Espandi menu
cerca
Slow West

Regia di John Maclean vedi scheda film

Recensioni

L'autore

maurizio73

maurizio73

Iscritto dal 25 giugno 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 82
  • Post 4
  • Recensioni 785
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Slow West

di maurizio73
6 stelle

Piccolo western indipendente australiano che azzecca toni e temi di un trasognato apologo sulla purezza dei sentimenti e la crudeltà della vita, imbastendo lo stralunato viaggio iniziatico di un novello Dead Man che conta le stelle, insegue un improbabile sogno d'amore e si dirige a dorso di cavallo verso il suo tragico destino di morte.

Sulle tracce della sua amata, fuggita col padre in seguito ad un assassinio commesso in patria, il giovane e sprovveduto Jay approda in America dalla natia Scozia. Il provvidenziale incontro con un bounty killer disilluso e taciturno, gli consentiranno di superare i numerosi ostacoli di una terra violenta e selvaggia, ricongiungendosi con la ragazza per un affollato rendez-vous finale che assomiglia più ad un assedio che al romantico appuntamento d'amore che aveva da tempo sognato. Epilogo tragico e poetico insieme.

 

locandina

Slow West (2015): locandina

 

Piccolo western indipendente australiano che azzecca toni e temi di un trasognato apologo sulla purezza dei sentimenti e la crudeltà della vita, imbastendo lo stralunato viaggio iniziatico di un novello Dead Man che conta le stelle, insegue un improbabile sogno d'amore e si dirige a dorso di cavallo verso il suo tragico destino di morte. Se il modello è senz'altro il compassato e stralunato western animista che consacrò al successo l'eccentrico talento di Jim Jaramush vent'anni prima, con il suo ritmo lento, gli oscuri presagi di incontri significativi e le sue riflessioni oniriche sul destino dell'uomo, le vicissitudini del giovane Jay alla ricerca dell'amore sono l'originale contrappasso di un mito della frontiera che alla purezza del sentimento contrappone il cinismo della realtà ed alla crudeltà dei destini contrappone il coronamento dell' inaspettato sogno di una vita a due. Lungo i sentieri accidentati e perigliosi di un Nuovo Mondo anarchico e spietato, Maclean imbastisce la fuga del suo giovane protagonista dalle insormonatbili barriere sociali e dalle inique vessazioni feudali della Vecchia Europa, scandendo un racconto ironico e crudele che sfrutta il candore dell'innocenza per conseguire gli implacabili scopi della propria avidità e sancendo l'infingarda alleanza di personalità antitetiche che finiranno inevitabilmente per influenzarsi a vicenda: il ragazzo costretto a diventare uomo macchiandosi del sangue di gente innocente e lo spietato assassino ad accarezzare la purezza del sogno ereditando il valore dell'unico sentimento in grado di generare la vita laddove ci sono solo morte e distruzione. Dal minimalismo di un itinerario segnato da incontri beffardi e personaggi grotteschi (pellerossa pacifici, criminali travestiti da soldati, liberti negri dall'anima folk, cacciatori di taglie dai modi gentili, spiantati antropologi truffatori, miti pellegrini svedesi con prole all'assalto di una drogheria, bande di superstiziosi killer nomadi) ai contrappunti onirici degli struggenti flashback di un tenero idillio tra le bianche scogliere della madrepatria, questo western lento e poetico si dirige a passi implacabili verso il suo ineluttabile rendez-vous di morte, aprendosi con sornione disincanto alla struggente bellezza di una frontiera americana riprodotta dalle parti della South Island neozelandese, e chiudendosi nell'atteso tiro al bersaglio di una casupola in mezzo al nulla difesa da una impavida e coraggiosa Signora di Cuori (Jane Got a Gun). Michael Fassbender è questa volta il disilluso padre putativo del già cresciuto Kodi Smit-McPhee (The Road) da accompagnare con sguardo impassibile e passo sicuro verso l'incerto futuro di un inaspettato ricongiungimento familiare. Suggestiva colonna sonora, tra cui il tema suonato dai Django Django (del fratello David McLean) che prende il titolo del film. Gran Premio della Giuria al Sundance Film Festival 2015.


"La vita è molto di più che sola sopravvivenza. Me lo ha insegnato Jay Cavendish...durante il suo breve viaggio verso Ovest"

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati