Espandi menu
cerca
L'ascensore

Regia di Dick Maas vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mmciak

mmciak

Iscritto dal 3 settembre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 56
  • Post 9
  • Recensioni 2313
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'ascensore

di mmciak
8 stelle

"L'ascensore" diretto nel 1983
da Dick Maas,devo dire che
è un gioiellino.

La storia si svolge a Amsterdam e racconta
che Felix Adelaar,ascensorista,sposato
con due figli piccoli,viene chiamato
per dei fatti raccapriccianti successi in
un edificio per controllare i meccanismi
dell'ascensore.

La polizia archivia i casi,attribuendoli al cattivo
funzionamento del meccanismo.

Allora Felix cerca di capire cosa abbia solo che delle
circostanze viene sospeso dai superiori,e allora
comincia a indagare aiutato da una giornalista.

Il Film è di produzione Olandese dove l'artefice
è il Regista Dick Maas,al suo 2° Lungometraggio,
si occupa oltre della regia,al soggetto,alla sceneggiatura,
produzione e le musiche e nonostante il Budget
risicato colma questo con buone scelte registiche,
e a mio parere l'ho trovato molto "Carpenteriano".

Il regista ci immerge in un indagine che fa
Felix,un ascensorista che non è convinto
per come funzione e che c'è qualcosa sotto,
soprattutto quando i morti aumentano,
e solo una giornalista lo aiuta perché
ostacolato da tutti,compreso i suoi
superiori.

Poi è bravo a non cadere nella ripetizione,
e di crearci intorno una storia e di fare
la tensione prima che l'ascensore tenta
e fa un omicidio,infatti queste sono
memorabili come quando a uno viene mozzato
la testa,oppure quando il cielo cade
perché è assente,e al prologo che fa
soffocare due coppie.

Insomma il tutto fila liscio e ti coinvolge
questa indagine e a Felix succede di tutto,
fino anche viene lasciato dalla moglie
perché scambia la giornalista per un amante.

Poi verso l'epilogo finale cade a qualche
ingenuità narrativa però ormai il buono
è fatto e sceglie un finale alla Cronemberg
che colpisce.

Certo ci troviamo davanti a un Horror
che rimane nei codici del genere
in maniera molto Europea,ma che
non ha niente da invidiare ai prodotti
Americani,e riesce anche giocare in
modo ironico con dei dialoghi che
fanno ridere.

Da segnalare la buona direzione degli
Attori dove figurano:

Huub Stapel, Willeke van Ammelrooy e Josine van Dalsum.

Invece nel reparto tecnico segnalerei
la Fotografia di Marc Felperlaan,che gioca
con colori accentuati e soprattutto di utilizzare
il blu come colore primario,gli effetti speciali
di Leo Cahn,le scenografie di René Habes,
Matthijs van Heijningen Jr., Jan van den Berg, Hans Voors
e Harry Ammerlaan,i costumi di Jany Temime
e il trucco di Robert Stouthamer,che rendono
una buona messa in scena.

In conclusione un buon Horror,
a mio parere da riscoprire perché
riesce a catalizzare l'attenzione su un
problema di un ascensore senza cadere
nella ripetizione,e incentrarla su un indagine
improvvisata di un ascensorista e una
giornalista,e si ispira a Carpenter e Cronemberg,
che andranno in un epilogo da incubo.

Il mio voto: 7.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati