Espandi menu
cerca
Via dalla pazza folla

Regia di Thomas Vinterberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

leporello

leporello

Iscritto dal 18 dicembre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 42
  • Post 5
  • Recensioni 652
  • Playlist 9
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Via dalla pazza folla

di leporello
8 stelle

“E' difficile, per una donna, definire i suoi sentimenti in una lingua creata dagli uomini per esprimere i loro”.

 

   “Far From The Madding Crowd”, nonostante quanto sopra da esso stesso enunciato, nasce per mano di un uomo (Thomas Hardy), nel filone della monumentale/melodrammatica letteratura britannica ottocentesca che non ho mai avuto la fortuna di frequentare, ammesso che sfortuna sia. Ho invece avuto la fortuna di incontrare il suo corrispettivo cinematografico (versione 2015), confezionato dalle mani di uno dei miei registi preferiti (Thomas Vinterberg, uomo), il quale ha ritenuto meravigliosamente opportuno affidarne gesta e  speranze alla mia attrice ancor più preferita (Carey Mulligan, donna), mai vista, sino ad ora, meno all’altezza della volta prima.

 

   Anno 1870 - Bathsheba Everdene (lo racconta essa stessa nell’incipit) è un nome strano, che non le è mai piaciuto. Orfana e sola, cresce auto fortificandosi, indipendente, apparentemente libera ma in realtà circondata da una nuvola di ghiaccio della quale ignora ogni cosa, nelle rigogliose campagne britanniche dove incontra subito, senza essere in grado di riconoscerlo, il grande amore; il quale amore (impersonificato da Matthias Schoenaerts/ Gabriel Oak), un giovane dotato e risoluto, almeno sul lavoro, la chiede subito in sposa (precipitosamente, direbbe qualcuno di mia conoscenza...).
“Non mi dispiacerebbe essere una sposa, se solo ciò non comportasse il dover prendere marito”: questa è la sciocca risposta (ma mica tanto...) che da’ Bathsheba a Gabriel. Non è un sì, non è un no (ma è comunque ascrivibile come rifiuto, o quanto meno non accettazione), ed è soprattutto quella costante rivendicazione di autonomia di “bastante a se stessa” che tratteggerà il carattere della ragazza, e al tempo stesso la cortina di gelo dietro cui si nasconderà con fierezza la dolce e fragile Bathsheba per gran parte della vicenda.


   Ben presto, due eventi fatali travolgeranno i due giovani spingendoli in direzioni opposte e contrarie (il cane pastore di Gabriel, in un raptus di follia notturno, spingerà tutto il suo gregge di pecore a gettarsi in un burrone provocando la rovina economica del suo padrone, mentre Bathsheba erediterà tutta una grande e prestigiosa fattoria dallo zio defunto) unendoli in un destino che vorrà lei nel ruolo di “Signora” e lui in quello di umile e fedele salariato. In realtà, l’amore mai sopito che alberga nascosto nel cuore di Gabriel (e  -lei ancora non lo sa-  anche in quello di Bathsheba), faranno di lui una sorta di Angelo Custode sempre presente e vigile nella vita dell’ormai ricca e stimata possidente, a cominciare da quei difficili esordi nel mondo del commercio su larga scala (magnifica la scena della prima volta in cui Bathsheba si reca con la sua assistente al mercato delle granaglie, unica donna -mai vista una, prima d’ora, in tale contesto!- perfettamente snobbata da tutti gli uomini presenti), fino a tutti i tormenti e i dubbi amorosi che attraverseranno lo spirito della ragazza, certamente oggetto del desiderio non soltanto del suo fido “pastore”.


   Dopo aver declinato anche la lusinghiera e teoricamente irrifiutabile offerta di matrimonio di William Boldwood (Michael Sheen), un ricchissimo proprietario terriero di mezza età rimasto volutamente scapolo dopo una cocente delusione d’amore di gioventù, Bathsheba incontrerà però la spada che farà breccia nelle sue eterne resistenze: sarà il sergente Francis Troy (Tom Sturridge) colui che per primo troverà la chiave per raggiungere il suo cuore, una chiave elementare, un vero “Uovo di Colombo”: tutti (tanti) l’avevano sempre e semplicemente chiesta in sposa, ma mai nessuno, prima dell’ardito sergente, le aveva detto semplicemente detto così, direttamente, senza mezze parole, quanto fosse bella. Scatta così in Bathsheba quel meccanismo primordiale e magico che la porterà alla sciagurata scelta di un (finalmente) marito che tutto potrà fare (dall’iniziare a dilapidarne il patrimonio al gioco, fino al riavvicinarsi ad una sua vecchia fiamma mai scordata, e rincontrata per caso ad un mercato) tranne che renderla felice.


    La vicenda (e con essa il film, sulla cui descrizione non mi dilungo oltre, anche per non pervenire ad antipatici spoiler), ricchissima di punti cardine, di  crocevia dirimenti, di coincidenze fatali, di incontri e scontri tra i vari personaggi (di pregio e particolare raffinatezza il rapporto di reciproco rispetto e stima, unita ad un’inevitabile rivalità che coinvolge Gabriel ed il ricco Boldwood, entrambe onestamente innamorati di lei) è una di quelle alle quali, magari anche dimenticandosi per un attimo tutte le considerazioni tecnico-artistiche sulle quali ogni buon dilettante cinefilo come me ama indugiare davanti ad un bel film, è soprattutto bello ed importante abbandonarsi, farsi raccontare, vedere ed ascoltare come un bambino ascolta una favola (si può forse dire che “Far From The Madding Crowd” non sia una favola?!), tanto più che l’estrema dolcezza che emanano e la tenerezza  che suscitano entrambe i protagonisti con le loro infinite schermaglie accompagna per mano ogni spettatore, su di un tappeto di struggenti violini stesi al sole insieme alle verdi campagne inglesi, verso il vero, unico finale che ogni bambino vorrebbe avere dalle sue favole preferite.


   Felice incursione di Vinterberg (già ruvido regista danese della galassia “Dogma”) in un genere per lui nuovo. Da vedere rigorosamente in versione originale casomai sottotitolata, non fosse altro per la musica dall’accento londinese che esce ad ogni parola pronunciata dalle splendide labbra di Carey Mulligan (su questo non sono obbiettivo, lo so. E non me ne scuso neppure...).

 

Anche su MamoNonMamo.blogspot.it


Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati