Espandi menu
cerca
Anémic cinéma

Regia di Marcel Duchamp vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 132
  • Post 16
  • Recensioni 8989
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Anémic cinéma

di mm40
5 stelle

Un disco con una frase - giochi di parole, contrepeteries - gira per qualche secondo, lasciandoci leggere le parole scritte in senso circolare; segue per un tempo altrettanto breve un'elaborazione grafica a spirale in movimento, poi un altro disco e un'altra frase, quindi un'altra spirale in movimento e così via fino alla fine.

Cortometraggio d'avanguardia girato dal geniale iconoclasta Marcel Duchamp, sotto lo pseudonimo talvolta da lui utilizzato Rrose Selavy. Bizzarra - nel personaggio - la scelta di firmarsi nel finale con la propria impronta digitale. Sette minuti neppure di animazione, nessun attore, solo dischi rotanti e spirali animate, con l'inevitabile suggestione dell'ipnosi. Le frasi che scorrono sullo schermo sono giochi di parole a sfondo ironico e contrepeteries, tipici motti francesi difficilmente traducibili in altre lingue (specie quella italiana: poichè si basano su scambi di suoni nella pronuncia delle parole). Anche il titolo del film è, naturalmente, un anagramma. Questo breve scherzo risulta essere l'unica effettiva regia di Duchamp; fra i surrealisti furono molto più attivi nel cinema Salvador Dalì e Man Ray. 5,5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati