Espandi menu
cerca
Crimson Peak

Regia di Guillermo Del Toro vedi scheda film

Recensioni

L'autore

M Valdemar

M Valdemar

Iscritto dal 6 febbraio 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 246
  • Post 20
  • Recensioni 545
  • Playlist 35
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Crimson Peak

di M Valdemar
7 stelle

 

locandina

Crimson Peak (2015): locandina



Come un entomologo che disseziona una falena nera per fame di studio, così Guillermo Del Toro fa a pezzi lo scibile dell'immaginario gotico per catturarne l'essenza e (cercare di) restituirla - con i lauti mezzi dell'industria moderna - usando i brandelli più opportuni alla composizione del ritratto. Il risultato - il ritratto - è opera grondante amore e accademismo, ricerca del bello e analisi dell'(amore per l')orrore, recupero filologico e restauro postmoderno, pennellate ipercromatiche e motivi atavici, cuore cremisi e anima nera e macchie di candida innocenza.
Uno sguardo - accurato, accorato, accordato - rivolto al passato, alla materia di cui sono fatte memorie, eredità e rivelazioni fantasmatiche: la rappresentazione ha la consistenza dell'illustrazione per suggestioni/citazioni (cinematografiche, letterarie, pittoriche, fotografiche, musicali, attinenti all'immaginario tutto) care al genere, tra atmosfere romantico-decadenti, venature malsane-morbose, tormenti turbamenti e ammonimenti, visioni di tenebra, e donzelle in pericolo-uomini ostaggio di paure e codardia-dame folli-grandi vecchie dimore viventi-morti ritornanti che reclamano giustizia.

Mia Wasikowska

Crimson Peak (2015): Mia Wasikowska

 

Fascino d'altri tempi, inseguito, eseguito, (fin troppo) pulito ed un poco esangue nonostante il profluvio di liquidi e sostanze rossosangue - quasi una sorta di blob ribollente misfatti inconfessabili - su scenari ora bianchissimi ora scuri ora virati alla sensualità (del) fatiscente.

Concepita su archetipi e codici teorici che si fanno elemento pulsante materico - come un'istantanea d'immagini di morte che prende vita (ma è visibile solo a pochi) -, l'opera vive di un'idea(zione) drammaturgica esemplare (nonché didattica), realizzata per mezzo di un'architettura narrativa elementare, prevedibile, lenta, inesorabile. Esplicita(ta): la perfezione di scenografie, ambienti, illuminazioni, messa in scena e manovre registiche, riferimenti, personaggi e dialoghi, recitazione, visione d'insieme - persino la grafica orrorifica attraversata da flash splatter, dettagli macabri, discese nei territori dell'angoscia e del terrore - racconta di un linguaggio e un pensiero sinceri, senz'altro corretti ma a cui forse manca (in)sana passione.
Che pure si affaccia nell'ultima mezz'ora (in cui risoluzione del mistero, trionfo sulle entità malvagie e prospettive aperte al futuro determinano la degna chiusa morale): travolgente, trascinante, trascinata da un terzetto d'attori (sempre) strepitoso: Mia Wasikowska possiede volto e animo di un'altra epoca, Tom Hiddleston riempie spazio e tempi con occhi che esprimono l'intera gamma di emozioni, Jessica Chastain vibra della bellezza della malignità.


Jessica Chastain

Crimson Peak (2015): Jessica Chastain

Jessica Chastain

Crimson Peak (2015): Jessica Chastain

Tom Hiddleston, Mia Wasikowska

Crimson Peak (2015): Tom Hiddleston, Mia Wasikowska



Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati