Espandi menu
cerca
Aningaaq

Regia di Jonas Cuarón vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 176
  • Post 120
  • Recensioni 601
  • Playlist 198
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Aningaaq

di mck
7 stelle

* * * ¼

A Ham Radio Film, ovvero : ci sono 4 comuni in Groenlandia e una Comune spaziale lassù.

“ Houston, Houston, please confirm identity. Houston, you’re coming in over an A.M. frequency, copy ? ”
Ryan Stone ( AstroCosmoAmatrice )

 

( © Google Maps - Ilulissat )


Prima di tutto sarebbe meglio che assisteste a Gravity.
Poi, ecco il cortometraggio di Jonás Cuarón ( il figlio di Alfonso, co-soggettista e co-sceneggiatore del film-corpo gravitico principale ).

Dottoressa Ryan Stone (Voce) – Sandra Bullock
Aningaaq – Orto Ignatiussen
Madre del Bambino – Lajla Lange

Fotografia ( Alexis Zabe ) : quasi perfetta nel gestire la profondità di campo del set e il contrasto tra le sfumature naturali e gli elementi di artificialità antropica [ NdA : col senno di poi ( lo giuro, me ne sono accorto-ricordato solo dopo ) verrebbe da dire : '' E ti credo ! ", ché Alexis Zabe è stato il direttore della fotografia di "Stellet Licht / Luz Silenciosa" e di "Post Tenebras Lux" di Carlos Reygadas, nonché di "Lake Tahoe" e del videoclip "Ugly Boy" per Die Antwoord, e va beh...]. 

Soggetto/Sceneggiatura e Montaggio ( Jonás Cuarón ) : se lo script è una talea piantata direttamente nel permafrost che ha attecchito ed è subito fiorita fruttando, il montaggio ha minime pecche ( uno stacco anticipato verso la fine...ma è l'occhio di chi guarda, o forse un bruscolino ).

Musica ( Steven Price ) : risuona fin qui da Gravity, e si accosta con pudore e si adatta con grazia al nuovo ambiente.

Costo Gravity  :  90 minuti  :  100 milioni di dollari
Costo Europa Report  :  90 minuti   : 10 milioni di dollari
Costo Aningaaq  :  6½ minuti  :  100 mila dollari

 

''A proposito'' di Neil Young ( vedi più sotto, alla fine ) - ma non ''quel'' Neil Young -, qui di seguito ho posto un link ad una bella pagina semi-esaustiva sul cortometraggio in questione : http://www.jigsawlounge.co.uk/film/reviews/aningaaq/

Testa-
https://www.youtube.com/watch?v=0zcYkuIzzy8

 
----------------------------------------------------------------------------------------

“ Mayday...Aningaaq. Aningaaq, Mayday…”
Aningaaq ( RadioAmatore )

MONDO CB. 

 

Ham Radio anche nella sperduta Città Metropolitana di Ilulissat, che interpreta il personaggio del f-i/u-nzionale fiordo di Sikvivitsoq.

Abbandoniamo per il breve lasso di tempo di un cortometraggio-spinoff, ch'è la realizzazione totale di un controcampo ad una singola scena del film-genitore -[ pratica bipartita - a prescindere dal rapporto di sperequazione quantitativa così tanto sbilanciato : il film-figlio è solo una ''cisti'' all'interno del corpo del film che lo ha ''procreato'', quasi una rigaglia, un cascame, un lacerto : prezioso - che assume la valenza di un caso più unico che raro : per fare degli esempi recenti, ma equilibrati, proporzionati e completantisi : "Smoking / No Smoking" ( ma è un ''falso'' controcampo, direi ''quantistico'' ) di A. Resnais e ''the Disappearance of Eleanor Rigby - Her/Him/Them" di N. Benson ]-, tutti quei detriti orbitanti lassù ognuno nel suo piccolo a fare da Stella di Betlemme per ogni nuovo nato sulla Terra da qui all'Eternità e lasciamo l'affollamento orbitale di tele-radio comunicazioni
( “ Quanti satelliti sono stati coinvolti ? ”
“ Tutti ! Tutti quanti ! ”
“ Eh la Madonna ! ” ),
salvo poi ben presto riprenderlo grazie alla magia delle AM ( Onde – lunghe, medie, corte - a Modulazione di Ampiezza ), che rimbalzando tra gli alti e i basso strati atmosferici e venendo riflesse dalla ionosfera facendo più e più volte il giro del mondo ( e del Sistema Solare, e della Galassia, e dell'Universo, s'è per questo ) giungono infine anche ad Aningaaq, in contatto col mondo ( ma che, al contrario forse dei suoi figli, se dovesse trovarsi in difficoltà nel bel mezzo del nulla ghiacciato senza GPS funzionante saprebbe come sopravvivere e fare ritorno a casa ).

 

( Aningaaq )

( Gravity )

MOTO APPARENTE.

Siamo ancora ( sempre ) in orbita, ma non lo sappiamo.
Oppure (eppure) sappiamo bene che (non) è così, ma ugualmente lo percepiamo.

C'è luce ovunque, anche qui, non pura e incontaminata come lassù - all'egual distanza dallo superficie dello zero altimetrico di quella che passa tra la Mole Antonelliana e l'Arena di Verona - senza il conforto della protezione atmosferica, che trasforma la prepotenza dei 15 milioni di gradi Kelvin del nucleo solare - che si sono fatti strada per milioni di anni sino in superficie ed ora sbattono sulla ISS con tutto il portato della loro (in)costante (ir)radianza blandamente smorzati solo dalla distanza percorsa solcando per intero l'Unità Astronomica di base Terra-Sole - nei canonici ±5000°K equatoriali, qui ai poli un poco più abrasa ancora col diminuir dell'angolo d'incidenza : lattiginosa, ovattata, pallida e al contempo accecante, caliginosamente ghiaccia, bianca, panica.


C'è aria ovunque, gelida e tersa, limpida e respirabile, ricca d'ossigeno e intensamente comburente, non artificiale, non stantia, non condizionata, non riciclata : libera ! E in continuo perenne ripristino grazie a GreenLand lontane ( terre amazzoniche, siberiane ed africane, e deserti di ghiaccio : misteri del linguaggio e delle lingue, delle coincidenze, dell'eccezioni che confermano le regole, dell'interpretazione, della denominazione, della Prima Impressione spesso erronea : sarebbe come, sbarcati al Lido di Venezia in Settembre, battezzare l'Italia CineLand ) così come e più all'attività di fotosintesi delle alghe verdi negli strati superficiali di mari e oceani (Blue”Land”). Aria sino alla parentesi retta dell'orizzonte bivalve aperto-chiuso la cui cerniera è difficile da individuare, che là dove dovrebbe terminare il cielo ed avere inizio la terra v'è solo contiguità di spazio bianco, in tutte le sue infinite, indecenti, luride, oscene, corrotte, corrusche, abbacinanti, incantevoli, ammalianti, sublimi, armoniose, furibonde sfumature.

 

( Aningaaq )

( Gravity )


DEALBATOR E IMAGINARIUS.

Movimento orizzontale di macchina posta in asse verticale verso dx.
Tara la frizione sul carico di rottura del filo. Lo fa, così come per quasi tutte le azioni umane, ''inconsapevolmente'', o meglio con discernimento esperienziale, a occhio, a braccia, a mano, a sensazione [ si veda per esempio - non ''qui'', ma in ''loco'' ( né amoenus né tanto meno horridus/terribilis ) - la minima meraviglia di una curva catenaria ( il processo geometrico per cui gli igloo stanno in piedi ) dispiegata a ripiglino dal popolo Inuit per tramandata sapienza ]. 
Un movimento rotatorio su di un asse orizzontale produce un movimento in linea retta ascensionale-discensionale ( trasformazione di moto circolare in moto rettilineo ), e viceversa un pistonare rotante verticale si tramuta in una rotazione martellante. Il movimento apparentemente si propaga trasmettendosi anche in senso orizzontale ( salvo fermarsi improvvisamente, un attimo prima di uscire dal quadro, spinto via verso sx ), producendo lo stesso effetto su di un altro asse verticale, a distanza.

E' solo il vento che muove tutto ciò che non è già stato da lui in precedenza ridisposto e plasmato, è un filo di raccordo, è un pescare nel ghiaccio, praticare un foro, calare la lenza, riavvolgerla sul mulinello : ''arcaicismi'' ( ed occhi ignoranti ) resi misteriosi dal disuso, da una certa inabilità alla sopravvivenza. Proprio ciò che la Dottoressa Ryan Stone, in questo momento, sta mettendo in pratica cavandolo fuori dal fantascientifico addestramento ricevuto e dal proprio corpo, lasciandolo fare e agire da sé, alla bisogna.  


Oltre la scena iniziale e quella finale, solo inq.re fisse ( reiterate e montate ) per un numero di 6 punti di vista totali ( ognuno - tranne quello del prologo - utilizzato più volte lungo il film ) :

--- prologo

--- frontale slitta, da ''prua'' verso ''poppa''

--- piano americano/primo piano alla sx di Aningaaq

--- totale ( alla sx della ) slitta ( che verrà utilizzato - proseguendolo verso l'alto - per l'epilogo )

--- totale muta di cani

--- piano medio sulla sacra famiglia con fulcro sul bambino.

 

( Aningaaq )

( Gravity )


MOTU PROPRIO.

Il movimento di macchina a salire dalla distesa del pack al cielo brumoso mette fuori campo ( alla vista, non all'udito ) il gesto morale [ nel (buon) senso-significato-accezione di sostantivo femminile, che non implichi la considerazione di una morale universalmente-cosmopolitamente acquisita-valida-riconosciuta ] di Aningaaq.
Lo stesso MdM è un atto morale, una qualità-consapevolezza - né declinata e mossa in senso positivo né virata e flessa in senso negativo - della MdP : perché consapevole, perché pittorica : il sostituto del pennello nel quadro dello schermo è il movimento del PdV, è il gesto-occhio vertoviano che esplora e (si) muove (all'interno de) la scena. Ciò che guarda riprende, ciò che vede dipinge. Ecco perché la preparazione ( dealbator : tabula rasa mentale, e imaginarius : raccontami una storia ) è ''tutto''. E quel che rimane fuori campo (visivo) è altrettanto importante : poi, interviene il suono, acusmatico e diegetico, preciso, riconoscibile e inconfondibile di...

Sia che sian passati pochi minuti, come pure giorni, o mesi, o anni, dall'aver visto le giroscopiche avventure di Gravity ed aver udito il sound design della sua colonna sonora, o per altri versi - con risultanti sensazioni per forza di cose differenti - addirittura sia il fatto d'averlo posto in essere prima, il corto, quello che smuove dal profondo è una cognizione dello spazio (che si restringe) e del tempo (che passa inesorabile). 

I guaiti, i latrati, i versi, gli abbài, gli abbaìi e l'uggiolar di una muta di cani. Il pianto e il frignare di un bambino. Una ninna nanna.
In sottofondo : Terra ( Zona : Territorio d'OltreMare ).

 

( © Google Maps - GreenLand )

----------------------------------------------------------------------------------------

-Coda.
https://www.youtube.com/watch?v=jLR1yCvu498


PS - Off Topic.
“ AM radio kicked streaming's ass. ”  -  Neil Young  

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati