Espandi menu
cerca

Trama

In piena epoca western, Mary Bee Cuddy (Hilary Swank), insegnante di scuola, è una vera pioniera e agisce come il migliore degli uomini. George Briggs (Tommy Lee Jones), invece, è un disertore dell'esercito considerato un fuorilegge. Insieme, i due si ritroveranno a dover scortare dal Nebraska all'Iowa tre donne andate fuori di testa e senza più alcun controllo, sfidando gli ostacoli che il percorso comporterà.

Approfondimento

THE HOMESMAN: UN ANOMALO WESTERN SUL RUOLO DELLE DONNE

Diretto da Tommy Lee Jones e scritto dall'attore/regista con Kieran Fitzgerald e Wesley Oliver, The Homesman è l'adattamento del romanzo omonimo del 1988 di Glendon Swarthout (autore di alcuni testi già trasposti al cinema, come Cordura, Il pistolero e La spiaggia del desiderio) e racconta la storia di Mary Bee Cuddy, una delle prime donne pioniere originaria del Nabraska che nel 1854 ha il compito di scortare tre donne - che hanno perso la ragione a causa delle dure condizioni di vita nel West - fino all'Iowa. Lungo la strada, la Cuddy incrocia il suo percorso con quello di George Briggs, un rude vagabondo che lei salva da morte imminente. Unendo le loro forze, i due proveranno a portare in salvo le tre donne, proteggendole dai pericoli che la frontiera presenta.
Western anomalo che scruta l'origine dello status delle donne contemporanee, prodotto da Luc Besson e presentato in concorso al Festival di Cannes 2014, The Homesman è stato girato nell'arco di 42 giorni in due diversi ranch situati a nord e ad est di Las Vegas, nel New Mexico, in una zona che fa parte della regione delle Grandi Pianure, a cui apparteneva il territorio del Nebraska negli anni in cui si svolge la storia. In una situazione climatica quasi impossibile da sostenere (forti venti, raffiche di polvere e temperature alte hanno accompagnato il set), la scenografa Merideth Boswell ha provveduto a costruire luoghi e residenze da fine XIX secolo mentre al direttore della fotografia Rodrigo Prieto e al compositore Marco Beltrami è toccato il compito di ricreare atmosfere del tempo che fu e di un genere che raramente si produce oggi.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Oltre che regista di The Homesman, Tommy Lee Jones ne è protagonista rivestendo i panni di George Briggs. Piccolo truffatore senza paura che ha disertato l'esercito e che non ha esitato ad appropriarsi di terreni che non gli appartengono, George è un uomo indipendente e senza grandi principi che accetta di dare una mano a Mary Bee Cuddy, una donna determinata ad attraversare con il suo carro con a bordo tre donne matte. Egli accetta di darle una mano solo per liberars da una situazione inestricabile, della quale era responsabile e nella quale ha rischiato sul serio di rimetterci le penne. Mentre inizialmente non vi è comprensione, con il trascorrere del tempo insieme George e Mary intuiscono di dover formare una squadra e di dover contare l'uno sul sostegno dell'altra, imparando a conoscorsi e a capirsi. Ad interpretare Mary Bee Cuddy è l'attrice Hilary Swank, due volte premio Oscar alla migliore attrice per Boys Don't Cry e Million Dollar Baby.
Il cast principale di The Homesman può contare tra gli altri sui nomi di Sonja Richter, Miranda Otto e Grace Gummer (figlia di Meryl Streep) nel ruolo delle tre donne scortate, di Meryl Streep (è Altha Carter, la moglie del ministro che raccoglie le tre donne per aiutarle a portarle a casa), di James Spader (è l'imbroglione Aloysius Duffy), di Hailee Steinfeld (è la povera adolescente Tabitha Hutchinson) e di John Lighgow (è il reverendo Dowd).

Note

Adattamento dell'omonimo romanzo di Glendon Swarthout.

Commenti (15) vedi tutti

  • Un western fuori dagli schemi e dalle molte sfaccettature. Riesce a essere incredibilmente crudo e drammatico e poco dopo divertente ed emozionante. Gran bel film interpretato benissimo da tutto il cast. Hilary Swank la si vorrebbe davvero vedere più spesso.

    commento di Utente rimosso (delaroche)
  • "Le tre sepolture", pure diretto da Jones, fu un gran film; ebbene, questo è sullo stesso elevato livello. Gli perdono quindi la bruttura di "Un matrimonio che vorrei" dov'era solo attore (con la Streep, qui per pochi minuti). La coprotagonista invece è la pugile Oscar con Eastwood che non avevo più rivisto e si conferma ottima (magnifico ruolo).

    commento di cherubino
  • Bellissimi i costumi e gli scenari naturali. Storia atipica e originale per un western dal volto umano, che cracconta le difficoltà vissute dai protagonisti durante un lungo viaggio con un carro, che trasporta tre donne pazze. Avvincente, divertente, rivelatore e commovente. Belli i dialoghi. Ottima la recitazione e la Regia. Da vedere 7,5

    commento di SuperFiore
  • Bello,ho provato tenerezza per la protagonista.Un film che ha un messaggio,si legge a diversi livelli,se ne avete la capacità.Non possediamo niente per davvero,siamo meteore a questo mondo, "all yuo need is love", persone fragili esistevano anche nel west,non erano tutti otto odiosi sanguinari. Voto 8.

    commento di VY_CMa
  • Film originale ed interessante, anche triste .

    commento di blualberto1966
  • Simpatico... e vedibile. voto 7-

    commento di Brady
  • Il cinema ha delle magie, e c'è poter (ri)creare l'inverosimile, l'estremo, l'ignoto dell'animo umano. Tra ciò che ho potuto vedere nella mia vita c'è stata anche la visita a un manicomio, nonché conoscere storie di disperazione, fino ai suicidi. Il film, ed è un film, non la realtà, le colloca in un immaginario apprezzabile,anche se talora ingenuo

    commento di Piero
  • Infelice tentativo di fare qualcosa di nuovo nel genere Western. Sceneggiatura improbabile, la protagonista scompare anzitempo, ... brutto film.

    commento di paosca
  • film sgradevole e dall'evolversi sconclusionato e inverosimile. la regia non sarebbe stata male, ma gli stessi interpreti, compresa Holary Swank al suo minimo storico e una particolarmente odiosa Meril Streep,non mi hanno convinto.

    commento di gherrit
  • Filmaccio "Western" da evitare anche per qualche scena fortemente d'attualità ! voto.0.

    commento di chribio1
  • Si salva solo l'interpretazione degli attori; per il resto film strampalato dalla trama inverosimile.

    commento di Travis21
  • ecco uno di quei tipici western del 3° millennio, dai personaggi sempre perdenti e dalla trama molto inverosimile, anche se rappresentata apparentemente in modo piuttosto realistico...quando però è Tommy Lee Jones che dirige (e Marco Beltrami che musica), la visione è comunque consigliata.

    commento di giovenosta
  • Tommy Lee Jones, che Dio che lo conservi! Peccato che si è scoperto regista un po' tardi.

    commento di movieman
  • Gran bel western, intimo e per nulla convenzionale, realizzato da un grande attore che sembra avere tutte le carte in regola per diventare altrettanto grande come regista.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Film western e drammatico fortemente consigliato!

    leggi la recensione completa di boychick
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

CANNES 2014 - CONCORSO Presentato nella sezione principale, e subito distribuito nelle sale francesi, la terza regia del noto attore premio Oscar Lee Jones è un ritorno al western dopo la riuscita del suo ottimo Le tre sepolture. Western crepuscolare e on the road, viaggio dannato di due anime solitarie che cercano di salvarsi a vicenda intraprendendo un viaggio “maledetto”… leggi tutto

14 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

nickoftime di nickoftime
6 stelle

Se il Western è un genere passato allo storia allora esiste un'unica soluzione per continuare ad occuparsene, e cioè realizzarlo come se fosse un'altra cosa. Una strada che certamente ha percorso Tommy Lee Jones, giunto alla sua seconda regia con un film, "The Homesman", che alla pari del precendente ha avuto l'onore di partecipare, in concorso, all'ultima edizione del festival… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Tiaz gasolio di Tiaz gasolio
4 stelle

The Homesman - La Recessione. Tommy Lee Jones è un attore che abbiamo visto in un milione di film nei panni di un sacco di personaggi, un attore che possiamo definire di alto livello, anche se nessuno sa se abbia mai avuto meno di quarant'anni; sfido chiunque a ricordarsi il volto di Tommy Lee Jones senza le fidate rughe, il suo volto da ciabatta essiccata è diventato negli anni… leggi tutto

1 recensioni negative

2022
2022
Trasmesso il 29 giugno 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 27 giugno 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 24 giugno 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 23 giugno 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 21 giugno 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 20 giugno 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 1 marzo 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 27 febbraio 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 23 febbraio 2022 su Rai Movie
Trasmesso il 6 febbraio 2022 su Rai Movie

Recensione

barabbovich di barabbovich
6 stelle

Nel Nebraska di fine Ottocento, Mary Bee Cuddy (Swank) è la tenutaria di un ranch con il pallino di un matrimonio a tutti i costi. Il suo carattere eterodosso, duro e volitivo, provoca l'effetto opposto. Fervida credente, la donna si mette così in viaggio verso l'Iowa per accompagnare tre ragazze pazze e consegnarle a una congregazione religiosa. Sul suo cammino incontrerà…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 3 febbraio 2022 su Rai Movie

Recensione

giurista81 di giurista81
6 stelle

Curioso e particolare western che sfrutta l'abusata struttura del point to point, ripresa anche da altri western del periodo (tipo Hostiles), inserendovi però un contenuto atipico che richiama vecchi western europei come I Sette del Texas (1964) di Joaquìn R. Marchent. The Homesman non può certo dirsi un western commerciale. Lento, giocato…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 31 gennaio 2022 su Rai Movie
2021
2021
Trasmesso il 1 agosto 2021 su Rai Movie
Trasmesso il 30 luglio 2021 su Rai Movie
Trasmesso il 26 luglio 2021 su Rai Movie

Recensione

jonas di jonas
6 stelle

Mary Bee Cuddy, pioniera in Nebraska, si incarica di scortare presso una missione nell’Iowa tre donne che hanno dato gravi segni di squilibrio mentale: a tale scopo si aggrega un vagabondo che ha salvato dalla forca in cambio del suo aiuto, ottenuto peraltro anche grazie alla promessa di 300 dollari. Western on the road che rivisita tutti gli stereotipi del genere, ma in tono minore (es.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
2020
2020
Trasmesso il 20 dicembre 2020 su Rai Movie
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito