White God - Sinfonia per Hagen

play

Regia di Kornél Mundruczó

Con Zsófia Psotta, Sándor Zsótér, Lili Horváth, Szabolcs Thuróczy, Lili Monori, Gergely Bánki, Tamás Polgár, Orsolya Tóth... Vedi cast completo

Guardalo su
  • RaiPlay
  • Tim Vision
  • CG Entertainment
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

In base alle nuove disposizioni governative, per il possesso dei cani di razza mista in Ungheria si deve pagare una tassa. Per evitare il pagamento, le famiglie di Budapest cominciano a liberarsi dei loro cani di razza mista e lo stesso destino sembra toccare anche ad Hagen, il cane di una dodicenne di nome Lili. Figlia di genitori divorziati, Lili viene mandata a vivere per un periodo dalla madre e ad occuparsi dello "smaltimento" del cane è il padre.

Approfondimento

WHITE GOD: UNA METAFORA SULLE MODERNE SOCIETÀ

Diretto da Kornél Mundruczó e scritto dal regista con Viktória Petrányi e Kata Wéber, White God racconta dell'intensa amicizia tra la tredicenne Lili e il cane Hagen, in un mondo in cui l'uomo domina con le sue leggi e dispone delle razze inferiori a proprio piacimento. A muovere le fila della storia è una misura governativa apparentemente innocua che mira a rendere più disciplinato l'allevamento dei cani, favorendo gli animali di razza pura a discapito dei meticci su cui invece viene posta una tassa. Con la popolazione che inizia ad abbandonare i 'bastardini', la tredicenne Lili cerca disperatamente di proteggere il suo Hagen, non accettando quella che ai suoi occhi è una regola insensata e crudele. Quando suo padre abbandona Hagen per le strade, Lili in nome dell'amore per il quattro zampe si ripropone di ritrovarlo e metterlo in salvo. Nel frattempo, per le strade di una città sempre più pericolosa, Hagen realizza come non tutti gli umani siano amici dei cani, fuggendo da due accalappiacani, cimentandosi con un furbo mendicante e finendo dapprima prigioniero di un addestratore di lotte tra cani e poi con l'aggregarsi a un gruppo di cani randagi. Il precipitare degli eventi farà sì che proprio i cani organizzino la loro rivolta contro l'umanità, finalizzata a ottenere una spietata vendetta.

Fotografato da Marcell Rév e con le scenografie di Panni LutterWhite Goddiventa quindi racconto metaforico sulla ribellione contro la disumanità dell'uomo, come spiegano le parole dello stesso Mundruczó: «Non è un segreto che mi piace sperimentare con i generi. White God è ispirato dalle sempre più assurde e rancorose relazioni sociali moderne. A mio parere, in parallelo agli effetti generati dalla globalizzazione, il sistema delle caste si è nettamente definito: la superiorità è divenuta un privilegio della razza bianca, della società occidentale, che ha finito per trarne vantaggio. Di conseguenza, tutti noi occidentali apparteniamo a una massa privilegiata. Con il mio film, volevo mostrare le passioni che infuriano nelle minoranze che criticano la nostra detestabile fiducia in noi stessi, il nostro universo fatto di menzogne e verità alterate e il nostro desiderio di distruggere ipocritamente le disuguaglianze, non credendo nella pace o nella pacifica convivenza.

Tuttavia, al posto delle minoranze, ho scelto come soggetto gli animali. L'ho fatto perché volevo concentrarmi liberamente sulla storia e per avere il minor numero di tabù possibile. Pertanto, ho voluto raccontare la storia di questi cani, una specie espropriata da quella qualità che li voleva come i migliori amici dell'uomo. L'uomo li ha traditi e, a loro volta, i cani organizzano la ribellione contro i loro ex padroni e compagni al fine di salvaguardare la loro esistenza.

Ho mescolato avventura, vendetta, ribellione ed eroismo, per far sì che i topoi dei film di vendetta e le caratteristiche allegoriche dei film con animali emergessero in maniera dinamica, emozionante e innegabilmente emotiva. Non c'è dubbio che di fronte a un tradimento e all'amicizia nessuno prenda posizione. Ho voluto che Lili, la tredicenne protagonista, divenisse il nostro specchio. Attraverso le sue azioni, entriamo nel mezzo del meccanismo delle confabulazioni: il suo percorso di formazione è l'allarmante esempio di ciò che speriamo che i nostri figli non diventino crescendo. Lili è una coraggiosa ragazza dal cuore d'oro che ha il coraggio, alla fine, di oltrepassare il netto confine (il nostro confine) che separa figli e genitori. Ha la forza di ribellarsi e di contraddire il padre, anche a costo della sua stessa vita.

Il mio obiettivo era quello di spingerci a fare il tifo per Lili e Hagen, per rivederli insieme e per far capire a Lili le ragioni della ribellione di Hagen. Attraverso la loro storia, tutti noi possiamo essere purificati e tornare a casa convinti che ogni nostra decisione è nelle mostre mani, avendo la scelta di non diventare adulti falsi e ingannevoli. Uomini e animali condividono lo stesso spazio e spetta ai primi posizionarsi tra le diverse specie senza ricorrere necessariamente alla violenza».

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Tre ragioni per non perdere questo film: Una: l’inizio. Due: la fine. Si tratta di scene di misteriosa e minacciosa bellezza, piena di angoscia l’apertura, di estasi la chiusura. Possiedono l’irrealtà ipnotica del sogno, invece appartengono al mondo della realtà filmata. Se Polanski facesse un remake di Lilli e il Vagabondo, ecco, verrebbe fuori una cosa del genere. E se non vi colpisce questo film - dedicato a uno dei più dimenticati e originali registi di tutti i tempi, l’ungherese Miklós Jancsó: ed è la terza ragione - lasciate perdere il cinema e dedicatevi tranquillamente a X Factor o a Candy Crush Saga.

Commenti (1) vedi tutti

  • Filmetto animalista che non si capisce bene a che pubblico si rivolga, un po' troppo violento per i bambini, un po' troppo stupido per gli adulti…comunque inverosimile e sconclusionato per entrambi.

    commento di Tex Murphy
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

  Con un incipit visionario quasi da favola, il regista ungherese Kornel Mundruczò trascina lo spettatore in  una storia, che cavalca vari generi, come egli ama fare, per passare attraverso la denuncia sociale, il rapporto tra bambini e animali e l’amore per essi, passando al thriller e tingendosi infine di splatter e di horror. La metafora sugli abusi dei gruppi… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

supadany di supadany
7 stelle

Negli ultimi anni, il cinema dell’est Europa sta dando segnali importanti. Se dalla Polonia siamo abituati da sempre ad assorbire grandi nomi - ieri Krzysztof Kieslowski, sempre e comunque Jerzy Skolimowski e oggi Pawel Pawlikowski - e la Romania da una decade ha attirato i riflettori su di sé - Cristian Mungiu, Cristi Puiu e tanti altri -, l’Ungheria non vuole essere da meno… leggi tutto

8 recensioni positive

2020
2020
Trasmesso il 1 ottobre 2020 su Rai Movie

Recensione

port cros di port cros
7 stelle

Molto incuriosito dall'ottima prova di Pieces of a Woman, tra i miei preferiti tra i film visti alla appena conclusa 77ma Mostra del Cinema di Venezia, mi sono andato a recuperare su Raiplay una delle opere ungheresi di Kornél Mundruczó, regista magiaro appena sbarcato a Hollywood sotto le ali protettive nientemeno che di Martin Scorsese. E devo dire che non sono rimasto affatto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Trasmesso il 5 settembre 2020 su Rai Movie
Trasmesso il 3 febbraio 2020 su Rai Movie
2019
2019
Trasmesso il 26 settembre 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 10 febbraio 2019 su Rai Movie
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

karugnin di karugnin
7 stelle

Si dà “play” e la titubanza con cui abbiamo cliccato (senza aver letto alcunché al riguardo e solo avendo dato una rapida scorsa alla non promettente media voto IMDb, 6.9) svanisce di fronte al superbo incipit. Onirico, si direbbe. Lo sistemiamo in un angolino dell’ippocampo, poi si vedrà. La tredicenne Lili sballottata tra madre in carriera e padre…

leggi tutto
2017
2017

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Negli ultimi anni, il cinema dell’est Europa sta dando segnali importanti. Se dalla Polonia siamo abituati da sempre ad assorbire grandi nomi - ieri Krzysztof Kieslowski, sempre e comunque Jerzy Skolimowski e oggi Pawel Pawlikowski - e la Romania da una decade ha attirato i riflettori su di sé - Cristian Mungiu, Cristi Puiu e tanti altri -, l’Ungheria non vuole essere da meno…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
2016
2016
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2015
2015

Recensione

emil di emil
7 stelle

Lili suona la tromba nell'orchestra della scuola. E' innamorata di Hagen, il suo cane, un meticcio. Genitori divorziati, la madre parte per un viaggio all'estero e la bambina si trova a stare con il padre per tre mesi in Ungheria. Quest'ultimo non è un simpaticone e non ha proprio feeling con il miglior amico dell'uomo; per di più un'assurda legge del paese prevede il pagamento di…

leggi tutto
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

Houssy di Houssy
9 stelle

In una Budapest da apocalisse, i cani senza pedigree vengono abbandonati per strada, a loro stessi, a causa di una nuova tassa di possesso, che nessuno intende pagare. Ad un certo punto i cani si ribelleranno al loro status di indesiderati, scatenando una violenta e sanguinosa rivoluzione per le strade della città. Alla base di questo splendido film, c’è un ragionamento…

leggi tutto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti

Recensione

bufera di bufera
6 stelle

  Con un incipit visionario quasi da favola, il regista ungherese Kornel Mundruczò trascina lo spettatore in  una storia, che cavalca vari generi, come egli ama fare, per passare attraverso la denuncia sociale, il rapporto tra bambini e animali e l’amore per essi, passando al thriller e tingendosi infine di splatter e di horror. La metafora sugli abusi dei gruppi…

leggi tutto

Recensione

ohdaesoo di ohdaesoo
7 stelle

spoiler dopo la riga Francamente non posso nascondere un pizzico di delusione. (più di un pizzico, molto di più, ma non leggete questa parentesi). Avendo visto il soggetto di White God, la sua provenienza (l'Est Europa) e un paio di immagini (notevoli) ero convinto di trovarmi davanti un mezzo capolavoro (non è un caso che ho portato apposta al cinema un mio amico che non…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

barabbovich di barabbovich
5 stelle

Scordatevi Lassie, Rin-tin-tin e anche Braccobaldo. Questa è la carica dei 101 moltiplicata per 2 con Cujo al posto dei dalmata. Comincia con un'interminabile scia di cani che scorrazzano in branco, a centinaia, per Budapest, in una città spettrale dove è scattato il coprifuoco, il film che si è aggiudicato il premio "un certain Regard" al festival di Cannes. Tutto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito