Espandi menu
cerca
Boyhood

Regia di Richard Linklater vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 164
  • Post 6
  • Recensioni 771
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Boyhood

di bufera
8 stelle

locandina

Boyhood (2014): locandina

 

Richard Linklater ricorre spesso al tempo come elemento plasmante le sue storie e i suoi personaggi sì da essere esso stesso la fondamentale del suo cinema. In BOYHOOD, Orso D'Argento a Berlino, 2014, addirittura il progetto  di legare la storia al tempo è stato totalizzante e ha preteso la disponibilità e la fiducia di attori e finanziatori a un termine di 14 anni prima di vedere l'opera compiuta. Da un canovaccio iniziale, scritto dallo stesso regista, man mano si è sviluppata la storia di Mason ( Ellar Coltrane), la sorella Samantha (Loreley Linklater) e i genitori (Patricia Arquette e Ethan Hawke) presto separati  perchè troppo giovanni alla loro nascita. Mason è un bambino di 6 anni bellissimo e taciturno, Samantha, di poco  più grande è vivace e piena di iniziative, la madre è oppressa dalla responsabilità e dal peso materiale di allevarli da sola, interrompendo gli studi per lavorare, ma decisa ad essere se stessa e infondendo uno spirito di positività nei figli ed evitando recriminazioni sul padre Mason Senior, musicista svitato ma saggio e umano, che compare sempre al momento giusto per consigliare e discutere con i figli, specie con Mason che appare il più fragile. Anno dopo anno vediamo questi ragazzi crescere , modificarsi caratterialmente e fisicamente nei minimi particolari che l'avvicinarsi dell'adolescenza determina, e intanto vivere la scuola a loro modo, protetti dall'infaticabile madre che, pur se sbaglia

la scelta di qualche compagno è capace di non farsi calpestare da nessuno, tantomeno permettere di abusare dei suoi figli. Anche il padre, puntualmente presente nei week-end , comincia a maturare fisicamente e, senza abbandonare la musica, mette le radici in un lavoro concreto e si sposa con la donna adatta al lui del momento e ne ha un bambino.

Ellar Coltrane

Boyhood (2014): Ellar Coltrane

 

Siamo in Ameriaca ,Texas per l'esattezza con sullo sfondo l'elezione di Obama e la guerra in Afghanistan, e il padre Mason Senior si porta dietro Mason jr ad attaccare cartelli pro Obama, dimostrando le sue idee democratiche ma anche il concreto attaccamento per questo mite figlio nato in tempi sbagliati che sembra confuso o indefinito nelle sue scelte.  Mentre Samantha procede come un treno nelle tappe della scuola, del primo amore e del college, Mason impiega più tempo a innamorarsi per poi essere deluso con dolore ma soprattutto infine trova se stesso nell'amore e il talento per la fotografia. Poi, Samantha si appanna, la madre subisce un cambiamento fisico negativo insieme a quello psicologico per l'approssimarsi dell'uscita dei figli e dopo aver cambiato tante case intende ritirarsi in un piccolo appartamento, quando anche Mason se ne andrà.....Impossibile e inutile entrare nei dettagli della storia di tanti anni e di una famigli complicata ma non più di tante altre e narrata per immagini e dialoghi di una naturalezza incredibili,  girata in 35 mm i tempi lunghi ma di fatto realizzata in gruppi di giorni distribuiti nel tempo per un totale di 39. La colonna sonora è adeguata ai tempi , le riprese fanno entrare in queste vite in punta di piedi ma dentro da sentirsene quasi parte. Ci sono precedenti documentaristici e citazioni letterarie di vari registi tra cui Tarkovsij che si definiva "scultore del tempo" e Hitchcock che riteneva un film la vita senza le sue parti noiose. Non sono in grado di analizzare, definire o argomentare su quest' opera che con il contributo  di quattro strordinari attori, i quali hanno offerto il loro corpo e il loro talento, che andavano modificandosi, specie nei giovani ma non solo, per tanti anni, mi ha avvolto in un'esperienza unica, anche se con i precedenti concatenati  Before Sunrise, Before Sunset,  BeforeMidnight  già ne avevo in piccolo assaggio. Cinema del tempo, cinema della vita. Voto 4 stellette.

Ellar Coltrane

Boyhood (2014): Ellar Coltrane

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati