Espandi menu
cerca
Il superstite

Regia di Paul Wright vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 72
  • Post 7
  • Recensioni 2957
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il superstite

di barabbovich
3 stelle

Paul Wright esordisce dietro la macchina da presa con un film pretenzioso, velleitario, che mentre riesce a raccontare dignitosamente il clima di rigetto nei confronti di un povero reietto, si perde tra continui flashback in uno sgranatissimo super8, scantonamenti fantastici che rasentano il ridicolo e dialoghi scritti col piede sinistro.

Sei uomini in mare. Una tragedia. Un solo sopravvissuto (MacKay), che in quell’occasione ha perso il fratello maggiore. Il superstite è un ragazzo che vive con la madre (Dickie) in una piccola comunità di pescatori scozzesi, dove viene guardato con risentimento, rabbia e sospetto, calunniato, bullizzato, deriso e persino picchiato. Ha una sola amica in tutto il paese che non lo tratti come un lebbroso. Lui, emarginato e divorato dai sensi di colpa, si convince che il fratello potrebbe ancora essere vivo e scivola in un delirio psicotico che lo porta a gesti estremi.

Paul Wright esordisce dietro la macchina da presa con un film pretenzioso, velleitario (troppa macchina a spalla per sottolineare il piglio autoriale), che mentre riesce a raccontare dignitosamente il clima di rigetto nei confronti di un povero reietto, si perde tra continui flashback in uno sgranatissimo super8, scantonamenti fantastici che rasentano il ridicolo (per poi superarlo nel finale) e dialoghi scritti col piede sinistro.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati