Espandi menu
cerca
Guardiani della Galassia

Regia di James Gunn vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Fanny Sally

Fanny Sally

Iscritto dall'11 luglio 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 47
  • Post 1
  • Recensioni 1457
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Guardiani della Galassia

di Fanny Sally
7 stelle

Rutilante, scatenata, visionaria, ironica e impreziosita da una colonna sonora da urlo in odore di anni ’70, questa ennesima trasposizione cinematografica di un fumetto di casa Marvel trova il suo punto di forza nello strampalato assembramento di un campionario di personaggi che da perdenti e reietti si trasformano in anticonvenzionali eroi.

In un universo quanto mai ricco di conflitti tra le varie razze che lo popolano, Peter Quill, giovanotto spavaldo e spericolato, si arrangia come ladro al servizio di temibili agenti mercenari spaziali che lo hanno allevato dopo averlo rapito dal pianeta Terra in tenera età. Un giorno atterra su un pianeta disabitato per recuperare una sfera dotata di misteriosi poteri, l'Orb, scatenando a sua insaputa una guerra intergalattica, nel corso della quale si ritrova a incrociare il suo cammino con altri cacciatori di taglie interessati per motivi diversi al suo stesso bottino: il combattivo procione geneticamente modificato, Rocket Raccoon e il suo amico il taciturno uomo albero Groot, la misteriosa e letale Gamora e il guerriero in cerca di vendetta Drax. Questo mal assortito gruppo di eroi, riluttanti a trovare un punto di accordo e a mettere da parte i propri interessi egoistici, riuscirà infine a riscattarsi e a salvare l’intera galassia dalla minaccia di un’oscurità perenne.

 

Rutilante, scatenata, visionaria, ironica e impreziosita da una colonna sonora da urlo in odore di anni ’70, questa ennesima trasposizione cinematografica di un fumetto di casa Marvel trova il suo punto di forza più che nella storia, risaputa e ripetitiva della lotta contro un nemico tirannico che vuole ottenere il dominio assoluto, nello strampalato assembramento di un campionario di personaggi che da perdenti e reietti si trasformano in anticonvenzionali eroi. Il livello di fantasia e assurdità, tanto nelle ambientazioni quanto nei personaggi, è tale da costringere sin dalle prime sequenze lo spettatore meno smaliziato ad abbandonare qualsiasi tentativo di cercare una logica e un realismo, soprattutto nelle sequenze di azione, fracassone e al limite dell’inverosimile, e a lasciarsi trasportare invece dalla visione, che risulta comunque godibile, divertente e non troppo impegnativa, a discapito degli intrecci di trame, sottotrame e inevitabili riferimenti ad altre opere, proprio perché non si prende troppo sul serio e non punta il pedale sull’epicità – salvo qualche breve momento – quanto piuttosto su una generale sovversione dei cliché propri del genere, presentando degli antieroi pieni di difetti, per i quali è difficile non parteggiare.

 

Effetti speciali, sonori e visivi di grande impatto, così come i trucchi, vengono ben gestiti dalla regia del promettente James Gunn che si dimostra capace di dosare in maniera equilibrata i vari momenti della narrazione, dando spazio a tutti i personaggi, così da rendere la storia corale. D’altro canto azzeccata si è rivelata la scelta nel cast del simpatico Chris Pratt, che con il fisico atletico e robusto e il sorriso sbruffone e rassicurante incarna con naturalezza uno Star Lord memorabile tanto quanto lo è la verde e sensuale Gamora di Zoe Saldana, anche lei particolarmente a suo agio nelle scene d’azione così come nelle schermaglie con il compagno di scena, mente l’ex wrestler Dave Bautista nel ruolo del guerriero introverso e cupo è forse il meno incisivo e si fa ricordare meno degli altri due guardiani ricreati in computer grafica, ovvero il procione Reckon e il suo fidato amico, l’albero umanoide Groot (doppiati in originale rispettivamente da Bradley Cooper e da Vin Diesel). In parti minori troviamo altri volti noti quali Glenn Close, Benicio del Toro e John C. Reilly. Il finale, pur autoconclusivo, lascia la possibilità ad altri sequel che infatti già si annunciano per il 2017.

 

Consigliato agli appassionati del genere cinecomics e a chi vuole vedere qualcosa di diverso dagli Avengers.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati