L'intrepido

play

Regia di Gianni Amelio

Con Antonio Albanese, Livia Rossi, Gabriele Rendina, Alfonso Santagata, Sandra Ceccarelli Vedi cast completo

Guardalo su
  • Infinity
  • Infinity
  • Tim Vision
  • Amazon Prime Video
In STREAMING

Trama

Antonio Pane (Antonio Albanese), quarantenne separato con un figlio ventenne musicista, in attesa di trovare un lavoro vero si ingegna facendo il "rimpiazzo": in pratica, per pochi spiccioli, sostituisce chi ha bisogno di assentarsi per qualche ora dal proprio posto di lavoro e non vuole essere scoperto.  Pronto a qualsiasi occupazione e a cogliere sempre il lato positivo di ogni esperienza lavorativa, Antonio dovrà però misurarsi con un nuovo dolore prima di poter ritrovare il sorriso.

Approfondimento

L'INTREPIDO: LA PROFESSIONE DEL "RIMPIAZZO"

Scritto, sceneggiato (in collaborazione con Davide Lantieri) e diretto da Gianni Amelio, L'intrepido è una commedia drammatica che offre numerosi spunti di riflessione sull'Italia dei primi anni del Duemila, partendo da una nuova professione, quella del "rimpiazzo". A spiegarne meglio contenuto e genesi dell'opera sono le parole che lo stesso regista ha scelto per accompagnare il film in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2013: «Il produttore [Carlo Degli Esposti] dice che questo film è come una nuvola: mentre lo guardi cambia forma. Forse ha ragione. All’inizio delle riprese l’ho definito una commedia, ma in tanti saranno pronti a smentirmi, anche se si ride parecchio. Perché c’è pure chi si commuove e versa qualche lacrima. L’ho scritto di getto, sul corpo e l’anima di un attore che amo molto [Antonio Albanese] e col quale da tempo avevo voglia di lavorare: un soggetto “su misura” ma non troppo, che mi facesse competere col suo talento scoprendone qualche lato nuovo, scommettendo su delle sorprese. E accanto a lui ho voluto due giovani ancora sconosciuti [Gabriele Rendina e Livia Rossi], un ragazzo e una ragazza di vent’anni, che regalassero un po’ della loro innocenza agli altri protagonisti. L’intrepido è ambientato oggi, in Italia. Ma non per respirare “l’aria del tempo”, piuttosto per trattenere il fiato. Da qui la sua anomalia rispetto ai film che ho fatto finora e la sua fedeltà a certe cose che mi stanno a cuore da sempre. In questo senso si può leggere il titolo, che riporta ai fumetti che divoravo da ragazzino. In quel giornaletto c’erano figure illustrate ma io le credevo reali; si narravano storie fantasiose ma io pensavo che la vita fosse quella. E soprattutto aspettavo di settimana in settimana il seguito dell’avventura, per la necessità di un lieto fine. Proprio come adesso».

UN FILM SU MISURA PER ANTONIO ALBANESE

Fotografato da Luca Bigazzi, L'intrepido è un film costruito tutto intorno ad Antonio Albanese, l'attore protagonista della storia nei panni di Antonio Pane, il rimpiazzo di mestiere. A precisare la scelta di Albanese di recitare sotto la direzione di Gianni Amelio è lo stesso attore: «Mi piace il cinema di Gianni Amelio. Mi piace il rigore, l'umanità e l'apparente semplicità del suo lavoro. Da quando mi ricordi, ho sempre desiderato prender parte a un suo film. Perché i film di Amelio, in qualche modo, sono sempre nuovi e sorprendenti. Non sono mai lasciati al caso: c'è un'attenzione ai dettagli e ai particolari, che non è mai presuntuosa ma che è fondamentale per il suo modo di intendere il cinema. Inoltre, L'intrepido ha la storia che più mi interessa rappresentare: l'oggi. Se dovessi trovare un tratto che collega il mio lavoro a quello di Amelio, sarebbe senza dubbio lo sforzo costante e scrupoloso che entrambi facciamo per raccontare il tempo che viviamo, oltre che il profondo rispetto per la nostra professione.
Mi sono avvicinato a Gianni Amelio con fiducia e stima. E sono stato ripagato. In L'intrepido il mio personaggio segue un filo fragile, all'apparenza senza variazioni ma in realtà estremamente ricco di sfumature. E lo studio del personaggio, che ho avuto il privilegio di condurre con Amelio, è stata un'esperienza che custodirò per molto tempo e da cui ho imparato tanto.
Mi piace, poi, il profondo sentimento di speranza che attraversa il film, il rispetto per gli esseri umani e la difesa appassionata della loro dignità. In più, sono particolarmente orgoglioso del fatto che Amelio abbia scritto una storia su misura per me e per il mio lavoro, osservandone, assorbendone e adottandone l'inclinazione verso l'arte popolare. Essere a Venezia con questo film è una di quelle gioie incredibili che la professione di attore continua a regalarmi».

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Amelio, con il suo realismo sghembo che inventa un angelo in tempo di crisi, chiama Antonio Albanese a girare con Chaplin negli occhi, omaggiando, aggiornando e degradando vagabondi e tempi moderni nell’oggi: ne esce un film libero, composto da quadri di melodramma sociale e gag malinconiche che non fanno sorridere, didascalico perché candido, elementare, buonista perché in cerca di un altro "Miracolo a Milano".

Commenti (6) vedi tutti

  • Bellissimo

    commento di MagicTragic
  • Film che non voglio tanto stare a capire (anche se pare sufficientemente interessante ...) il fatto e' che l'Attore principale mi lascia spesso di sasso in negativo quando lo vedo in visione e quindi anche una Pellicola con la Sua presenza,mi lascia di solito come che me ne fregassi di quello che sto vedendo.voto.2.

    commento di chribio1
  • Finale in calando, in cui non c'è un vero colpo di coda, con il ritmo compassato e i tanti silenzi che finiscono un po' per assuefarti. Ma in generale un bel film (con un finale con più idee sarebbe stato un grande film). Con un Antonio Albanese semplicemente fantastico. Come sei diventato bravo Antonio.

    commento di silviodifede
  • Agrodolce e irrisolto ritratto del "generico di categoria", occasionale supplente a chiamata nei lavori degli altri.

    commento di Leo Maltin
  • Questo film senza Albanese non si poteva fare, è evidente. Sia perché Amelio ha scritto il soggetto cucito addosso al bravo comico, sia perché i due inevitabilmente si sarebbero prima o poi incontrati. Albanese è bravissimo, questa è la sua maschera preferita, buono e semplice, onesto e coerente.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Nonostante le buone intenzioni, “L'intrepido” resta uno dei titoli meno riusciti della carriera di uno dei più importanti cineasti italiani contemporanei. Straordinaria comunque l'interpretazione di Antonio Albanese.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

M Valdemar di M Valdemar
6 stelle

L'intorpidito. Un torpore autunnale, involontario, sembra a tratti animare - o forse inseguire - Antonio Pane, buono per indole e disposto a tutto per necessità (di sopravvivenza). Nonostante gli sforzi, l’instancabile affaccendarsi, la disinvolta attitudine a saper svolgere ed apprezzare tutti i lavori - lui che di professione fa il “rimpiazzo” -, e l’animo gentile: il suo essere… leggi tutto

11 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

GIANNISV66 di GIANNISV66
7 stelle

La paura della vita può avere l'aspetto di un musicista annichilito dal panico che gli impedisce di affrontare il pubblico, salvo poi alzarsi, prendere lo strumento e dimostrare tutta la propria bravura. Un coraggio trovato grazie anche, e soprattutto, a un uomo che di coraggio e forza ne ha da vendere. Gianni Amelio affronta non un tema, ma una serie di temi che si sovrappongono,… leggi tutto

10 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

nickoftime di nickoftime
4 stelle

Il cambiamento è caratterizzato da sentimenti contrastanti. All'incertezza del nuovo si accompagna quasi sempre il senso di liberazione da una condizione che ha smesso di rappresentarci. Questa dimensione credo che appartenga da qualche tempo a Gianni Amelio tornato al cinema con due film piuttosto complicati: "Il primo uomo", cineracconto ricavato dall'omonimo romanzo di Albert Camus,… leggi tutto

6 recensioni negative

2021
2021
2020
2020
Trasmesso il 5 settembre 2020 su Rai Movie
2019
2019
Trasmesso il 1 ottobre 2019 su Rai Movie
2018
2018
Trasmesso il 4 dicembre 2018 su Rai Movie
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 6 novembre 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 9 settembre 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 25 marzo 2018 su Rai Movie
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

clauderouges di clauderouges
4 stelle

Film pretenzioso e inconcludente. Sicuramente Albanese è bravo ma la sceneggiatura è un mix di frasi ad effetto, lunghi silenzi inspiegabili e non si capisce dove si voglia andare a parare. Di cosa parla veramente Amelio in questo film? Di tutto e di niente. Cosa vuole comunicare? Non si capisce. In sintesi il classico film d’autore all’italiana, perché da noi o…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017

Recensione

axe di axe
5 stelle

Antonio Albanese interpreta un personaggio che vive facendo il "rimpiazzo", di chi, per propri motivi, non può presentarsi a lavoro, sostituendolo nella propria mansione - generalmente, un'attività semplice - per un'ora o un giorno. Sullo sfondo, una grande città del Nord Italia, in una stagione fredda; la crisi economica; un contesto familiare difficile; personaggi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2015
2015

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
6 stelle

Gianni Amelio è uno dei miei registi preferiti, e non mi riferisco soltanto al cinema italiano contemporaneo. Il modo unico, delicato, mai urlato con cui ha messo in scena drammi di straziante intensità lo rendono per me un Maestro con la M maiuscola. Con “L'intrepido” sembra aver voluto virare verso quei toni da commedia drammatica (o dramma comico) alla Chaplin verso…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2014
2014

Recensione

ezio di ezio
6 stelle

Disoccupato cronico,Antonio (Albanese sempre bravo) fa il "rimpiazzo" mandato dal laido titolare di una palestra a sostituire chi non puo' presentarsi al lavoro.Ambientata in una insolita e post-moderna Milano,ben fotografata da Bigazzi il film insegue la crisi di lavoro dei nostri giorni usando un tono da commedia mista ad amarezze private(il protagonista e' diviso dalla moglie e ha un cattivo…

leggi tutto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Locandine: i "faccioni"

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista

"I faccioni calamitano la gente". Film la cui locandina è tutta centrata sul volto di uno o più attori, con risultati non proprio originali né particolarmente attraenti.   - playlist legata…

leggi tutto
Playlist
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito