Espandi menu
cerca

L'ultima ruota del carro

play

Regia di Giovanni Veronesi

Con Elio Germano, Alessandra Mastronardi, Ricky Memphis, Sergio Rubini, Virginia Raffaele, Alessandro Haber, Ubaldo Pantani, Francesca Antonelli... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Infinity+
  • Tim Vision
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
In STREAMING

Trama

Ernesto (Elio Germano) comincia a far l'autista di camion durante gli anni Sessanta. Occupandosi di trasporti, gira l'Italia in lungo e in largo, incontra gente di vario tipo e vive esperienze tragicomiche sullo sfondo dei cambiamenti socioculturali del paese. Dalle prime televisioni in bianco e nero all'avvento di Berlusconi in politica, Ernesto attraverso il finestrino del suo mezzo è testimone di quarant'anni di scandali, malaffare, sogni e speranze, rimanendo fedele alla moglie Angela (Alessandra Mastronardi), all'amico Giacinto (Ricky Memphis) e ai propri ideali.

Approfondimento

L'ULTIMA RUOTA DEL CARRO: QUARANT'ANNI DI STORIA ITALIANA ATTRAVERSO UN UOMO COMUNE

Diretto da Giovanni Veronesi, L'ultima ruota del carro racconta gli eventi che hanno caratterizzato la storia dell'Italia a partire dagli anni Settanta del Novecento attraverso la storia di un uomo comune, dei suoi vari mestieri e delle sue vicende personali. Protagonista è il personaggio di Ernesto Marchetti, un mite autista di camion ispirato alla vera figura di Ernesto Fioretti, amico del regista. A spiegare la scelta di rendere Fioretti il fulcro di L'ultima ruota del carro è lo stesso Giovanni Veronesi, in occasione della presentazione del film fuori concorso al Festival di Roma 2013: «Conoscevo da diversi anni Ernesto Fioretti, un autista di produzione romano poco più che sessantenne di cui nel tempo sono diventato amico, ma non avrei mai pensato che un giorno mi sarei ritrovato a raccontare in un film la sua vita più che movimentata. Tutto è nato quando un giorno, mentre uscivamo da un autogrill reduci da un pranzo non esaltante, Ernesto mi ha detto: «abbiamo mangiato peggio di quando facevo il cuoco d’asilo...». E io: «in che senso? raccontami... ». E così, andando avanti e indietro nel tempo come in una sceneggiatura di Harold Pinter, ha iniziato a descrivermi la sua esistenza ricca di eventi grandi e piccoli, collettivi e privati, spesso ai limiti dell’incredibile, da lui vissuti come testimone privilegiato, facendo diversi mestieri, primo tra tutti l’autotrasportatore. Attraverso i suoi racconti ho visto passare davanti agli occhi quasi quaranta anni di storia italiana e ho pensato subito che, nascosta dietro quell’uomo così candido e discreto, ci fosse una vicenda umana sorprendente per le tante casualità e coincidenze che l’hanno caratterizzata. Una vita così meritava di essere subito portata al cinema!
Quello che mi ha fatto scattare la molla, la voglia di fare di Ernesto il protagonista di una storia, è il fatto che lui sia rimasto uguale a se stesso. Tutto quello che si vede nel film è vero al 90%. Raccontando in chiave di commedia corale la sua vera vita, il nostro è stato un lavoro d’assemblaggio, di riassestamento cronologico di suoi ricordi ed aneddoti di vita reale. È un film dalla parte degli ultimi: quando si racconta l’esistenza di una persona bisogna essere rigorosi, non si può mancare di rispetto ai diretti interessati. Mi è capitato di raccontare episodi molto divertenti, ma anche eventi drammatici: la vita di Ernesto Fioretti è la sua e la rispetto. In L'ultima ruota del carro l’ho mostrato in scena nei panni di un mite autista di camion, (ribattezzato Ernesto Marchetti e interpretato da un formidabile Elio Germano), che per quarant’anni ha girato tutta l’Italia: attraverso il suo sguardo privilegiato sulle avventure tragicomiche e sugli episodi incredibili di cui lui è stato protagonista e testimone, abbiamo avuto la rara opportunità di portare in scena anche la storia recente del nostro Paese, rendendoci conto però che l’unico modo per raccontare la nostra società degli ultimi decenni era lasciarla come cornice e sfondo della vita di un uomo comune, di una persona normale. Nato in una famiglia patriarcale romana, Ernesto cresce coltivando i desideri di ogni ragazzino degli anni 60: sposarsi, avere una vita felice e magari un mestiere già avviato come quello del padre - che fa il tappezziere. Ma gli imprevisti e gli amici (primo tra tutti il più che intraprendente Giacinto, interpretato da Ricky Memphis) lo costringeranno invece a vivere catapultato in una realtà che non gli appartiene. Subirà il proprio destino, ma rimarrà sempre e comunque un uomo onesto, un soldato semplice fedele ai propri principi e a sua moglie Angela (Alessandra Mastronardi). La loro storia sentimentale è un altro dei pilastri fondamentali di questa vicenda: peraltro - ci tengo molto a dirlo - è il primo film della mia vita dove nessuno si fa le corna, perché la vera protagonista è l’onestà. Ernesto riesce a dribblare tutte le occasioni che la vita gli offre per essere disonesto e per approfittare degli altri. Il tutto viene raccontato con molta leggerezza, senza mai avere l’ambizione di raccontare un pezzo di Storia, che fatalmente scorre alle spalle di questo personaggio piccolo e apparentemente insignificante. Quella di Ernesto è la storia di un soldato semplice che ha vinto la sua guerra personale rimanendo integro e coerente con i propri principi, passando attraverso quelli che sono stati forse gli anni più corrotti del nostro Paese. Anni difficili di devastazione etico-morale, corruzione, microcriminalità, evasione, malasanità che ci hanno contaminati tutti. Ernesto invece li ha attraversati indenne, e mi sembrava giusto rendergli omaggio perché rappresenta l’eccezione e l’antidoto, incarna quella normalità e quella lealtà venuta a mancare mentre tutti noi ci siamo impantanati e questo lo porta ad essere una mosca bianca e quindi un protagonista.
Le varie persone che affiancano Ernesto in scena sono tutte ispirate a modelli reali: Giacinto (Ricky Memphis), il suo amico più caro, è una presenza fondamentale al fianco di Ernesto: lo accompagna nell’arco di tutta la vita e rappresenta l’italiano medio voltagabbana, che sfrutta tutte le occasioni che gli capitano a tiro e cambia bandiera politica a seconda del vento. Tra i due nasceranno contrasti anche molto duri, ma alla fine essendo la loro amicizia radicata fin dall’infanzia, i due non si perderanno mai di vista.
Sua moglie Angela, interpretata da Alessandra Mastronardi, lo segue come una specie di devota e silenziosa compagna di strada, e si rivelerà significativa e decisiva per le sue scelte. Il Maestro, un pittore di fama internazionale interpretato da Alessandro Haber [le opere realizzate dal personaggio sono firmate da Mimmo Paladino] è un personaggio tipicamente rappresentativo degli anni’80-90, con quella sorta di maledizione addosso che portavano con loro gli artisti della Scuola romana. Con lui nasce un rapporto particolarmente amichevole, all’insegna della fiducia reciproca: Ernesto diventa il suo trasportatore ufficiale, ed entra nelle case più belle del Paese incontrando una moltitudine di persone a cui non sarebbe mai approdato nella sua vita di quartiere. Sergio Rubini dà vita invece ad un tipico politico socialista senza scrupoli dell’epoca: opportunista, cinico e spietato con se stesso e con gli altri, e soprattutto poco imparentabile a quel tipo di socialismo ideale alla Pertini di cui tutti andavamo fieri in passato. Virginia Raffaele incarna poi una sorta di prodromo di quelle donne senza scrupoli a cui, negli anni successivi, non erano più sufficienti i calciatori per arrivare e sentirsi realizzate. La novità è che si tratta di una donna moderna, arrivista e spietata, che si è evoluta e smania non più per stare accanto agli uomini di potere, ma per esercitarlo direttamente: è come se avessi dipinto una delle prime figure femminili abilissime ad industriarsi per ottenere tutto e subito quello che volevano all’interno della politica. Ubaldo Pantani interpreta il toscano, l’amico balordo che tutti noi abbiamo avuto, il nostro specchio negativo, quello che avremmo potuto diventare se fossimo stati meno accorti. Ma alla fine, della nostra storia, inaspettatamente, sarà proprio il toscano che abbiamo visto solo e sempre ai margini della vita ad offrire generosamente del lavoro ad Ernesto e a sua moglie, ormai anziani, come comparse sul set di una fiction tv. Questo rende, spero, il nostro film una commedia vicina a quelle – inarrivabili - di Risi, Monicelli e Scola, a cui mi sono sempre ispirato, dove era all’ordine del giorno l’umiliazione delle persone umili da parte del’arroganza del potere. Mi piace l’idea che il riscatto di certi personaggi sia disperato, che non porti ad una vera svolta nella vita: nel film, ad esempio, Ernesto viene coinvolto direttamente in un episodio di malasanità, rimanendo vittima di una diagnosi sbagliata. L’unico riscatto che riesce a prendersi è quello di mandare al diavolo la dottoressa che lo aveva profondamente ferito».

Note

"L’ultima ruota del carro" è un film ambizioso, pieno di riferimenti alla nostra nobile commedia che però non evita le trappole del macchiettismo più banale, dal quale si salva solo il personaggio di Haber, meno prevedibile. La storia italiana dagli anni affollati in poi passa attraverso i più beceri colpi bassi catodici ma tutto appare didascalico e posticcio come i manifesti di Berlusconi e le macchine d’epoca in giro per le strade, mai viste così lucide e perfette. Della lunga sequenza della diagnosi sbagliata si cerca sbalorditi un senso, temiamo vanamente.

Commenti (5) vedi tutti

  • Sono d'accordo con il commento di Film.Tv. Il film punta in alto, ma poi si impiglia in certi stereotipi squallidini. Mi tocca dare il voto 5, un po' a malincuore.

    commento di putrella
  • Io darei 5 stelle, ovvero 10, cioè il massimo, anche se il film mi è piaciuto, mi ha commosso, divertito, solo se la storia, la sceneggiatura, la recitazione, la musica, la fotografia, la regia di questo film siano ai massimi livelli. E qui proprio non mi pare il caso.

    commento di marco bi
  • Bello, vero..un po' triste ma anche divertente

    commento di DelfinoDelfino
  • La storia d’Italia scorre sullo sfondo attraverso la televisione, ma non ci si sente dentro. Se non fosse per le discutibili acconciature e le auto non si coglierebbe l’epoca. Bravo Germano, bravi i suoi truccatori. Se ci fosse un filtro per la voce l’invecchiamento dei personaggi sarebbe perfetto. 

    commento di Pasquino
  • Buona commedia di costume del regista Veronesi, con Elio Germano in gran forma.

    leggi la recensione completa di Furetto60
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

GIANNISV66 di GIANNISV66
4 stelle

La metafora dei tempi nostri è racchiusa in una discarica dove un povero disgraziato cerca disperatamente e vanamente un oggetto che avrebbe potuto rappresentare la via per una nuova vita e per un benessere agognato, per rendersi conto alla fine che la felicità era già sulla soglia di casa. Volendo ci si potrebbe leggere una rappresentazione di quello che è diventato il nostro paese negli… leggi tutto

5 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

Un medio prodotto cinematografico italiano come questo corrisponde, probabilmente, al progetto più ambizioso e coraggioso di Giovanni Veronesi, un prodotto che fa sfigurare decisamente altre pellicole medio-piccole come la trilogia di Manuale d'amore, Italians e altri film che erano altra farina del sacco del regista (Genitori & figli era al limite pericoloso del ridicolo). L'intento… leggi tutto

11 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

scapigliato di scapigliato
8 stelle

Presentato come la vita normale di un uomo normale, L’Ultima Ruota del Carro è il romanzo popolare dell’Italia di oggi presa all’origine della decadenza. Ho sempre pensato che l’annus horribilis del Bel Paese fosse quel nemmeno poi così lontano 1978 – Aldo Moro, Papa Roncalli, Papa Wojtyla e soprattutto la morte di Pasolini che è stata anche la morte culturale di un paese – dopo… leggi tutto

6 recensioni positive

2021
2021

Recensione

marco l di marco l
3 stelle

Il genere dell'affresco storico è una brutta gatta da pelare. Per molti narratori costituisce un punto non tanto di arrivo, quanto di consolidamento, la sopraggiunta consapevolezza di poter dire qualcosa di importante e di possedere l'autorevolezza per essere ascoltati nel proprio punto di vista sulla storia. Ecco, se non si è padroni di questa percezione, giusta o sbagliata che…

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 18 febbraio 2021 su Cine34
Trasmesso il 17 febbraio 2021 su Cine34
Trasmesso l'11 febbraio 2021 su Cine34
Trasmesso il 10 febbraio 2021 su Cine34
Trasmesso il 2 febbraio 2021 su Rete 4
2020
2020
Trasmesso il 2 ottobre 2020 su Cine34
Trasmesso il 1 ottobre 2020 su Cine34
Trasmesso il 22 settembre 2020 su Cine34
Trasmesso il 21 settembre 2020 su Cine34

Recensione

galaverna di galaverna
6 stelle

Il racconto di una vita semplice, quella del romano Ernesto Fioretti (Marchetti nel film), viene cucita da Veronesi su un ottimo Elio Germano in un film che è la cartina al tornasole di 30 anni di vita italiana, dal terrorismo degli anni '70 fino al nuovo millennio, sempre però prediligendo la dimensione familiare e soggettiva rispetto alle vicende italiche (salvo un certo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 21 aprile 2020 su Rete 4
2019
2019
Trasmesso il 6 marzo 2019 su Rsi La1
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018
Trasmesso il 3 dicembre 2018 su Rete 4

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

Ernesto Fioretti,personaggio realmente esistente, al quale s'ispira il regista, che nella finzione cinematografica assume il nome di Ernesto Marchetti,è il classico uomo qualunque o l'uomo della strada che dir si voglia,da piccolo il padre ha sentenziato che lui è "l'ultima ruota del carro",come da titolo e così è stato.Romano,tifoso della Roma,a ogni compleanno…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
2016
2016
Trasmesso il 16 febbraio 2016 su Rsi La1
2015
2015

Recensione

Julia1994 di Julia1994
7 stelle

"L'ultima ruota del carro" racconta la vita dell'Italia, tramite gli occhi di Ernesto, dagli anni '70 ai giorni nostri. Sullo schermo passano gli eventi storici  più importanti della nostra storia: dal caso Moro, alla svolta politica di Berlusconi. Nel mezzo, lo scorrere del tempo e le trasformazioni di un intero Paese.  C'è il mito del posto fisso; c'è il lavoro…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

will kane di will kane
5 stelle

Dagli anni Settanta a, più o meno, oggi, l'Italia vissuta da un "uomo medio": l'arrivo della droga su larga scala, le BR, l'ascesa craxiana, Tangentopoli, Forza Italia, l'atmosfera disincantata e cafona di oggi. Dal percorso di vita di Ernesto Fioretti, un autista che ha appassionato Giovanni Veronesi raccontandogli quello che gli è successo, un film che è appunto una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

supadany di supadany
5 stelle

Lasciati da parte i manuali d’amore vari, Giovanni Veronesi prova ad alzare il tiro, non che ci voglia molto visti i suoi pregressi recenti, scegliendo di attraversare trenta e passa anni italiani visti con gli occhi dell’ultima ruota del carro, un soldato semplice, un uomo sballottato da una parte all’altra. Tentativo ambizioso e stimolante, ma che palesa diversi limiti.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito