Espandi menu
cerca

Lei

play

Regia di Spike Jonze

Con Joaquin Phoenix, Scarlett Johansson, Rooney Mara, Olivia Wilde, Amy Adams, Chris Pratt, Matt Letscher, Sam Jaeger, Portia Doubleday Vedi cast completo

Guardalo su
  • Netflix
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

In un futuro non molto lontano, il solitario scrittore Theodore (Joaquin Phoenix) acquista un nuovo sistema operativo in grado di soddisfare tutte le esigenze degli utenti. Con grande sorpresa, Theodore si ritrova coinvolto in una inaspettata relazione sentimentale con la voce del sistema operativo.

Approfondimento

LEI: UNA STORIA D'AMORE DEL MONDO MODERNO

Scritto e diretto da Spike Jonze, Lei è una storia d'amore originale che esplora la natura in divenire e i rischi dell'intimità del mondo moderno. Ambientato a Los Angeles in un futuro non molto lontano, Lei racconta le vicissitudini di Theodore, un uomo che si guadagna da vivere scrivendo lettere personali e toccanti per conto di terzi. In seguito alla fine di una lunga relazione, Theodore comincia ad essere attratto da un nuovo sistema operativo di ultima generazione, che risponde al nome di "Samantha" e che comunica con una voce femminile perspicace, sensibile e spiritosa. A poco a poco, l'amicizia tra i due - basata su esigenze e bisogni comuni - si trasforma in un vero e proprio amore corrisposto.Secondo il regista, Lei è un film che guarda in maniera non convenzionale all'amore, come ha avuto modo di ribadire in occasione della presentazione del film in concorso al Festival di Roma 2013: «Uno degli aspetti più impegnativi in una relazione è la capacità di essere autenticamente sinceri, di mettersi a nudo e di permettere alla persona amata di essere se stessa. La vita è fatta di costanti cambiamenti e momenti di crescita, quindi la domanda da porsi è: come si fa a concedere all'altro la libertà di essere come è, di momento in momento, di giorno in giorno, di anno in anno? Chi diventerà il nostro partner e saremo ancora capaci di amarlo? E, soprattutto, il nostro partner saprà continuare ad amarci?».
Accanto a Jonze in Lei hanno lavorato alcuni dei collaboratori più fidati del regista, come lo scenografo K.K. Barrett, il montatore Eric Zumbrunnen e il costumista Casey Storm. A loro si aggiungono poi il direttore della fotografia Hoyte Van Hoytema e il montatore Jeff Buchanan, mentre le musiche portano le firme degli Arcade Fire, con brani aggiuntivi di Owen Pallett.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Theodore, un uomo profondo e complesso interpretato da Joaquin Phoenix, si pone mille domande quando porta a casa il nuovo sistema operativo e fa conoscenza con Samantha. Pubblicizzato come un innovativo sistema in grado di ascoltare, evolversi, comprendere e conoscere l'utente che lo usa, Samantha (che nella versione originale del film ha la voce dell'attrice Scarlett Johansson mentre in quella italiana ha la voce della Ramazzotti) rappresenta tutto ciò che Theodore ha sempre desiderato: una persona in gradi di capirlo e mostrargli empatia. Dotata di una grande propensione all'indipendenza, di un malizioso umorismo e di una ricca gamma di emozioni, Samantha passa ben presto dal ruolo di assistente a quello di amica fidata e confidente e da questo a qualcosa di molto più grande e profondo.Nonostante poi possa accedere a tutte le informazioni che vuole, Samantha conserva una certa dose di innocenza e schiettezza e, man mano che Theodore la porta in giro con sé, aumenta la propria autoconsapevolezza.
Grazie poi allo sguardo particolare di Samantha, Theodore riesce a rompere la propria routine e a vedere cose e fantasmi familiari mai visti in precedenza, arrivando a considerare in maniera diversa anche se stesso.

Mentre cerca di capire cosa gli stia accadendo con Samantha, Theodore si ritrova anche a dover gestire le conseguenze del matrimonio andato in pezzi con Catherine, la neuroscienziata di successo interpretata da Rooney Mara.
Un'altra importante donna nella vita di Theodore è la migliore amica Amy, portata in scena da Amy Adams. Anche Amy si ritrova ad affrontare la fine del suo matrimonio e una delle cose che la accomuna a Theodore è il fatto che entrambi stiano cercando di far fronte a ciò che nelle loro vite non funziona.
Olivia Wilde dà vita alla bellissima donna che Theodore incontra grazie a un appuntamento al buio. Intelligente e realizzata, la donna in realtà nasconde mille timori sull'età che inesorabilmente avanza, sui suoi fallimenti e sul futuro che l'attende. Completano infine il cast principale di Lei gli attori Chris Pratt (è Paul, il compagno di ufficio di Theodore) e Matt Lescher (è Charles, il supponente marito di Amy).

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Un mélo sci-fi, un amore umano/postumano. Sul manifesto la parola "Lei" campeggia sotto il volto di Phoenix: è lui che conta, perché questa è - nuovamente - un’opera tragica sul solipsismo. Nel buio della camera di un eterno adolescente. Tra linee minimal di design, superfici levigate e camicie monocromo, c’è un mondo semplificato, alienato e privilegiato, ridotto al cruccio sentimentale. Al principio di piacere, squarciato infine dalla realtà. Da un orizzonte. Se "Lei" coglie lo "zeitgeist" lo fa come una pop song. Canta i dolori di un uomo chiuso in sé, mentre il mondo è ridotto a struggente riflesso.

Commenti (27) vedi tutti

  • Voto 8

    commento di Zarcofilm
  • Scarlett Johansson non appare nel corso del film, se non come voce, che ovviamente è del tutto diversa da quella di Micaela Ramazzotti, la doppiatrice, che ne fa un personaggio molto diverso. Da vedere perciò rigorosamente in lingua originale.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Un film di forte impatto filosofico, decisamente più interessante sull'aspetto umano che su quello teoricamente "tecnologico".

    leggi la recensione completa di silviodifede
  • Il talento di Jonze si mette al servizio di una storia che abbina melò e fantascienza. Theodore si innamora di una voce che non ha un corpo. In tempo di dismissione dei sentimenti potrebbe anche bastargli, se non fosse che l'amore esige forme d'intimità che la tecnica non può surrogare. In "I love you", Ferreri fece meglio con molto meno.

    commento di Peppe Comune
  • La rosa virtuale ha lo stesso odore, ma anche le stesse spine, di quella reale. Film intelligente, però pesantuccio, sostenuto da una notevole interpretazione di Phoenix e da un cast femminile di grande fascino.

    leggi la recensione completa di genoano
  • Armonioso ed affascinante, il mondo futurista rappresentato da Spike Jonze funge anche da monito per la tecnologia che verrà.

    leggi la recensione completa di Giorpost
  • In bilico tra superficialità interiorizzata e profondità galleggiante...come uno intelligente che finge di esser stupido (con altezzosita') e ci riesce male o uno stupido che si atteggia ad intelligente (con alticciosita') e pensa di esserci riuscito bene. In fine la fotografia e l'estetica la fanno da padrone, per un argomento che padroni nn ha.

    commento di Saleinzucca
  • Se ci si può innamorare di una bambola siliconica sexy, perché no di un sistema operativo molto sofisticato. Da valutare se la cosa è più o meno triste! Phoenix da oscar! Notevole il doppiaggio della Scarlett da parte della Ramazzotti!

    commento di vjarkiv
  • Bel film, con belle immagine e una morale veramente valida. Grande Joaquin Phoenix

    commento di slim spaccabecco
  • Inferiore alle aspettative.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • In un futuro distopico un uomo e un software si innamorano. Un eccellente Joaquin Phoenix tiene in piedi una pellicola dai ritmi non proprio sostenuti.

    leggi la recensione completa di alfatocoferolo
  • Film con lo sguardo al futuro, ma saldamente ancorato al presente. In fatto di intelligenza artificiale, si è andati un po' troppo oltre però.

    commento di movieman
  • Film ambizioso, in bilico tra fantascienza e dramma sentimentale

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • E' come una puntata di Black Mirror, solo che dura 2 ore. Decisamente troppo. Il protagonista si innamora del suo sistema operativo.

    commento di ENNAH
  • Sospendendo il senso del ridicolo, si può apprezzare un'opera estremamente complessa, che affianca temi psicologici e relazionali a riflessioni esistenziali e sociologiche niente affatto scontate. Purtroppo poco spazio per approfondire. Troppo facile gridare all'alienazione, sarebbe interessante un "Lui". Forse anche di più. Voto 7.

    commento di ezzo24
  • Dopo quasi un'ora continua quello che mi sembra essere un soporifero prologo; della mia bellissima Scarlett solo la voce e neanche un'ombra... Sarà bellissimo, ma basta...

    commento di ottobyte
  • C'è gente messa male

    commento di sticazzi
  • “Sei proprio brava!” “Sì, lo so.” Forse è questo che all’uomo fa paura delle intelligenze artificiali. Il fatto che essi sappiano (!) di essere (anche esseri?) perfetti. O quasi. Sicuramente ubbidienti, veloci, efficienti.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Us, Them.

    leggi la recensione completa di mck
  • Meravigiosa storia d'amore, tanto triste quanto ben ingegnata, e maestosa prova attoriale di Joaquin Phoenix. Danneggiano in parte il risultato finale l'eccessiva verbosità dell'opera e un doppiaggio italiano da ergastolo.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • L'alienazione virtuale che invade lo spazio della mente e del corpo, del sesso e delle emozioni, non riguarda un futuro fantascientifico, riguarda questo tempo ipertecnologico che ha già schiavizzato le nostre vite. La distopia è già qui: ciascuno innamorato del proprio profilo facebook e del proprio smartphone. Digressione pertinente... Voto: 8

    commento di ProfessorAbronsius
  • Molto deluso. Pensavo andasse più a fondo, ma onestamente non mi è sembrato granché. Studiato male, poco profondo.

    commento di sillaba
  • One of favorite movies from last year. Joaquin gives an amazing performance. This movie really captures the feelings of love and lonliness.

    commento di MaheeFerlini
  • Un gioiello di questo 2014. Da vedere assolutamente. Bravo Joaquin Phoenix (sembra un altra persona) e bravi il resto del cast. Sceneggiatura mozzafiato giustamente premiata con l'oscar.

    commento di silhouettes
  • Questa non è proprio una recensione.Ho visto il film ieri sera, al cinema, in prima visione. A metà proiezione la quantità di gente che dormiva in sala era ragguardevole.

    commento di bardolfo
  • Film meritevole ed interessante, rovinato da un doppiaggio italiano che definire scandaloso è un eufemismo…VOTO: 7

    commento di ire91
  • Dal trailer mi sembra che sia un gran film con un ottimo Joaquin Phoenix

    commento di vanessa
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

GIMON 82 di GIMON 82
8 stelle

Diario dell'alienazione contemporanea,"Her" è la messa in prova attuale (e futuribile) della complessita' dei rapporti interpersonali,dell'agorafobia sociale che pervade i solitari nelle grandi metropoli. Joaquin Phoenix è il volto,la cui prima immagine ci viene regalata nell'intensita' di uno sguardo triste,immalinconito dalla fine d'un matrimonio.Phoenix che abbandona la… leggi tutto

52 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

"Allora ho capito che la nostra vita è brevissima. E io che vivo ora voglio concedermi...gioia. Quindi vaffanculo" [a grandi linee Amy Adams a Joaquin Phoenix a metà film]. La geometria del sentimentalismo, nel percorso a doppio senso "emozione-riflessione". Come trasformare una distopia in un'utopia. Spike Jonze si è innamorato di un'idea, di un'immagine, di una storia. Farne un film, poi,… leggi tutto

16 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

lorenzodg di lorenzodg
4 stelle

“Lei” (Her, 2013) è il quarto lungometraggio dell’attore-regista del Maryland Spike Jonze.     La sfilza di voti mediamente alti (non tutti è vero) e il personaggio visto recentemente nell’ultimo Scorsese mi avevano dato una certa ‘sicurezza’ (non aspettativa) di andare a vedere un buon film e di qualità. Non so se è lecito contraddire il percorso ma a metà film (forse un… leggi tutto

6 recensioni negative

2021
2021

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

    Theodore, il protagonista del film (un bravissimo Joaquin Phoenix) abitava a Los Angeles e, dopo il suo fallimentare matrimonio, conduceva un’esistenza solitaria e triste. Per vivere egli scriveva – su commissione – lettere… virtuali, ovvero si sostituiva a chi non intendeva interrompere del tutto antichi legami d’amore o d’affetto e si…

leggi tutto

Love Affair 2.0

BobtheHeat di BobtheHeat

Degli ultimi 20 anni, quali sono i film con le storie d'amore che più ti hanno colpito?   Quali film ti vengono alla mente?   Sono tutti film d'amore, romantici?  Oppure sono anche molto…

leggi tutto
2020
2020

Recensione

silviodifede di silviodifede
8 stelle

Theodore è un uomo modesto, uno di quelli che confonderesti e non sapresti distinguere all'interno di un gruppo di persone, uno tra tanti, anonimo e incapace di spiccare. Il suo lavoro stesso lo porta a nascondersi dietro altre esistenze, visto che si guadagna da vivere scrivendo lettere per gli altri. L'esistenza di Theodore è in una fase complessa, l'essersi lasciato di recente…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

I migliori film del decennio

Fauves di Fauves

Salve utenti di Filmtv.  Ho deciso di stilare una lista di quelli che, a mio parere, sono i migliori film del decennio appena trascorso (2010-2019). Non si tratta assolutamente di una classifica, i film sono…

leggi tutto

Recensione

genoano di genoano
7 stelle

La forza della pellicola sta nella misura con cui viene sviluppato uno spunto di partenza che avrebbe rischiato il ridicolo se fosse finito in mani meno esperte di quelle di Spike Jonze, che già si era ben destreggiato coi copioni caratterizzati dal paradosso e dall'astrazione in "Essere John Malkovitch". "Lei" diviene così una intelligente esplorazione di quanto il mondo…

leggi tutto
2019
2019

Recensione

Eric Draven di Eric Draven
6 stelle

Ebbene, a distanza di due giorni dall’uscita nelle sale italiane di Joker, vincitore del Leone d’oro alla 76.a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, qual occasione migliore se non parlarvi di uno dei film più amati ma al contempo controversi con Joaquin Phoenix? Ovvero Her, scritto e diretto dal genialoide Spike Jonze, premiato…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 1 giugno 2019 su Rai 4
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 28 aprile 2019 su Rai 4
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 13 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito