica affittuaria, George si ritrova a vagabondare per le strade di Manhattan passando dalla sala d'aspetto di un grande ospedale ad un affollato dormitorio pubblico, da un banco dei pegni in cui racimolare qualche soldo ad un ufficio dell'assistenza sociale dove riscattare le proprie credenziali, cercando… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
4 stelle

Dismessi i panni del miliardario Franny, il un solo colpo Richard Gere si trova catapultato dalla parte opposta della scala sociale. Per l'occasione è un clochard newyorchese che ha perso dignità, lavoro e l'affetto di una figlia che ricerca ostinatamente. La macchina da presa lo segue quasi sempre da dietro vetrate, muri, cancelli, portoni: una didascalia fin troppo sottolineata… leggi tutto

1 recensioni negative

2020
2020
Trasmesso il 7 ottobre 2020 su Rai Movie
Trasmesso il 6 ottobre 2020 su Rai Movie

Recensione

galaverna di galaverna
6 stelle

Richard Gere, che del film è stato anche produttore, riesce nel non facile compito di interpretare senza retorica nè pietismo il personaggio di un senzatetto, regalandoci oltre ad una delle sue migliori prove anche lo spaccato di un America ai margini (bella ed indicativa,ad esempio, la difficoltà nel vedersi riconoscere un documento che attesti l'esistenza e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 18 marzo 2020 su Rai Movie
Trasmesso il 27 febbraio 2020 su Rai Movie
Trasmesso il 26 febbraio 2020 su Rai Movie
2019
2019
Trasmesso il 22 dicembre 2019 su Rai 5
Trasmesso il 17 dicembre 2019 su Rai 5
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 31 luglio 2019 su Rai Movie
2018
2018

Recensione

Eric Draven di Eric Draven
5 stelle

  Oggi voglio parlarvi di questo film passato quasi sotto silenzio quando uscì in Italia, arrivato con due anni di ritardo. Sì, negli Stati Uniti fece il suo debutto nelle sale nel 2014, mentre da noi, distribuito da Lucky Red, è stato presentato al pubblico, con scarso successo, ripeto, solo il 15 Giugno del 2016 (anche se IMDb riporta il giorno dopo), in un periodo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2017
2017
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

Dramma della miseria e della solitudine.Richard Gere,attore versatile come sempre,è il  protagonista della storia di un "clochard" per caso,come spesso succede,trasognato, confuso,senza identità,senza appigli e privo di riferimenti,si aggira come una larva umana nelle strade di New York, a caccia di un giaciglio "umano" alle prese con problemi di sopravvivenza, in balia di…

leggi tutto
Recensione

Recensione

zombi di zombi
7 stelle

george hammond un nome ce l'ha, ma non ha più nient'altro. viene cacciato da una casa che dice di essere di sheila all'inizio del film e deve cominciare il suo iter per avere un posto dove andare a dormire, perchè fuori, in città c'è molto freddo. GLI INVISIBILI per me non si addice al film. è un titolo da programma sociale che indaga il fenomeno per cui molte…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2016
2016

Recensione

will kane di will kane
6 stelle

Storie di ordinaria disperazione si incrociano tra senzatetto che, per scelta, indole, o concatenazione di fatti, sono finiti elemosinando un posto in cui dormire al caldo, o qualcosa da mettere in corpo per sopravvivere un giorno ancora. Di solito il tema non fa molta gola al cinema, ed il clochard è visto in maniera poeticamente surreale, qua da noi, o, oltre oceano, viene dipinto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

maurizio73 di maurizio73
5 stelle

Cacciato dall'appartamento fatiscente in cui era ospite a causa dello sfratto della sua amica affittuaria, George si ritrova a vagabondare per le strade di Manhattan passando dalla sala d'aspetto di un grande ospedale ad un affollato dormitorio pubblico, da un banco dei pegni in cui racimolare qualche soldo ad un ufficio dell'assistenza sociale dove riscattare le proprie credenziali, cercando…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito