Espandi menu
cerca
Robin Hood principe dei ladri

Regia di Kevin Reynolds vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Marco Poggi

Marco Poggi

Iscritto dal 5 settembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post 6
  • Recensioni 999
  • Playlist 111
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Robin Hood principe dei ladri

di Marco Poggi
8 stelle

Robin Hood torna dalla crociate con Azim, un guerriero turco, ma trova la casa paterna data alle fiamme dal mefistofelico sceriffo di Notthingham che ha la protezione di una strega e che si "vuole fare" (in tutti i sensi) lady Marian. Divertente film del 1991, sostenuto da un cast di alto livello. Forse l'ultimo vero bel film del Costner divo.

In questo film, diretto ed interpretato dai due Kevin (Reynolds e Costner), manca la figura del principe Giovanni senza Terra, fratello di Re Riccardo cuor di Leone, ma c'è uno sceriffo di Nottingham indimenticabile, interpretato da un demoniaco Alan Rickman (e doppiato da noi dall'onnipotente Goldrake, alias Romano Malaspina)  che resenta la follia più estrema, un Kevin Costner  ironico e nobile (doppiato da un convincente Luca Ward, che non fa rimpiangere né Sergio di Stefano, né Michele Gammino) ed una Mary Elisabeth Mastrantonio perfetta come combattiva Lady Marion. Dopo Errol Flynn, è Kevin Costner il Robin Hood hollywoodiano da ricordare, persino Sean Connery, ex-Robin Hood di un film anni'70 già a quei tempi dimenticato, lo festeggia, con un cameo finale. Ottima la parte di Morgan Freeman, nei panni di un guerriero turco amico di Robin Hood, minore, ma non dimenticabile, il Will Scarlett di Christian Slater, nuovamente in abiti medioevali dopo "IL NOME DELLA ROSA". Buon film che sa intrattenere ancora bene, nonostante gli anni.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati