Espandi menu
cerca
Virgin Mountain

Regia di Dagur Kári vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Furetto60

Furetto60

Iscritto dal 15 dicembre 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 22
  • Post -
  • Recensioni 1381
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Virgin Mountain

di Furetto60
7 stelle

Film intimista, bello e intenso

Fúsi è un omaccione di 43 anni,obeso e calvo, misantropo, timido e introverso,che vive ancora con  la madre, al contrario molto esuberante e disinibita.Ha degli interessi infantili e  lavora come addetto ai bagagli in un aeroporto.Conduce una vita monotona, dominata dalla solita routine,è decisamente complessato,non ha mai avuto una donna e viene sovente bullizzato dai colleghi. Un giorno il fidanzato  della madre,per il suo compleanno,  gli regala un cappello da cowboy e l'iscrizione a un corso di ballo country. Fúsi sarebbe  restio a partecipare, ma l'incontro casuale con Sjofn, una delle iscritte,alla quale da un passaggio in macchina,lo induce a cambiare idea.

Fusi manifesta molte attenzioni verso Sjofn,la quale però mette subito in chiaro,di non esssere interessata ad una relazione con lui.

Sjofn che fa l'operatrice ecologica,un giorno cade in uno stato di  profonda depressione e  prostrazione,smette di andare a lavorare.Per  evitare il suo licenziamento,Fusi che è un ragazzone sensibile e altruista, decide di mettersi in aspettativa con il suo lavoro e di sostituirla finchè non si riprende Nel frattempo gli capita pure una disavventura giudiziaria,fortunatamente senza conseguenze,a causa  di un disguido con  un padre apprensivo, che scambia innocenti giochi di Fusi con la figlia di 8 anni,per attenzioni pedofile.Finalmente Sjofn guarisce e il suo atteggiamento verso il ragazzotto che l'ha accudita, preparandole perfino da mangiare, cambia ,gli si concede e  sembra che la storia sentimentale possa decollare,arriva fino ad invitarlo a vivere con lei,ma all'ultimo momento,la ragazza  ha un ripensamento,tuttavia ormai Fusi ha rotto il ghiaccio e riprende a vivere,da solo,ma con un'altra grinta.

Film delicato e introspettivo,Il protagonista è solo qualcuno che ha bisogno che gli succeda  qualcosa di importante per scuotersi,la sua accidia è pigrizia,è paura degli altri e senso d'impotenza, ma quando incontra una persona che lo "vede" per come è dentro e al di là del suo aspetto fisico,finalmente come una crisalide che diventa farfalla, prende il volo.

Location molto suggestiva.

Bello e intenso.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati