I corpi estranei

play

Regia di Mirko Locatelli

Con Filippo Timi, Jaouher Brahim, Gabriel De Glaudi, Tijey De Glaudi, Dragos Toma, Naim Chalbi, El Farouk Abd Alla Vedi cast completo

Guardalo su
  • RakutenTv
  • Google Play
  • iTunes
  • Google Play
In STREAMING

Trama

Il piccolo Pietro ha un tumore al cervello e insieme al solo padre Antonio (Filippo Timi) si trova a Milano, città in cui i due sono emigrati dal sud con la speranza di uno spiraglio di salvezza. Il quindicenne Jaber, invece, nel capoluogo lombardo è arrivato da poco tempo insieme a un gruppo di connazionali in fuga da un Nord Africa in agitazione per via delle rivolte della primavera araba. È in ospedale, dove si trova per assistere l'amico fraterno Youssef, che Jaber incontra per la prima volta Antonio, che come lui è un'anima sola e impaurita alle prese con il dolore e la precarietà.

Approfondimento

I CORPI ESTRANEI: L'INCONTRO TRA DUE ANIME SOLE

Diretto da Mirko Locatelli e scritto dallo stesso regista in coppia con Giuditta Tarantelli, I corpi estranei racconta l'incontro tra due anime sole e impaurite che, alle prese con il dolore della malattia, si conoscono nell'ospedale in cui sono costretti a sostare. Protagonisti del film sono Filippo Timi e l'esordiente Jaouher Brahime, nei panni rispettivamente di Antonio (arrivato a Milano per curare il piccolo figlio) e di Jaber (adolescente nordafricano sfuggito agli scontri della primavera araba). Alla sua opera seconda, così Mirko Locatelli descrive I corpi estranei in occasione della sua presentazione in concorso al Festival di Roma 2013: «Come raccontare la malattia di un bambino e il dolore di un padre? Con quali immagini? Ecco le prime domande che mi sono posto scrivendo I corpi estranei, come sempre insieme a mia moglie Giuditta Tarantelli, co-sceneggiatrice e co-produttrice dei miei film. Siamo voluti partire da due parole chiave: dignità e pudore. La dignità di Antonio, eroe silenzioso, lontano dalla famiglia per proteggere suo figlio; quella di Jaber, poco più che un ragazzino, che si muove quasi sempre nel buio, come fosse a guardia del corpo, ancora vivo, del suo amico Youssef; e quella di tutti gli uomini e le donne che lottano per la sopravvivenza, propria o dei propri cari, nella corsia dell'ospedale come tra i bancali di un mercato notturno.
Il pudore, poi: quello che in fase di scrittura avevamo voluto appartenesse ai nostri personaggi, e con cui poi ho voluto raccontarli, come fossero protagonisti di un documentario, per tutelare i loro corpi, i loro sentimenti, i loro rapporti, quando si scrutano, si odiano, si aiutano o stanno fermi ad aspettare nella speranza che qualcosa, attorno a loro, possa cambiare».

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Nella dimensione di grigiore dell’anima dell’ospedale, Antonio e Jaber non abitano i luoghi, l’estraneità è il loro unico denominatore comune. Locatelli non insegue l’incontro fra i due; pedina, piuttosto, la loro non appartenenza (all’ambiente, alle comunità, l’uno all’altro). Trovando la via di un realismo asciugato di ogni retorica, anche nel campo minato di un reparto di oncologia pediatrica.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

Abbiamo visto La guerra è dichiarata. Abbiamo visto Il padre e lo straniero. Dovevamo vedere I corpi estranei, per tornare sulla terra. Questo film nasce nudo, esattamente come l’Uomo. Ed incerto muove i primi passi dentro quel mistero fastidioso che è il Mondo. Dove ogni cosa sembra atrocemente banale, sfiancante nella sua inequivocabile perentorietà. Gli eventi della… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA - CONCORSO Due estranei, appunto, come suggerisce il titolo: un padre salito al Nord per cercare di salvare il suo ultimogenito neonato, affetto da un tumore al cervello; e poco lontano un immigrato, rifugiato come tanti nel nostro paese dopo i disordini della primavera araba: al capezzale di un coetaneo pure lui gravemente ammalato. Un ospedale asettico,… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2017
2017

Recensione

MarioC di MarioC
8 stelle

Occupare gli spazi non con persone, ma con sentimenti, oppressioni, disperazioni, estraneità, passettini di avvicinamento destinati ad inciampare nella incapacità di articolare parole, di organizzare un tentativo di esperanto tra stranieri, l’uno all’altro. Missione non semplice, quella di Mirko Locatelli, tuttavia riuscita con buona tenuta. Un proscenio asfittico quale…

leggi tutto
2015
2015

Recensione

ezio di ezio
7 stelle

Antonio (Timi) e' il padre di Pietro,un bimbo di appena un anno che e' stato trasferito a Milano per subire una delicata operazione.Durante il ricovero a modo di conoscere Jabet ,un adolescente tunisino,ma i due appartengono a due mondi diversi.Quasi un docu-film su una realta' odierna che tocca un nervo scoperto come la convivenza tra due realta' religiose e di vita che difficilmente riescono…

leggi tutto
2014
2014

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Abbiamo visto La guerra è dichiarata. Abbiamo visto Il padre e lo straniero. Dovevamo vedere I corpi estranei, per tornare sulla terra. Questo film nasce nudo, esattamente come l’Uomo. Ed incerto muove i primi passi dentro quel mistero fastidioso che è il Mondo. Dove ogni cosa sembra atrocemente banale, sfiancante nella sua inequivocabile perentorietà. Gli eventi della…

leggi tutto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

lragno di lragno
6 stelle

Storia intimista, estremamente e terribilmente realistica in cui si inseriscono tematiche che é sempre bene affrontare (la malattia e come affrontarla in tempo di crisi, l'integrazione razziale).  Stile registico scarno ed asciutto, fotografia algida e cupa che ben rende la tensione e l'angoscia costanti, recitazione funzionale alla storia, con una menzione a parte per il giovane…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
locandina
Foto
Uscito nelle sale italiane il 31 marzo 2014

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Antonio è stanco di quella stanchezza fiaccante che solo un’attesa in ospedale può provocare, il suo bimbo piccolissimo è sotto i ferri per un’operazione complessa, lui, umbro a Milano, sta a tanti, troppi chilometri dalla moglie e dagli altri suoi figli. Inganna il tempo con una sigaretta, con un kebab, poi (senza tanta convinzione, come a non lasciare nulla d’intentato), con una…

leggi tutto
Recensione
2013
2013

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA - CONCORSO Due estranei, appunto, come suggerisce il titolo: un padre salito al Nord per cercare di salvare il suo ultimogenito neonato, affetto da un tumore al cervello; e poco lontano un immigrato, rifugiato come tanti nel nostro paese dopo i disordini della primavera araba: al capezzale di un coetaneo pure lui gravemente ammalato. Un ospedale asettico,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Mirko Locatelli
Foto
I CORPI ESTRANEI: L'INCONTRO TRA DUE ANIME SOLE

I CORPI ESTRANEI: L'INCONTRO TRA DUE ANIME SOLE

I CORPI ESTRANEI: L'INCONTRO TRA DUE ANIME SOLE Diretto da Mirko Locatelli e scritto dallo stesso regista in coppia con Giuditta Tarantelli, I corpi estranei racconta l'incontro tra due anime sole e impaurite che, alle prese con il dolore della malattia, si conoscono nell'ospedale in cui sono costretti a sostare. Protagonisti del film sono Filippo Timi e l'esordiente Jaouher Brahime, nei panni rispettivamente di Antonio (arrivato a Milano per curare il piccolo figlio) e di Jaber (adolescente nordafricano sfuggito agli scontri della primavera araba). Alla sua opera seconda, così Mirko... segue

Extra
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito