Espandi menu
cerca
Mi chiamo Maya

Regia di Tommaso Agnese vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 227
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Mi chiamo Maya

di FilmTv Rivista
4 stelle

Cinema italiano, capitolo adolescenza metropolitana problematica. Come quella della sedicenne Niki, la cui innocenza termina con la morte della madre. Dopo 15 giorni di degenza in ospedale insieme alla sorella Alice, di nove anni, e zero minuti per metabolizzare la più atroce delle perdite, sono già nelle mani di un’assistente sociale incapace di gestire la situazione. La più piccola ha un padre (finora assente) in America, ma scappa con la sorella per non perderla. Sulla strada incontrano un’umanità priva di figure genitoriali: cubiste minorenni, parioline svitate, artisti di strada, droghe, sesso e turpiloquio. Lo spunto arriva dalla cronaca, il risultato è un racconto di formazione dai contrasti irrisolvibili. Soggetto e situazioni sono toccanti oltre la soglia del ricattatorio: dalle lacrime della piccola Alice al tema dell’abbandono del tetto domestico e delle fughe dalle case famiglia. I toni, spesso innaturali, contrastano con una scrittura che cerca di affrancarsi del buonismo per affondare le mani nella disperazione, tra figure adulte inette, istituzioni fatiscenti e scenari giovanili dove la perdizione è la cifra principale (la festa e lo sballo uniscono la Roma bene, quella sottoproletaria e quella di strada, tutta rave, piercing e sadomaso). Al centro, il corpo della protagonista come trofeo da esibire, plasmare e corrompere. Interessanti guizzi che non trovano coerenza espressiva in un impianto da cinema sociologico mai realmente coraggioso.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 18 del 2015

Autore: Adriano Aiello

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati