Espandi menu
cerca
Ida

Regia di Pawel Pawlikowski vedi scheda film

Recensioni

L'autore

leporello

leporello

Iscritto dal 18 dicembre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 41
  • Post 5
  • Recensioni 606
  • Playlist 9
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Ida

di leporello
8 stelle

Sono due Agate, Agata Kulesza e Agata Trzebuchowska, le due pietre preziose incastonate in questo splendido “Ida”, bianco e nero polacco in quattro terzi (o quasi) che, chi ha una certa età, si stringe il cuore.
Silenzioso e lieve, come i fiumi addormentati del Gennaio cantato da Guccini, un ligneo Cristo trova dedita adorazione nell’incipit: Ida e le novizie consorelle lo posano e lo pregano nell’innevato giardino di un convento, prima che una zuppa calda le ristori.
Ma Ida ha un passato da seguire: sebbene affatto incline ai passi retroversi, anzi curiosa e pronta, e timida, e discreta, Ida ha una zia di nome Wanda, come il pesce, che chiama “cappuccio” il velo delle suore, ma non di tutte, solo quello della sua bella Ida. E bussa forte alle porte, la zia Wanda, cerca giustizia lei, giudice che manda a morte, che beve forte e poi guida l’automobile, e balla, e indossa perle, e a agli uomini, la zia, non nega le sue grazie prossime alla disperazione.
Interfacciate come meglio non si potrebbe, dentro inquadrature  tutte fisse ed asimmetriche (eccetto l’ultima, che palpita di passi frettolosi al futuribile ritorno) le due Agate si danno reciprocamente senso, non importa quale o quale sia la conseguenza, non c’è nessun bene e nessun male, nessuna passione, morte, resurrezione, nessun Cristo che vinca se non quello inconsistente e ligneo che guadagna i passi frettolosi della bella Ida che ritorna, dopo che, sciolti i capelli al mondo, aveva chiesto al mondo “E poi?” senza trovar risposta.
Guardatelo.

ance su http://mamononmamo.blogspot.it/2014/03/ida.html

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati