Espandi menu
cerca
Oltre il guado

Regia di Lorenzo Bianchini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Tiaz gasolio

Tiaz gasolio

Iscritto dal 30 agosto 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 7
  • Post -
  • Recensioni 161
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Oltre il guado

di Tiaz gasolio
4 stelle

Oltre il guado - La Recessione

L'italia ha avuto un tradizione di film horror molto prestigiosa, vedi registi come Bava , Fulci,  Argento che, negli anni Sessanta e Settanta, hanno fatto la storia in campo cinematografico. Purtroppo, negli anni successivi, anche il cinema horror italiano ha subito il declino che ha colpito tutto il genere.

Lorenzo Bianchini nel 2014 ha fatto incetta di premi con Oltre il guado:Fantasia Film Festival - Menzione speciale, Cinestrange Film Festival- Miglior film, Ravenna Nightmare - Miglior film, TOHorror Film Fest - Miglior film, Molins de Rei Horror Film Festival - Miglior regista e Premio della giuria dei giovani, Omaha Film Festival - Menzione d'onore, Fantafestival- Miglior film italiano, Italian Horror Fest - Menzione speciale.

Con un curriculum del genere, ero già pronto a cagarmi nei pantaloni, o almeno ad avere un po' di tachicardia, a gridare al miracolo per il ritorno del grande horror italiano che ha ispirato registi in tutto il mondo.

La pellicola si apre sul protagonista di questo film, un taciturno naturalista che per lavoro si aggira per le montagne per monitorare gli animali della zona. Tra bellissimi paesaggi e camminate silenziose,  scopriamo la routine del naturalista medio che risulta interessante per cinque minuti, ma che piano piano gonfia le palle dello spettatore medio, probabilmente studiata per far salire la suspense per gli agghiaccianti avvenimenti che seguiranno.

Il nostro silenzioso protagonista, dopo aver trovato delle anomalie della fauna locale, si spinge fino ad un villaggio abbandonato giusto per sprecarsi con l'originalità, e da lì comincia la parte che dovremmo definire horror, che vede il nostro signore girare a vuoto per il paesino inseguendo le urla e i grugniti del mostrone di turno.  Cosa sarà uscito dalla mente di questo regista che è valso così tanti premi?

Di angoscia non ne proviamo e quello che accade al protagonista non ci dà un minimo di suspense; stanze di case diroccate, parti di animali mangiati "male" e grugniti e pioggia. Il "nemico" deve essere una genialata totale che ribalterà le sorti della pellicola e ci farà balzare sul divano, sicuramente sarà un colpo di genio! Sarà un lupo mannaro genticamente modificato? Uno squalo delle caverne con le zampe di cavallo?

No, sono due gemelle, due cazzo di gemelle alla Shining;  una citazione o un supermega clichè? Lascio a voi il giudizio.

Il naturalista, dopo aver scoperto "i mostri", mentre ogni tanto ci viene mostrato un vecchio che in un dialetto incomprensibile ci spiega la storia delle due gemelle della sfiga di turno, al posto di scappare si fa fermare da un fiume in piena. Voi direte che un fiume in piena fermerebbe qualsiasi uomo, ma se ci ragionate un secondo probabilmente ricorderete il fatto che seguendo ogni fiume vi porterà a valle e quasi sicuramente ad un centro abitato, una cosa che non bisogna essere Bear Grill per intuire; e soprattutto, quando si è braccati dallo spirito di due gemelle assassine, gambe in spalla e fanculo il paese dimenticato dal signore infestato da due stronze.

Ovviamente il protagonista non se ne va e immaginate pure le conseguenze. Inoltre nel calderone aggiungiamo anche la squadra di ricerche che lavora solo di notte senza un buon motivo e che arriva al paesello senza dover guadare il fiume,  e che fa la stessa fine del protagonista.

Un film che vi lascerà una sola ed unica, grandissima domanda: come cazzo hanno fatto le due spirito gemelle mangiatrici assassine a far sparire il camper? 

#larecessione

per insulti anche non costruttivi.

www.facebook.com/larecessione

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati