Espandi menu
cerca
Quartieri alti

Regia di Mario Soldati vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 165
  • Post -
  • Recensioni 2734
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Quartieri alti

di jonas
6 stelle

Il giovane mantenuto di una ricca industriale si innamora di una studentessa universitaria e organizza una messinscena per farle credere di avere una vita normale: due finti genitori, una finta casa di famiglia, un finto lavoro. Un film impossibile da valutare senza tener conto della sua lavorazione travagliata: venne girato in parte nel 1943, prima della caduta del fascismo, e in parte nel 1944, dopo la liberazione di Roma. Il risultato è inevitabilmente sconnesso: un melodramma basato su un espediente da commedia come lo scambio di persone, che però a sua volta viene sfruttato poco; una gestione confusa degli spazi (una villa di Albano e un albergo di Roma, fra i quali c’è un continuo andirivieni) e dei tempi (quasi tutta la vicenda si svolge in un’unica sera dilatata all’inverosimile); un inizio vagamente pirandelliano, con la riflessione sul rapporto tra realtà e apparenza (il giovane raccomanda all’attore che ha assoldato di non impersonare suo padre, ma di esserlo), che però resta uno spunto isolato. Finale moralistico, tipico di certe commedie del Camerini d’anteguerra (Il signor Max, I grandi magazzini): un addio alla pericolosa illusione di una vita facile, alle prime luci di un giorno nuovo. Con il suo richiamo al senso di responsabilità imposto dalla situazione storica potrebbe sembrare il contributo di Soldati al nascente neorealismo; invece questo è proprio il tipo di cinema che il neorealismo spazzerà via.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati