Espandi menu
cerca
Come ti ammazzo l'ex

Regia di John Inwood vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 223
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Come ti ammazzo l'ex

di FilmTv Rivista
4 stelle

Nel modo di mostrare la vendetta, c’è una curiosa coincidenza tra Come ti ammazzo l’ex (fuorviante traduzione di ExTerminators), distribuito negli States nel 2009, e Come ammazzare il capo… e vivere felici uscito nel 2011. Anzi, inizialmente si potrebbe pensare che il film diretto da Seth Gordon sia una specie di remake non dichiarato di questo. I tre amici che decidono di far fuori i loro rispettivi boss di Come ammazzare il capo... potrebbero essere la versione al maschile delle tre protagoniste che si conoscono durante alcune sedute in cui devono imparare a gestire la rabbia dopo essere state tradite dai loro mariti, e che poi mettono su un’attività piuttosto particolare e redditizia. Ma Come ammazzare il capo… e vivere felici funziona, questo film invece, dopo una discreta partenza, deraglia del tutto e si perde per strada. E a farne le spese è proprio il personaggio interpretato da Heather Graham, divisa tra l’amore per un poliziotto e la fedeltà alle sue amiche “giustiziere”. A John Inwood, attivo soprattutto come direttore della fotografia, sembra essere passata per le mani la sceneggiatura sbagliata, scritta da Suzanne Weinert. La ribellione femminile si riduce a un accumulo di piccoli episodi (la birra nella borsa, il fuoco, l’inseguimento del marito violento) e le “nuove streghe” attraversano, smarrite, la strada apparentemente più sicura della black comedy. Senza però la sua cattiveria e con in più l’incapacità di sostenere la bizzarria dei suoi personaggi.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 5 del 2013

Autore: Simone Emiliani

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati