Espandi menu
cerca
Per Ulisse

Regia di Giovanni Cioni vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Per Ulisse

di FilmTv Rivista
8 stelle

Un progetto covato a lungo, Per Ulisse. Un progetto al quale Giovanni Cioni ha dedicato moltissimo tempo ed energie, mettendolo a più riprese in discussione sia come gesto filmico sia come operazione politica. Invitato a Firenze in un centro di socializzazione per tossicodipendenti, persone senza domicilio o rilasciati dal carcere, il regista si è offerto di realizzare un film con gli ospiti del posto. Non un film su di “loro” ma con “loro”. Per “loro”, seguendo la traccia della peregrinazione di Ulisse. Cioni muove dal solco omerico, considerato come la scena primaria dell’uomo moderno. L’aspirazione di essere padrone del proprio destino. Preda di un infinito e instancabile andare e tornare. Ulisse, il primo a sperimentare la vertigine della possibilità di avere mille nomi e il nome che li nega tutti. Nessuno. Consapevole di potere scomparire senza lasciare traccia. Così il film di Cioni si muove seguendo una lontana eco musicale. Dalla lirica omerica all’epica; sfiorando il romanzo, epopea borghese, che a Cioni serve per appurare il fallimento di un modello, abbracciando infine nuovamente la lirica, il canto, come segno resistenziale. Giovanni Cioni, uno dei maestri del cinema del reale contemporaneo, salda nel suo gesto la commozione pasoliniana, l’atonalità di Alberto Grifi e il rigore stoico di Franco Maresco. Per Ulisse è un lavoro altissimo, esemplare nella sua umanissima radicalità.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 8 del 2014

Autore: Giona A. Nazzaro

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati