Espandi menu
cerca
La ricotta

Regia di Pier Paolo Pasolini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 91
  • Post 64
  • Recensioni 4474
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La ricotta

di sasso67
10 stelle

Il miglior Pasolini, quello che va dal suo esordio con "Accattone" (1961) a "Uccellacci e uccellini" (1965). A Pasolini basta poco più di mezz'ora ("La ricotta" è un episodio del film a otto mani "Ro.Go.Pa.G.") per mettere in scena, con umana compassione e senso del grottesco, la parabola di un "povero cristo" dei nostri tempi nell'ambito di una manieristica rivistazione della Passione di Nostro Signore. Stracci è, secondo la definizione del critico Serafino Murri, "un martire senza santità", legato in parte alla tradizione paleocristiana e in parte alla lezione gramsciana, tanto apprezzata dal regista friulano. Il registro grottesco, con accelerazioni che ricordano le comiche chapliniane, rende il risultato altissimo, sublimato dalla tragica fine di Stracci sulla croce, da dove avrebbe perfino dovuto pronunciare la battuta del ladrone buono del Vangelo "Quando sarai nel regno dei cieli, ricordati di me". Una delle migliori riuscite di Pasolini e del cinema italiano degli anni sessanta e di sempre.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati