Espandi menu
cerca

Oldboy

play

Regia di Spike Lee

Con Josh Brolin, Elizabeth Olsen, Samuel L. Jackson, Sharlto Copley, Michael Imperioli, Pom Klementieff, James Ransone, Taryn Terrell... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Netflix
  • Microsoft Store
  • Chili
  • Google Play
In STREAMING

Trama

Joe Ducett (Josh Brolin) è un pubblicitario che viene rapito e tenuto segregato per venti lunghissimi anni senza alcun motivo. Quando, in maniera altrettanto inspiegabile, viene rilasciato, per lui comincia una lunga e ossessiva ricerca tesa a rintracciare coloro che hanno voluto riservargli tale crudele trattamento. La sua sete di vendetta lo condurrà in una nuova rete di cospirazioni e tormenti.

Approfondimento

OLDBOY: LA VENDETTA DI UN UOMO RINCHIUSO PER 20 ANNI

Diretto da Spike Lee e sceneggiato da Mark Protosevich, Oldboy è basato sull'Old Boy del regista coreano Chan-wook Park (soprannominato il "Quentin Tarantino d'oriente"), a sua volta ispirato da un manga in otto volumi di Garon Tsuchiya e Nobuaki Minegishi. Storia di una vendetta provocatoriamente brutale che abbraccia tematiche come l'isolamento, la repressione, la vendetta, il senso di colpa e la redenzione, Oldboy prende in via quando il dirigente pubblicitario Joe Doucett, una notte, viene rapito e rinchiuso in un hotel che gli farà da prigione per oltre vent'anni.Quelli che Doucett trascorrerà saranno due decenni di tormenti e incubi, durante i quali non avrà alcuna indicazione sull'identità o sul movente del rapitore. Inspiegabilmente rilasciato, Joe ritornerà al mondo esterno con una sola ossessione: scoprire chi è che ha orchestrato la sua punizione e per quale motivo. Seppur fisicamente libero ma ancora manipolato e coinvolto in un'intricata rete di cospirazioni, Joe sarà portato dalla sua pericolosa ricerca di risposte prima al cospetto di una giovane operatrice sociale e poi di uno sfuggente uomo, che presumibilmente possiede la chiave per la sua definitiva liberazione.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Più che un remake del film coreano, Oldboy rappresenta per il regista Spike Lee una nuova interpretazione personale della storia raccontata dal manga:  quella di Joe Doucett è dopotutto la vicenda di un uomo alcolizzato, tossicodipendente e non proprio buono, che comincia a vedere luce e redenzione e a trovare pace interiore solo dopo aver trascorso venti anni in una sorta di necessario limbo. Nei vent'anni di prigionia e isolamento forzato, Joe si chiede che cosa abbia fatto di male per meritarsi tale punizione ed è costretto a confrontarsi con se stesso e la sua mente mentre gli eventi del mondo esterno gli passano davanti attraverso uno schermo televisivo.Ricondotto a uno stato primordiale governato dall'istinto, Joe è interpretato da Josh Brolin, che per capire meglio la psiche del suo personaggio ha incontrato vari ex condannati a morte ingiustamente accusati.
Dopo che Joe è ritornato a piede libero, due persone diventano fondamentali per la sua ricerca: una giovane donna, che diventa la sua unica confidente, e un misterioso sconosciuto, che potrebbe nascondere alcuni indizi sulla sua reclusione. Si tratta, in particolare, di Marie Sebastien, la volontaria di una unità medica mobile interpretata da ElizabEth Olsen, e di Adrian, nemesi che Joe è abituato a sentire ma non a vedere, impersonato da Sharlto Copley.
Completano il cast principale di Oldboy l'attore Michael Imperioli nei panni di Chucky (proprietario di un bar e amico fedele di Joe) e l'attrice esordiente francese Pom Klementieff, a cui è affidata la parte di Haeng-Bok, la donna il cui insolito scatto dell'ombrello rende Joe consapevole del ritorno nel mondo reale (Haeng-Bok è anche l'ultima persona che Joe vede prima di essere rapito e la prima che incontra dopo essere stato rilasciato).

IN UNA CITTÀ SENZA NOME

Per la sua nuova versione di Oldboy, Spike Lee ha deciso di ambientare la storia in una città americana non meglio specificata, nonostante le riprese si siano svolte interamente in una irriconoscibile New Orleans. Ad aiutarlo nella realizzazione del film sono stati il direttore della fotografia Sean Bobbit (collaboratore di Steve McQueen in Hunger, Shame e 12 Years a Slave), l'editor Barry Alexander Brown, la scenografa Sharon Seymour e la costumista Ruth Carter. Di comune accordo con Bobbit, Lee ha deciso di usare pellicole di diverso formato per donare un aspetto distintivo ad ogni parte della storia di Joe Ducett, ricorrendo all'uso di videocamere in 35 mm, Super 16 e Super 8. La prigione in cui il protagonista è rinchiuso è stata ricreata presso l'ex base della Marina statunitense di Bywater, dove si è girata anche lo spettacolare piano sequenza che vede Joe, armato di martello, confrontarsi con un esercito di 35 scagnozzi pronti ad eliminarlo.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Spike Lee fa per certi versi del suo meglio, si distingue da Park Chan-wook soprattutto per le scelte stilistiche, girando con tre diversi tipi di pellicola e con un look molto meno patinato. La tragedia rimane potente, l’interpretazione di Josh Brolin è generosa, il combattimento inquadrato di lato è un pezzo di virtuosismo e la scena di sesso è ben sopra la media di quanto offerto da Hollywood, eppure qualcosa non funziona più. La questione cruciale è di registro: mentre Park trattava la trama come una storia sopra le righe e si concedeva passaggi dal gusto pop o comico-grotteschi, Lee invece si prende del tutto sul serio ma il suo "Oldboy" non risulta più cupo o verosimile, solo più tetro e stanco, privo dell’energia inventiva e dell’ironia postmoderna che caricavano l’originale.

Commenti (6) vedi tutti

  • Action senza infamia e senza lode

    leggi la recensione completa di impurhyme
  • Grande. Esagerato ed un pochino tarantiniano. Ma grande. Voto 7.

    commento di ezzo24
  • Thriller robusto e ben congegnato. Grandi interpretazioni degli attori. Qualche trovata non proprio originale, ma nel complesso Spike Lee sforna un film che ti tiene sveglio fino all'ultima scena. Consigliato.

    commento di albicla
  • Spike Tarantino? Voto 5

    commento di Nobre
  • Non ho visto originale quindi, libero da condizionamenti, considero interessante l'idea ma la sceneggiatura presenta vuoti ed accelerazioni che disorientano.Buona interpretazione.Preferisco Spike Lee in versione "Black Power"

    leggi la recensione completa di kirotta
  • Un remake che ha un suo perchè, sicuramente eccessivo in molti punti ma si riscatta nel finale (sebbene abbia visto ai tempi l'originale non ricordo se è identico).

    commento di Tex Murphy
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Quale diavolo di alchimia possa aver spinto un regista del calibro di Spike Lee a cimentarsi col prematuro remake americano del celebre osannato cult coreano Old Boy è un po' un mistero: forse gli stessi germi che infettarono poco tempo orsono un altro grande autore come Werner Herzon, spericolato ed imprudente nel "riproporci" una versione riveduta e (s)corretta de "Il cattivo tenente" col re… leggi tutto

10 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

GIMON 82 di GIMON 82
8 stelle

Solitamente evito di soffermarmi dinanzi ai remake di grandi successi,dato che "rifare il verso" d'un opera equivale ad una "caricatura" dell'originale.In questo caso ho sgombrato ogni pregiudizio,"causa" indiscriminato amore nei confronti dell' "Old boy" di Park Chan Wook,abbinato ad una stima cinefila verso Spike Lee.E' inevitabile il paragone con l'originale coreano,e sotto questo punto di… leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

EightAndHalf di EightAndHalf
2 stelle

"Spike? Spike? C'è nessuno?". Torna più spesso in mente, durante la visione di Oldboy di Spike Lee, la bollicina con cui la nostra televisione e le nostre pubblicità ci avevano ossessionato pochi anni fa. E non diciamo la marca dell'acqua pubblicizzata, altrimenti cadremmo nelle pubblicità occulte che tanto occulte in Oldboy non sono (anche se è solo una mi ha colpito:… leggi tutto

4 recensioni negative

2021
2021
Trasmesso il 14 giugno 2021 su 20
Trasmesso il 13 giugno 2021 su 20

Recensione

impurhyme di impurhyme
6 stelle

Action movie ben riuscito con un filo di mistero che accompagna tutta la durata.   Josh Brolin svolge compitino del classico protagonista con le mani pesanti e la rabbia negli occhi (mono-esperessivo, ma è ciò che serve in questi film.   Samuel Jackson ha un ruolo secondario che veste benissimo , ma avrei preferito fosse il cattivo principale.   Il finale…

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 5 gennaio 2021 su 20
Trasmesso il 4 gennaio 2021 su 20
2020
2020
Trasmesso il 12 agosto 2020 su 20
Trasmesso l'11 agosto 2020 su 20
Trasmesso il 23 giugno 2020 su Rete 4
Trasmesso il 31 marzo 2020 su 20
2019
2019
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 29 agosto 2019 su 20
Trasmesso il 28 agosto 2019 su 20
2018
2018
Trasmesso il 1 marzo 2018 su Rete 4
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
2017
2017
Trasmesso il 10 dicembre 2017 su Iris
2016
2016
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
Trasmesso il 5 ottobre 2016 su Rete 4

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Di remake, oggi come oggi, siamo abituati a vederne tanti, in questo caso però si gioca con il fuoco, visto che si va a “toccare” una grande opera d’autore quale è, a tutti gli effetti, l’originale di Park Chan Wook, tra l’altro, per la natura stessa del soggetto, si fatica anche a definirla come mera operazione alimentare, ovvero nata con…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito