Espandi menu
cerca
Lo sciacallo

Regia di Dan Gilroy vedi scheda film

Recensioni

L'autore

GIMON 82

GIMON 82

Iscritto dal 7 marzo 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 107
  • Post -
  • Recensioni 448
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Lo sciacallo

di GIMON 82
9 stelle

Nella Los Angeles notturna s'aggira un "vampiro",assetato di tragedie da "reality", ovvero la "classica" notizia

truce,di quelle da botto d'audience.....

E' Lou Bloom,giovane alienato e insonne, alla ricerca dell'occasione che lo elevi dalla vita grigia da disoccupato,un "invenzione" di sè che   passa da ladruncolo di ferraglie da rivendere al ribasso,per poi riciclarsi nei panni di "cameraman" freelance,di quelli da primo istante,alle calcagne di colpi da sparo e ferite aperte.L'importante è immortalare l'attimo,l'immagine piu' efferata o truculenta  di una vittima morente viene catturata da Lou come una "preda" da sbattere in orrendi "Tg" da prima serata.

E' un fantastico Jake Gyllenhaal a dar vita ad un personaggio controverso,figura  moderna e arrivista in pieno stile "Quinto potere",un ambizioso dalla mente deviata,  disposto a tutto per arrivare "al vertice",anche ad abbattere  ostacoli e rivali sul proprio cammino.Tutto passa da patinati studi televisivi,al cui comando vi è la stagionata Nina (Renè Russo) una direttrice tv senza scrupoli,"alter-ego" femminile di Lou che non esita nello  spudorato tentativo di sedurre la donna.

"The Nightcrawler"  vive cosi' nella delirante prova di Gyllenhaal,"paladino" notturno a caccia d'audience,sguardo spiritato e capello untuoso,un attore che finalmente raggiunge la piena maturita' artistica,palesandone le sorti di una vicenda serrata,tesa e  "palpitante" nei fotogrammi che trasmette.Ma vi è molto di piu',c'è un esordio registico promettente,di una mano talentuosa e sicura nel costruire atmosfere spaesanti,figlie di "network" televisivi dal quale sono tutti assuefatti.

La tv moderna è un qualcosa di tangibile,un "Quinto potere" sprezzante e corrosivo,dove non esiste etica,ma solo cifre e bilanci innegiati a pie' pari dalla direttrice TV Nina, seducente "Milf" interpretata dalla brava Renè Russo,il cui personaggio vive di paralleli con l'arrivista Faye Dunaway del capolavoro di Lumet del 1976.Il film di Lumet era pero' un invettiva contro il mondo televisivo,ora siamo dalle parti d'uno "psico-thriller", piu' che sottolineare critiche o retoriche Gilroy parte dall'arrivismo di un personaggio ai limiti dello spregevole.Lou Bloom è il risultato della modernita',della crisi globale generante orde di alienati o psicopatici,un moderno Travis Bickle,solo piu' astuto e meno dolente,nel quale non esiste emozione o empatia,ma solo una ricerca  forsennata  dell'attimo giusto , nefasto e doloroso da rivendere al miglior offerente.La gente e le relazioni paiono non appartenere a un personaggio "vertiginoso" in senso negativo,Lou "sottolinea" visceralmente al suo "segretario" Rick (Riz Ahmed) un manifesto odio nei confronti della "gente comune".

Emozioni gelide, ospitate dal  naturale set di una Los Angeles  notturna e periferica, invasa di sparatorie e killer ispanici, sensazionali incidenti d'auto e sopratutto di cadaveri sfregiati sull'asfalto, lo spiritato Lou è sempre in agguato nel cogliere primi  piani da ultimo sussulto,"voyeuristico" e da dare in pasto agli squali da "prima serata."

 

"The Nightcrawler" si mostra cosi' a noi sgombro di pudore,coraggioso nel disegnare una figura reale dei giorni nostri il cui rapporto con gli altri è solo mercenario,Gyllenhaal inscena la parabola di un "vincente" ad ogni costo,una vita  costellata  di ricatti e trattative al rialzo,dove a pagarne le spese sara' il povero collaboratore Rick,l'attore Riz Ahmed gia' visto nel "Fondamentalista Riluttante" di Mira Nair del 2012.In questa Los Angeles sembra non esserci pero' spazio per pietismi o sentimentalismi,"Sono guai per chi m'incontra" ribadisce infatti Lou,sul cui cammino cade anche il "rivale" freelance interpretato dal bravissimo Bill Paxton.Nonostante l'assenza di toni emozionali "The Nightcrawler" si rivela opera densa di adrenalina pura,in inseguimenti di "Refniana" memoria dove l'epidermide si accappona, regalandoci virtuosismi tecnici di alto cinema "noir",thriller o action.Non male per un esordiente che sicuramente si è fatto le ossa come sceneggiatore, alla veneranda eta' di 55 anni si lancia nel mondo registico con un opera forte,dotata di sensazionalismo scenico che ne è tematica centrale.In mezzo vi è la Los Angeles al respiro "Manniano",fotografata con grande maestria da Robert Elswit dove l'aura torbida e alienante è un "must" completo.Un universo malsano dove  Gyllhenhaal è il "cavaliere pallido" e insonne,motivato da ambizioni psicotiche e e studi "cybernetici" su come fregare (o ricattare) il prossimo.

Dello "Sciacallo" rimane la morsa viscida d'un arrivista che (purtroppo) ce la fa,non esistono espiazioni ma solo mercenarie collusioni, qualcosa di amaro e in piena sintonia con la vicenda, fotografia vivida e potente di un film "pop",  geniale nel creare mestizie e furbizie innestate in un ottimo thriller che accoglie una miscela di generi:dalla lettura sociale (e psicologica) al sensazionalismo sino ad arrivare al  finale strettamente "garantista" che non piacera' ai piu',ma è sicuramente qualcosa di molto  realistico ,piu' di quanto si  possa credere.Un film imperdibile, interessante nella costruzione del "singolo" rapportato al mondo circostante, col personaggio di  Gyllhenaal come una delle tante solitudini odierne,maschera che s'inventa da sè per (sopra)vivere al cinismo della nostra (triste) modernita' al gusto di "etere".......Anche se uno come lo "Sciacallo" Lou è l'essenza stessa della moderna perversione televisiva.....

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati