Espandi menu
cerca
I nostri ragazzi

Regia di Ivano De Matteo vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alexio350

alexio350

Iscritto dal 25 gennaio 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 16
  • Post -
  • Recensioni 784
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su I nostri ragazzi

di alexio350
6 stelle

Paolo (Luigi Lo Cascio) e Massimo (Alessandro Gassman) sono due fratelli, entrambi professionisti affermati: il primo medico pediatra, il secondo avvocato. Il primo tenero di cuore, soprattutto coi bambini; il secondo più pragmatico e realista. Una sera il figlio di Paolo, Michele - ubriaco - prenderà a calci fino quasi ucciderla una barbona incontrata per strada. Ad incitarlo nel gesto folle c'è Benedetta, la figlia di Massimo.

 

L'intento di questo film è chiaro: mostrare il vuoto affettivo in cui crescono molti giovani di oggi, incapaci di metabolizzare sentimenti ed emozioni, spesso fino a conseguenze irreparabili. Michele è un ragazzino che va male a scuola, con la testa sempre persa nel cellulare; Benedetta è una ragazzina sveglia, strafottente e cinica. Dopo il gesto terribile che hanno compiuto, nessuno dei due sembra provare il minimo rimorso o senso di colpa: solo il vago timore che i genitori - i quali hanno scoperto tutto grazie a un video trasmesso da "Chi l'ha visto" possano denunciarli. I genitori stessi - messi di fronte al fatto di avere cresciuto due delinquenti - non sembrano in grado di fare nessun esame di coscienza, o di assumersi le dovute responsabilità. I rapporti tra i due fratelli degenerano del tutto, facendosi specchio della stessa violenza esercitata dai figli che hanno "educato". Il regista Ivano De Matteo, basandosi evidentemente su una buona sceneggiatura, crea due personaggi a tutto tondo: mentre l'avvocato pensa che in fin dei conti la cosa migliore sia denunciare i due adolescenti, seppur partendo dal presupposto che i due se la cavino con poco, il pediatra non ci pensa nemmeno a consegnare il figlio alle autorità competenti. La vicenda scampa il rischio di essere solo didascalica (rischio in cui sembra incorrere a dire il vero nella prima parte) per farsi infine dramma lucido e di sicuro impatto.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati