Espandi menu
cerca
Amer

Regia di Hélène Cattet, Bruno Forzani vedi scheda film

Recensioni

L'autore

undying

undying

Iscritto dal 10 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 97
  • Post 35
  • Recensioni 2665
  • Playlist 53
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Amer

di undying
9 stelle

Primo e originale film di una trilogia - concepita come personale omaggio al cinema giallo e thriller italiano degli Anni '70 - realizzata della coppia belga Cattet & Forzani. Seguiranno l'altrettanto bello Lacrime di sangue (2013) e il meno riuscito Laissez bronzer les cadavres (2017).

 

amer

 

Tre momenti che descrivono, solo parzialmente, la vita della protagonista.

 

Infanzia

La morte del nonno è un evento incomprensibile per la piccola Ana (Cassandra Forêt), che resta impressionata da un vecchio orologio da taschino posto tra le mani del cadavere. Nel tentativo di appropriarsi dell'oggetto, Ana deve vedersela con una badante che ha strane attitudini, tanto da apparirgli come una strega.

 

Adolescenza 

In una calda giornata estiva, Ana (Charlotte Eugène Guibeaud) e la madre (Biancamaria D'Amato) si recano al centro del paese. Mentre la donna si introduce in un negozio per sistemare l'acconciatura dei capelli, Ana si mette a giocare malvolentieri con un coetaneo, attirando però l'attenzione di un gruppo di motociclisti.

 

Maturità 

Dopo tanti anni, Ana (Marie Bos) torna nella villa di famiglia, ormai abbandonata. Si fa accompagnare da un taxista, per il quale prova uno strano turbamento sensuale.

 

Charlotte Eugène Guibeaud

Amer (2009): Charlotte Eugène Guibeaud

 

La coppia belga, composta da Cattet e Forzani, dopo alcuni cortometraggi decide di debuttare in regia con un film fortemente ispirato ai gialli italiani, dai quali preleva anche alcune colonne sonore. Per l'occasione i due scrivono una sceneggiatura priva di continuità, che ha sola funzione di dividere in tre tempi il film, con la messa in scena di altrettanti episodi. 

Amer (amaro e amore al tempo stesso) omaggia l'Argento di Suspiria (1977) e il Bava de La goccia d'acqua (episodio presente ne I tre volti della paura, 1963) nella prima parte, mentre più in generale appare un efficace esempio di cinema sperimentale che sembra arrivare direttamente dagli anni '70, offrendoci, a ricordo di quei tempi, cinque esaltanti brani musicali (tre di Stelvio Cipriani!) indimenticabili. La trama non ha senso e non è da seguire, ma la visione di Amer entra sottopelle grazie ad una tecnica personalissima che interessa ogni elemento del film: riprese con dettagli di primi piani su particolari del corpo (occhi e labbra in prevalenza), effettuate con una fotografia che sembra essere in forte debito con i colori del "giallo italiano" (verde, rosso e blu); uso sperimentale della traccia sonora, con dialoghi pressoché assenti ed effetti acustici avvolgenti; montaggio frenetico con dissolvenze a schiaffo o sfumature surreali e visionarie. Il risultato finale è quello di un titolo affascinante, opera di due autori nostalgici che ricordano e volutamente omaggiano un tipo di cinema ormai estinto, apprezzato in tutto il mondo, ma che - nel fare questo - ricorrono ad originali trovate riuscendo a rielaborare la materia, senza fare una semplice copia dei modelli ispiratori. Cattet e Forzani confermano poi che il felice risultato di Amer non è frutto del caso, arrivando a bissare il risultato con l'altrettanto riuscito Lacrime di sangue (2017).

 

Bianca Maria D'Amato

Amer (2009): Bianca Maria D'Amato

 

Italia in vetrina 

 

Amer è un film che omaggia l'Italia sotto vari aspetti, a comiciare dalle referenze cinematografiche (Bava e Argento su tutti), per proseguire con alcuni dialoghi in italiano (proposti nella versione in lingua originale) e con questa curiosa vetrina, dove campeggiano i versi dell'Inferno di Dante:

 

"Per me si va nella città dolente,
per me si va nell'eterno dolore,
per me si va tra la perduta gente.
Giustizia mosse il mio alto fattore:
fecemi la divina potestate,
la somma sapienza, e 'l primo amore.
Dinanzi a me non fur cose create,
se non eterne, ed io eterno duro:
Lasciate ogni speranza, voi ch'entrate!"

 

Marie Bos

Amer (2009): Marie Bos

 

Colonna sonora

 

Titoli e cronologia dei brani musicali, utilizzati come colonna sonora di Amer.


1- La coda dello scorpione (Bruno Nicolai)
2 - La tarantola dal ventre nero (Ennio Morricone)
3 - La polizia sta a guardare (Stelvio Cipriani)
4 - La polizia ha le mani legate (Stelvio Cipriani)
5 - La polizia chiede aiuto (Stelvio Cipriani)

 

scena

Amer (2009): scena

 

"Le idee migliori non vengono dalla ragione, ma da una lucida, visionaria follia." (Erasmo da Rotterdam)

 

Trailer

 

Manifesto alternativo 

ob-95a4a4-amer-2009-poster

 

F.P. 10/04/2020 - Versione visionata in lingua italiana (durata: 90'23") / Aggiornamento della recensione pubblicata in precedenza su Il davinotti 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati