Espandi menu
cerca
St. Vincent

Regia di Theodore Melfi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

supadany

supadany

Iscritto dal 26 ottobre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 389
  • Post 189
  • Recensioni 5760
  • Playlist 117
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su St. Vincent

di supadany
6 stelle

Due anni prima di conquistare il successo con Il diritto di contare, Theodore Melfi dirigeva St. Vincent, anticipando, seppur ricorrendo a tutt’altra tipologia di mezzi, la ricerca dei buoni sentimenti, con morale finale da posizionare accuratamente sulla torta.

Questo film è comunque siglato - e salvato - principalmente da Bill Murray, protagonista in lungo e in largo, perfetto quando può dare sfogo a un’indole asociale e negativa per usi e costumi, sempre rivolti al tornaconto personale.

Appena trasferitasi a Brooklyn, Maggie (Melissa McCarthy) è costretta dal lavoro a lasciare quasi sempre suo figlio Oliver (Jaeden Lieberher) a casa da solo, trovando nel vicino di casa Vincent (Bill Murray) - un uomo dal bicchiere facile, dedito alle scommesse e spesso in compagnia di una prostituta (Naomi Watts) -, l’unico con la possibilità di tenerlo sotto controllo.

Con il passare delle giornate, tra i due è destinata a nascere un’amicizia sincera, utile alla crescita del ragazzino e alla stimolazione di quelle qualità umane che Vincent ha da tempo sotterrato o comunque nascosto allo sguardo comune.

 

Jaeden Lieberher, Bill Murray

St. Vincent (2014): Jaeden Lieberher, Bill Murray

 

In St. Vincent, dramma e commedia s’incontrano per produrre tenerezza, non prima di aver passato in rassegna più vizi che virtù, avvalendosi del talento comico irregolare e irresistibile di Bill Murray, su cui il film è letteralmente cucito addosso.

Il ricettario è di lungo corso: le scorrettezze sono pretestuose e la finalizzazione è visibile da lontano, quando ancora la linea del traguardo deve essere stabilita. In questa descrizione riassuntiva, rientra a tutti gli effetti la doppia parabola insita nell’itinerario, che vede protagonisti un anziano scorbutico e un bambino obbligato a crescere da solo, un doppio binario più che rodato, anche nella sua fondamentale intersecazione.

Appurato il tipo di svolgimento, che vede la profusione di buoni sentimenti, Theodore Melfi riesce comunque a creare un discreto coinvolgimento, grazie a un sentimentalismo delle retrovie che scalfisce la corazza, non solo di Vincent, e un umorismo che non sarà di primo pelo ma che riesce più volte a far breccia.

Questo risultato è ottenuto anche grazie alla buona alchimia instaurata tra Bill Murray e Jaeden Lieberher, con il primo sugli scudi e il secondo capace di dimostrarsi istintivo e vivace. Dal canto loro, le coprotagoniste femminili Melissa McCarthy e Naomi Watts giocano fuori casa rispetto alle consuetudini più collaudate: la prima è insolitamente pacata, la seconda ripudia l’usuale ed elegante compostezza ma, nella ruvidezza un po’ rozza del suo personaggio, riesce a instillare note indicate.

Alla fine, senza proporre niente di clamoroso, St. Vincent assume le forme del classico prodotto medio, che gioca anche sporco ma a fin di bene e poi si ritorna sempre al punto di partenza: Bill Murray è uno spettacolo e vederlo esprimersi a tutto tondo è un regalo succulento, una medaglia da appuntarsi sul petto.

Scontato ma appagante, soprattutto quando il mattatore offre il peggio del suo personaggio e il meglio del suo spirito irascibile. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati