Espandi menu
cerca

Corri ragazzo corri

play

Regia di Pepe Danquart

Con Andrzej Tkacz, Kamil Tkacz, Elizabeth Duda, Jeanette Hain, Itay Tiran, Katarzyna Bargielowska, Rainer Bock, Sebastian Hülk... Vedi cast completo

Guardalo su
  • RaiPlay
  • iTunes
  • Tim Vision
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Nel 1942 Srulik, un bambino di otto anni, fugge dal ghetto di Varsavia. Da quel momento, cercherà di sopravvivere dapprima da solo nella foresta e in seguito in una fattoria polacca, assumendo l'identità dell'orfano cristiano Jurek. Durante tutto il suo calvario, rischierà però di perdere la propria identità ebraica incontrando persone che lo inganneranno per una ricompensa, lo picchieranno e cercheranno di ucciderlo, e altre disposte a rischiare tutto pur di aiutarlo.

Approfondimento

CORRI RAGAZZO CORRI: REINVENTARSI PER SFUGGIRE ALL'OLOCAUSTO

Diretto da Pepe Danquart e sceneggiato dal regista con Heinrich Hadding, Corri ragazzo corri è l'adattamento dell'omonimo romanzo di Uri Orlev e racconta la storia di Srulik, un ragazzino ebreo polacco che nel 1942 riesce a scappare dal ghetto di Varsavia. Dopo essersi nascosto nella foresta, Srulik trova rifugio presso l'abitazione di Magda, una donna cattolica, prima di essere costretto a vagare senza meta e a nascondere le proprie origini per sopravvivere.

Con la direzione della fotografia di Daniel Gottschalk, le scenografie di Matthias Müsse e le musiche di Stéphane Moucha, Corri ragazzo corri affronta il tema dell'Olocausto e lo fa con il punto di vista del piccolo protagonista, chiamato a reinventarsi per sfuggire alla follia nazista. A spiegare meglio Corri ragazzo, corri sono le parole dello stesso Danquart: «Da tempo cercavo un soggetto forte e storico, del materiale che mi permettesse di realizzare un'opera storica precisa, intensa e seria, contro l'oblio e in grado di far pensare. Ho trovato tale materiale nel romanzo Corri ragazzo corri di Uri Orlev, un best seller di cui mi sono stati concessi i diritti di adattamento. Il libro racconta le avventure di un ragazzo di nove anni, che è fuggito nel 1942 dal ghetto di Varsavia dopo aver perso i suoi genitori in un cambio di campi. Nei tre anni successivi, il piccolo sopravvive agli orrori della guerra nascondendosi nei boschi intorno a Varsavia e nelle zone circostanti, venendo cacciato, catturato, tradito o aiutato. Il ragazzino affronta fame o malattia negando la sua identità semitica e sopravvivendo grazie a una serie di incontri.

Il mio film non è destinato a un solo pubblico di bambini. Srulik/Jurek prende il destino nelle proprie mani come un adulto e grazie al suo coraggio supera ogni pericolo. Siamo guidati nella storia dalla sua naturale curiosità e innocenza nell'esplorare il mondo e sopravvivere, caratteristiche che rendono ancora più insostenibile la mostruosità del genocidio degli ebrei. La sua è anche una storia che mostra la brutalità di ogni guerra e dei suoi traditori, collaboratori e approfittatori. Ed è la storia di coloro che affrontano l'assassinio sistematico di uomini e donne fornendo, anche sotto minaccia, il loro sostegno a chi non sarebbe sopravvissuto senza il loro aiuto. Non sono stati solo gli uomini come Schindler, che era in posizione di potere, a permettere ai ragazzini ebrei di sopravvivere ma anche dei semplici contadini. L'avanzata barbarica dei nazisti, l'Olocausto e l'assassinio organizzato, vengono richiamati in ogni immagine della storia di Srulik. Il libro di Olev è a tutti gli effetti un documento di fondamentale importanza come il Diario di Anna Frank o Essere senza destino di Imre Kertész.

Al di là del suo lato avventuroso, Corri ragazzo corri mette in evidenza il conflitto interiore che il protagonista vive per sopravvivere: deve infatti fingersi un orfano cattolico polacco e nascondere la sua identità ebraica. Durante la lotta per la sopravvivenza, deve dimenticare i suo cari e il volto della madre, trovando conforto e sicurezza nelle famiglie di agricoltori polacchi cattolici che incontra.

Uno dei momenti chiave del film è quando il padre sacrifica la sua vita per salvare quella di Srulik, sussurrandogli all'orecchio di far di tutto per sopravvivere e di cancellare dalla memoria il proprio nome».

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Una fuga infinita, durata per anni, con accumuli drammatici sovente eccessivi: dal ghetto dove gli vengono uccisi genitori e fratelli, dalle foreste gelide dove perde i compagni, dai polacchi che consegnano bambini alle SS per un tozzo di pane. Picchiato, rincorso, rifiutato, vessato, privato di un braccio, ma animato da un indomito spirito di sopravvivenza. Che è la cifra simbolica di un film da proiezione per le scuole, a cui manca un manico e su cui pesano i dialoghi ingessati, ma verso il quale si finisce per nutrire sano rispetto. Adattamento di un romanzo di Uri Orlev.

Commenti (4) vedi tutti

  • Il film merita. Dal romanzo per ragazzi di Uri Orlev, israeliano ma origini polacche, sopravvissuto all'Olocausto. Scene che sorprendono e toccano l'animo umano.

    leggi la recensione completa di maestro_farnese
  • Liberamente ispirato alla storia veria di un ragazzino ebreo che sfugge x anni dai nazisti, imparando l'arte del sopravvivere. Film x ragazzi e adulti...7

    commento di Bibi0075
  • Ottimo film tratto da un romanzo, basato su una storia vera (come si scopre alla fine)!

    commento di faumes
  • film sulle sofferenze di un ragazzo ebreo in fuga per i nazisti basato su un romanzo, peccato che non è una film basato su una storia vera… avrà avuto un impatto molto più reale e coinvolgente.. voto 6

    commento di nicelady55
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

Uri Orlev e Yoram Fridman. Lo scrittore e il bambino. Il primo ci ha messo la penna, il secondo la vita. Nell’inverno del 1943, un ragazzino polacco di fede ebraica ha iniziato a correre. Per più di due anni attraverserà boschi e campi, si nasconderà tra la vegetazione o nelle case dei contadini, e troverà sempre un nuovo motivo per continuare a scappare. Solo… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

maestro_farnese di maestro_farnese
6 stelle

E' bello ammirare il coraggio di questo bambino di 8 anni che corre a perdifiato, e con astuzia, nelle foreste europee per sfuggire alla spietata cattiveria dei tedeschi. E' il 1942 e l'Impero di Hitler la fa da padrone in tutto lo scenario bellico della 2^ Guerra Mondiale. Il film è drammatico perchè racconta una triste storia, quella del… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

2021
2021

Recensione

maestro_farnese di maestro_farnese
6 stelle

E' bello ammirare il coraggio di questo bambino di 8 anni che corre a perdifiato, e con astuzia, nelle foreste europee per sfuggire alla spietata cattiveria dei tedeschi. E' il 1942 e l'Impero di Hitler la fa da padrone in tutto lo scenario bellico della 2^ Guerra Mondiale. Il film è drammatico perchè racconta una triste storia, quella del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 6 giugno 2021 su Rai Storia
Trasmesso il 26 gennaio 2021 su Rai Movie
2020
2020
Trasmesso l'11 aprile 2020 su Rsi La1
Trasmesso il 4 aprile 2020 su Rai Movie
Trasmesso il 2 febbraio 2020 su Rai 5

Recensione

galaverna di galaverna
7 stelle

L'odissea del piccolo Srulick, un bambino ebreo costretto ad una continua fuga nella Polonia devastata dalla guerra, è ben rappresentata in questo valido film dove la crudezza degli eventi viene solo in parte stemperata dall'innocenza dell'infanzia. Tutto è dominato da un continuo senso di precarietà, come se la fuga fosse anche metaforicamente un non-vedere le parti…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 28 gennaio 2020 su Rai 5
2019
2019
Trasmesso il 21 settembre 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 20 settembre 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 21 aprile 2019 su Rsi La1
Trasmesso il 28 gennaio 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 27 gennaio 2019 su Rai Movie
2017
2017
Trasmesso il 28 gennaio 2017 su Rsi La1
2016
2016

Recensione

laulilla di laulilla
7 stelle

Dopo il rastrellamento nazista del Ghetto di Varsavia, il padre del piccolo Srulik aveva sacrificato coscientemente la propria vita pur di agevolare la fuga del suo bambino, affidandogli le ultime e terribili parole, il significato profondo delle quali egli, solo a guerra finita, avrebbe compreso compiutamente. Quelle parole paterne lo invitavano…

leggi tutto

HEIL HITLER ? NO GRAZIE !

pippus di pippus

Carissimi coutenti, mi sento in dovere di ringraziarvi tutti per l’inaspettata adesione a quella che normalmente si dovrebbe definire recensione ma che, nel caso specifico, sarebbe più opportuno ritenere…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito