Espandi menu
cerca
Godzilla

Regia di Gareth Edwards vedi scheda film

Recensioni

L'autore

M Valdemar

M Valdemar

Iscritto dal 6 febbraio 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 248
  • Post 28
  • Recensioni 574
  • Playlist 36
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Godzilla

di M Valdemar
8 stelle


Voi non avete idea di cosa sta arrivando ...

 

 

 

locandina

Godzilla (2014): locandina






 E alfine venne il fatal, angoscioso giorno,
e furono tenebre e polvere e devastazione
nell'atmosfera, sulla terra, e tutt'attorno,
arse l'aria s'oscuraron i cieli per la ragione

 che'l piccol essere-uomo sempre (s')esalta:
«hey! son io che ho il controllo sulle cose
e sulla natura, ch'io modello come malta!»
qual stoltezza in tal sguardo che mai pose

 occhi e senno sui segnali di Madre Terra.
(Bi)sogni di nucleare a cullar docilmente
una (ir)realtà che dal buon senso aberra,
finché da ere passate un monito cogente:

 è la Natura che regna e sul creato a vegliar,
con il suo ordine le sue norme e le divinità
ché sacra è l'armonia: non si può spezzar!
ma è vil istinto, abbandonarsi nell'infinità

 di atti empi, indice di cieca ottusa insania
che nell'ineluttabile mondi e genti proietta;
dai primordi il risveglio porta alla smania
di tuonar richiami d'amore e guerra infetta.

 E venne il giorno, nero come i neri abissi,
(delle vastità marine, di coscienze sospese)
in cui ignominiose entità calarono l'eclissi
di civiltà e luce del futuro, all'ignoto arrese

 ché tali creature han la foggia dell'abominio
come di remote aliene epoche dimenticate,
e dell'energia elettromagnetica il dominio,
il lor bacio atomico prelude immonde figliate.

 Né bombe intelligenti né bravi piani militari,
laddove l'umano intelletto nient'affatto brilla,
posson trionfar; ma, solcando gl'estesi mari,
eccolo li! sontuso regale e brutale: Godzilla!

 che, dalle profondità terracquee è venuto,
questo dio ha una missione: salvare la vita,
e ristabilir l'equilibrio da sempre mantenuto;
della sua voce cavernosa la scena è riempita,

 sì terrificanti suoni l'assurgono a emblema
d'una maestosa forza primigenia risolutiva:
ha gl'occhi feroci del Giusto, che il poema
della Storia crea fin alla vittoria definitiva!

 E che incanto il gigante filmico di Eduardo,
usa cliché, sì, ma non ne fa misero baluardo
anzi: eroi famiglie governi e special'effetti
al caso al caos e a leggi naturali son soggetti.


Su paranoie attuali l'opera s'apre e s'effonde
ché a esigenze di mercato e talento risponde.

Chiusa fulgida: negl'umani il vero s'instilla;
si rialza e nelle acque rinasce. Ode a Godzilla!



scena

Godzilla (2014): scena






Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati