Espandi menu
cerca
Nebraska

Regia di Alexander Payne vedi scheda film

Commenti brevi
  • Un film lento ed essenziale ma che riesce a emozionare profondamente, in quelle espressioni e movimenti incerti del vecchio signore c'è il resoconto deludente di una vita ma finalmente, quasi alla fine dei giorni, egli ritrova il dialogo con il figlio e qlc piccola soddisfazione, voto 8,5

    commento di giulmar
  • Non c’è quasi film di Payne che non abbia la struttura narrativa del road movie. Non fa eccezione questo Nebraska, la sua opera migliore, girato in uno splendido bianco e nero e capace di raccontare le assurdità della provincia americana, impoverita e incattivita da un sempre più pungente bisogno di denaro e consumo.

    leggi la recensione completa di barabbovich
  • Riflessione sulla vecchiaia, sulla famiglia e sul senso della vita, nell'America profonda del Middle West. Un film bellissimo e toccante, senza essere un mélo.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Eccellente! Il film seguendo le intime vicende tragicomiche di un anziano un po' sciroccato e di suo figlio che amorevolmente cerca di temperarne il disagio, ci restituisce il ritratto desolante quanto reale delle miserie morali prima che materiali, della periferia americana. Se amate generi "sopra le righe" statene alla larga. Non vi piacerebbe.

    commento di Greatmax54
  • Riconosco agli autori il coraggio di evitare le solite scorciatoie a stelle e strisce: qui non troverete violenze, aggressioni, sparatorie, torture... Il guaio è che non troverete proprio niente! Un'ora e mezza in cui non accade nulla, raccontato per di più con esasperante lentezza. Voto: 5

    leggi la recensione completa di andenko
  • Film grigio, lento, per me anche angosciante. Però non è una pesantezza fine a se stessa: è uno strumento geniale per esprimere il vuoto della vita di provincia, e il degrado spietato della vecchiaia. Stupendo.

    commento di putrella
  • voto 7/5 (oggettivo/soggettivo).

    commento di paolofefe
  • Il Viaggio è lungo (la Pellicola anche ...),il parlato è troppo e la Noia incombe.voto.1.

    commento di chribio1
  • Molto citazionismo su W. Allen: il nome del protagonista, film in bianco e nero alla "Manhattan", la battuta sui cattolici, il nome del film che è un luogo... ma qui il sogno americano è una lotteria semi-truffaldina sullo sfondo di una periferia americana vecchia, annoiata, e logorata dalla crisi, famelica di ricevere la "sua parte" di denaro. 7+

    commento di near87
  • 110' di poesia in B/N!!!

    commento di vjarkiv
  • Quadro di una certa periferia americana dove gli uomini parlano solo di macchine e si divertono a sfottersi tra loro, e anche, della commuovente vecchia che lascia spazio solo a sogni irrealizzabili. “Nebraska” è un film significativo, senza sbavature, che in alcune parti riesce a far davvero ridere. Voto 7/10.

    commento di alexio350
  • Ottimo film di Payne,interpretazione superlativa di Dern

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Ritratto di un'America di provincia desolata e annoiata, dove si vive tirando a campare.

    leggi la recensione completa di Baliverna
  • La famiglia è importante, soprattutto per condividere ciò di cui... disporrà.

    leggi la recensione completa di Brady
  • Una strana accoppiata, Dern-Forte, ma vincente.

    commento di movieman
  • Uno dei film più belli sulla vecchiaia. Minimale in maniera azzeccata, colonna sonora inclusa. Commovente.

    commento di green70
  • Alexander Payne torna per la quarta volta nella sua terra, il Nebraska. Una terra spettrale, vittima della crisi che spazza tutto, che vista in b/n fa ancora più impressione: merito della fotografia e il regista tiene a precisare che quei paesaggi, che di solito si attraversano velocemente, hanno molto in comune con lo stato d’animo dei personaggi.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Con questo film Payne ci regala un’umanissima ed intensa pellicola ironica e pungente fatta di memorie del passato, riunioni di famiglia, liti e riconciliazioni, che in più di un momento diventa memorabile grazie anche al fondametale il contributo fornito da un strepitoso Bruce Dern ben coadiuvato da un altrettanto bravo Willy Forte

    leggi la recensione completa di spopola
  • Il film è bello, con i suoi tempi. Poi nei giorni dopo ci ripensi spesso e ti accorgi che è più che bello.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Un film che tratta una tematica difficile da riprodurre su pellicola, ma in qualche modo, Payne, c'è riuscito.Il rapporto tra il padre anziano e un figlio quasi anonimo, dove pazienza e amore sconfiggono la frenesia moderna.

    commento di alCinemaConMichele