Una nuova amica

play

Regia di François Ozon

Con Romain Duris, Anaïs Demoustier, Raphaël Personnaz, Isild Le Besco, Aurore Clément, Jean-Claude Bolle-Reddat Vedi cast completo

In streaming
  • Wuaki
  • Chili
  • iTunes
  • iTunes
In STREAMING

Trama

Claire e Léa hanno attraversato alti e bassi sin dall'infanzia. Le cose non cambiano neanche quando entrambe le giovani donne si sposano e Léa diventa mamma. Poco dopo il parto, Léa si ammala gravemente e sul letto di morte chiede all'amica di prendersi cura della sua famiglia e del marito David. Dopo la morte di Léa, Claire cerca l'uomo e scopre un segreto da lui a lungo custodito: ama indossare abiti femminili e ha anche scelto come nome quello di Virginia.

Approfondimento

UNA NUOVA AMICA: ACCETTARE LE DIFFERENZE

Diretto e sceneggiato da François Ozon, Una nuova amica racconta la storia di Claire, una giovane donna che in seguito alla morte della sua migliore amica Laura cade in una profonda depressione prima che la scoperta di un segreto sorprendente su David, il marito della defunta, le faccia ritornare la voglia di vivEre. Liberamente ispirato all'omonima storia di Ruth Rendell (quindici pagine in pieno stile Hitchcock presenta, in cui la protagonista arriva a uccidere il marito dell'amica), Una nuova amica presenta come tema centrale il confronto tra le differenze e l'accettazione, analizzato attraverso la questione del travestitismo vista da un'ottica insolita: mentre al cinema si è abituati a vedere personaggi maschili che si vestono da donna per circostanze esterne alla loro volontà (basti pensare ai musicisti inseguiti dalla mafia in A qualcuno piace caldo e all'attore disoccupato che diventa "attrice" in Tootsie o viceversa all'attrice senza soldi di Victor Victoria), il David di Una nuova amica si trasforma in Virginia per puro desiderio personale - e per vincere il dolore per la scomparsa della moglie - senza che ciò intacchi la sua virilità.

Con la direzione della fotografia di Pascal Marti, le scenografie di Michel Berthélémy, i costumi di Pascaline Chavanne e le musiche originali di Philippe Rombi, Una nuova amica parte da un inizio piuttosto drammatico incentrato su Laura e la sua morte prima di lasciare il passo al nascente rapporto di amicizia tra Claire e David, che con forza, leggerezza e gioia, si aiutano a vicenda. Mentre David vive con spensieratezza il suo alter ego femminile, Claire si pone mille domande rivelandosi dapprima nevrotica e poco solidale con l'amico, arrivando a definirlo malato e perverso per la sua "nuova identità".

Ambientato in una realtà geografica non meglio precisata, Una nuova amica conta sull'interpretazione di Romain Duris, chiamato a vestire i panni di David/Virginia, e di Anaïs Demoustier, interprete del personaggio di Claire. La defunta Laura ha invece il volto di Isild Le Besco mentre Raphaël Personnaz impersona Gilles, il marito a cui Claire nasconde dapprima la vera identità dell'amica Virginia.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Adattamento del romanzo The New Girlfriend di Ruth Rendell. Hitchcock, Ophüls, e molto Billy Wilder, con una spruzzatina di Almodóvar. Ma non si pensi che "Una nuova amica" sia un semplice divertissement perché Ozon, con leggerezza sofisticata e intelligenza, racconta la confusione non del protagonista maschile, che sta invece benissimo così, ma della ragazza, creando un cortocircuito interessante. Tra i migliori Ozon di sempre, in ogni caso.

Commenti (2) vedi tutti

  • Il tema è l'identità sessuale, il genere è tra commedia, mélo e thriller psicologico. La sceneggiatura apre false piste dove i sogni sono veri quanto la realtà ma la realtà è mutaforme come in una favola... una favola in cui le citazioni piovono a dismisura a divertire qualunque cinefilo.

    leggi la recensione completa di momasu
  • QUALCOSA DI IRRISOLTO O NON COMPLETAMENTE CHIARO C'E'..COME, PURE, LA SENSAZIONE CHE NON PROPRIO TUTTO FLUISCA LIBERAMENTE E PERFETTAMENTE.. MA CHE INCANTO, CHE GRAZIA, CHE SENSUALITA', CHE SAGACIA, CHE IRONIA, CHE MALIZIA, CHE SOTTILE INQUIETUDINE, CHE MALINCONIA..CHE ALMODOVAR IN QUESTO OZON IN ODOR DI "VERTIGO"..

    commento di DavideKingInk80
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

amandagriss di amandagriss
7 stelle

  In sala, a fine visione, uno scambio di impressioni tra i pochissimi presenti:  -“le è piaciuto il film?”  -“direi di sì”  -“ce lo avrebbe visto, lei, Romain Duris nei panni di una bionda?”  -“ehm, a dire il vero non ho mai considerato l’eventualità, lo conosco per ben altri ruoli,   … leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

zombi di zombi
6 stelle

un film che non lascia indifferenti, ma non certo per il tema. ancora adesso son qua a chiedermi se mi sia piaciuto o meno. ozon che da buon cineasta è di sicuro uno che ha amato tanti registi differenti e ha visto molto nella sua vita, sicuro più di me, crea un film che scombussola la visione di chi guarda, almeno la mia. ho veramente fatto fatica a seguirlo perchè non ho… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
2 stelle

"Almodóvar incontra Hitchcock", strilla il messaggio promozionale del film. Sì, d'accordo. E Ruby è la nipote di Mubarak e io sono il Papa. Il povero Alfred tira berci dalla tomba dopo aver sentito una simile impostura. Il quattordicesimo film del prolificissimo Ozon, tratto dal romanzo di Ruth Rendell, miscela alla rinfusa gli ingredienti cari al regista (apparenza e… leggi tutto

1 recensioni negative

2018
2018
Trasmesso il 27 maggio 2018 su Rsi La1

2018

YuzoAB di YuzoAB

Scrivi un testo introduttivo (potrai sempre editarlo in seguito)

leggi tutto
Playlist
2015
2015
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

Nacro di Nacro
6 stelle

"Hitchcock incontra Almodovar", non proprio. Vedendo Una nuova amica non è possibile non pensare ad Almodovar, ma questo film sembra comunque troppo artificioso per avere quei livelli espressivi. Buona la fotografia e stile di regia, attori direi ottimi, ciò che non convince pienamente è quell'alone radical chic di leggerezza con cui viene trattato il tema. Per…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

logos di logos
7 stelle

Anche in questo film vengono a galla le tematiche care a Ozon, soprattutto quelle relative all’identità di se stessi e degli altri, la curiosità che si innesca di fronte alla presenza dell’altro e di come si ci si scopre differenti a se stessi nel rapporto con l’altro.   L’esordio ci racconto di un’amicizia indelebile tra due bimbe che prosegue…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

ed wood di ed wood
7 stelle

Si scrive Ozon, ma si legge Almodovar. Lascia un po' freddini l'ultima fatica del prolifico e proteiforme Ozon, uno dei massimi autori del cinema francese dell'ultima decade. La storia è perversa fino all'inverosimile, da far impallidire non solo l'Hitchcock di Vertigo (modello imprescindibile, qui sviscerato specialmente nelle componenti di feticismo e necrofilia) ma anche le prove…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 24 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
2 stelle

"Almodóvar incontra Hitchcock", strilla il messaggio promozionale del film. Sì, d'accordo. E Ruby è la nipote di Mubarak e io sono il Papa. Il povero Alfred tira berci dalla tomba dopo aver sentito una simile impostura. Il quattordicesimo film del prolificissimo Ozon, tratto dal romanzo di Ruth Rendell, miscela alla rinfusa gli ingredienti cari al regista (apparenza e…

leggi tutto

Recensione

bufera di bufera
8 stelle

  Con UNA NUOVA AMICA, François Ozon ci attira più che mai nei suoi temi più cari (l’ambiguità sessuale, la complessità dei sentimenti, la natura del desiderio) e lo fa con una tale verve e naturalezza inframmezzati da affondi sentiti e provocazioni ironiche da lasciare storditi ed euforici. Vagamente ispirato ad un racconto di Ruth Rendell il…

leggi tutto

Recensione

zombi di zombi
6 stelle

un film che non lascia indifferenti, ma non certo per il tema. ancora adesso son qua a chiedermi se mi sia piaciuto o meno. ozon che da buon cineasta è di sicuro uno che ha amato tanti registi differenti e ha visto molto nella sua vita, sicuro più di me, crea un film che scombussola la visione di chi guarda, almeno la mia. ho veramente fatto fatica a seguirlo perchè non ho…

leggi tutto

Recensione

amandagriss di amandagriss
7 stelle

  In sala, a fine visione, uno scambio di impressioni tra i pochissimi presenti:  -“le è piaciuto il film?”  -“direi di sì”  -“ce lo avrebbe visto, lei, Romain Duris nei panni di una bionda?”  -“ehm, a dire il vero non ho mai considerato l’eventualità, lo conosco per ben altri ruoli,   …

leggi tutto

Recensione

nickoftime di nickoftime
8 stelle

Tra stereotipi e nuove conferme, il sottile confine delle identità sessuali e le conseguenze che esso comporta sulla stabilità dell’istituzione familiare sono i temi principali di "Una nuova amica", ultima fatica di Francois Ozon, in cui l’elaborazione del lutto per la perdita dell’amica d’infanzia e la condivisione del segreto che in qualche modo la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Aldom di Aldom
8 stelle

Pedro Almodovar con la perfezione formale francese. Non ha il ritmo di "Nella Casa", anzi, in qualche raro, e peraltro brevissimo, momento si insinua una parvenza - ma solo una parvenza - di noia, o meglio, una sensazione di lentezza, che comunque può ben essere controllata dal gustare la perfezione estetica e formale della comosizione delle immagini, delle luci, dei colori, del commento…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
È uscito FilmTv n° 11

È uscito FilmTv n° 11

FilmTv #11 è in edicola e in pdf nel nostro Negozio digitale.L'unico settimanale di cinema, televisione e musica. Tutti i palinsesti delle Tv in… segue

Post

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
7 stelle

Anaïs Demoustier, mogliettina devota e un po’ dimessa di Raphaël Personnaz, scopre che Romain Duris, il marito della migliore amica morta all’improvviso, vive la propria (etero)sessualità en travesti. Si traveste molto elegantemente da donna come Ed Wood; la consorte sapeva ma ha sempre mantenuto il segreto. Invece la nostra fanciulla all’inizio si scopre turbata, poi attratta.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

momasu di momasu
10 stelle

Anche solo la trasformazione a cui si è sottoposto Romain Duris per interpretare il ruolo merita la visione del film. Il tema è l'identità sessuale, il genere è tra commedia, mélo (più statunitensi che francesi) e il thriller psicologico (mix cari ad Almodòvar), la sceneggiatura apre false piste dove i sogni sono veri quanto la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito