Espandi menu
cerca
The Water Diviner

Regia di Russell Crowe vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 170
  • Post 6
  • Recensioni 867
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Water Diviner

di bufera
6 stelle

locandina

The Water Diviner (2014): locandina

Sulla scia di alcuni film sulla prima guerra mondiale visti nel 2014  è arrivato sui nostri schermi nei primi giorni del 2015 quello annunciato di Russel Crowe alla sua prima regia, oltre ad esserne il protagonista, THE WATER DIVINER (2014). Basata su un romanzo di Andrew Anastasios, la storia è stata scritta per il cinema dallo stesso autore insieme ad Andrew Knight e parla delle traversie di un agricoltore australiano, Joshua Connor ( Russel Crowe) che nel 1919, a quattro anni dalla fine della guerra di cui anche Gallipoli era stato teatro, non avendo visto tornare i suoi tre figli, parte per la Turchia a cercarli morti o vivi che fossero, dopo la promessa fatta alla moglie suicida per la disperazione. Diversi flashback ben collocati ci informano della vita semplice e felice di questa famiglia e del dono della rabdomanzia del padre, che riusciva a trovare l'acqua in un terreno arido e deserto quale quello che circondava la loro fattoria. A confronto di capolavori come "Gli anni spezzati "di Peter Veir, il film di Russel Crowe vola consapevolmente più basso e si occupa più delle conseguenze locali e a distanza nelle famiglie, come la sua. distrutte per il massacro di 9000 giovani australiani andati a combattere volontari, per puro senso patriottico. Il senso di colpa per non aver impedito la loro partenza e la promessa fatta alla moglie danno al maturo omone l'energia, la grinta e l'insistenza per riuscire nei suoi intenti, nonostante il caos, la burocrazia e i motivi politici di spartizione di quel territorio anatolico, dove gli unici non coinvolti erano proprio gli Australiani. Anche per questa palese buona fede  Joshua riesce ad ottenere rispetto e collaborazione di alcuni ufficiali turchi, specie di uno, Cyril Hughes, che ricordava quei ragazzi. I corpi di due, i più giovani, verranno ritrovati e degnamente sepolti dal padre: del terzo, fatto prigioniero, non c'è che da sperare.... Le poche scene di guerra sono ben riprese, come ottima è la fotografia di Andrew Lesnie, le scenografie di Chris Kennedy ed i costumi Tess Schofield, la imponente la colonna sonora di David Hirschfelder. Tutti gli eventi più significativi sono in flashback, dal salvataggio dei ragazzi, ancora piccoli, da parte del padre in una violenta e indimenticabile tempesta di sabbia, alla scena, rievocata due volte, in cui i tre ragazzi, ormai soldati, sono stati feriti insieme e compongono un intreccio di corpi e di dolore che non può non emozionare.

Ryan Corr, Ben O'Toole, James Fraser

The Water Diviner (2014): Ryan Corr, Ben O'Toole, James Fraser

Russell Crowe, Yilmaz Erdogan

The Water Diviner (2014): Russell Crowe, Yilmaz Erdogan

 

 

Istanbul è descritta nello stato post bellico in cui si trovava e per l'incontro che Connor fa con un bambino la cui madre ( Olga Kurylenko) detiene una pensione, nella quale egli alloggia, tra uno spostamento e l'altro. Questi ed altri personaggi minori, con un significato distensivo e portatore di speranza, sono mal tratteggiati e confusamente gestiti, allungando disarmonicamente la narrazione che se punta essenzialmente al compimento del proposito di partenza di Joshua non disdegna per questo che si arrivi alla conclusione che dopo le brutture viste e rievocate (l'uccisione a freddo dei feriti, la distruzione dei corpi in fosse comuni con la calce viva) al mondo l'orrore delle guerre può essere mitigato dalla comprensione e solidarietà anche tra parti avverse, e che la forza del perdono e dell'amore  può permettere di andare avanti a chi è rimasto. Come prima regia ci si può accontentare, con la speranza che, se prosegue sulla questa via, Russel Crowe abbia la carature di raggiungere altri illustri colleghi, ora ben più lontani. Comunque ha pagato il suo tributo all'Australia e ha mostrato coraggio, oltre che far bene la sua parte.

Olga Kurylenko, Russell Crowe

The Water Diviner (2014): Olga Kurylenko, Russell Crowe

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati