A Lady in Paris

play

Regia di Ilmar Raag

Con Jeanne Moreau, Laine Mägi, Patrick Pineau, François Beukelaers, Ita Ever, Fabrice Colson, Corentin Lobet, Tõnu Mikiver... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Chili
  • Chili
  • CG Entertainment
  • Chili
In STREAMING

Trama

Anne (Laine Mägi) lascia l'Estonia per trasferirsi a Parigi e prendersi cura di Frida (Jeanne Moreau), un'anziana estone emigrata in Francia da parecchio tempo. Molto presto Anne si rende conto di non essere la benvenuta. Tutto ciò che Frida desidera dalla vita è avere l'attenzione di Stéphane (Patrick Pineau), suo amante più giovane di lei. Stéphane, invece, desidera che Anne rimanga e si occupi di Frida, anche contro la sua volontà. In mezzo ad un conflitto tra due estranei, Anne deve trovare la sua strada e decidere cosa fare.

Approfondimento

A LADY IN PARIS: RELAZIONARSI CON LA VITA E LA MORTE

Frida, Anne e Stéphane, i tre protagonisti principali, incarnano le diverse sfaccettature del modo di relazionarsi con la vita, la vecchiaia e la morte. Frida, in particolar modo, è colei che, avvicinandosi anagraficamente più degli altri alla morte, comincia a sentire l'avvicinarsi dello scadere del suo tempo e rifiuta l'idea di dover morire. Il suo attaccamento alla vita la porta a sentir la necessità di avere una relazione con qualcuno. Arrivata a Parigi dall'Estonia prima della guerra, Frida ha sempre ricercato la libertà e la grande storia d'amore, tagliando ogni collegamento con il paese d'origine. Attraverso la relazione con Stéphane prima e con Anne dopo, Frida è chiamata a interrogarsi con ciò che lascerà dietro di sé nel momento in cui non sarà più sulla terra. Mentre Frida non ha più il potere di cambiare la propria vita, Anne e Stéphane possono invece tentare di dare un nuovo percorso alle proprie esistenze, anche se per Anne non sarà facile liberare Stéphane dall'influenza di Frida. Mentre Anne è interpretata dall'attrice estone Laine Mägi (che per l'occasione ha dovuto imparare il francese) e Stephàne dall'attore francese Patrick Pineau, a dar vita a Frida è Jeanne Moreau, attrice capace di portare intensità e una speciale fragilità a un personaggio anagraficamente a lei vicino.

 

PARIGI, LA CITTÀ DEI SOGNI

A Lady in Paris è anche un film su Parigi e su ciò che la capitale francese significa per uno straniero. Circondata da un'aura quasi magica e sospesa nel tempo, Parigi è la città in cui una persona può realizzare nuovi sogni e imbarcarsi in una sorta di viaggio di iniziazione. Appena arrivata, Anne ammira Frida e il modo in cui è divenuta una perfetta parigina. Nella sua piccola città in Estonia, Anne non avrebbe mai potuto cominciare un'altra storia d'amore e trasferirsi a Parigi per lei significa innanzitutto rinascere. Esplicita al riguardo è la scena in cui Anne ascolta Joe Dassin: il disco, che le fa ritornare alla mente i ricordi di una giovinezza a lungo dimenticata, sottolinea soprattutto il desiderio di iniziare una nuova vita differente dalla precedente e staccarsi dal passato. La vicenda raccontata in A Lady in Paris, inoltre, trae punto dalla storia personale della madre del regista Ilmar Raag. Negli anni Cinquanta, appena divorziata e sopraffatta da un senso di solitudine e vuoto, la donna decise di lasciare l'Estonia e la depressione sempre più incombente per trasferirsi a Parigi e prendersi cura di un'anziana signora estone. L'esperienza vissuta la cambiò profondamente e la fece rientrare in patria con uno spirito del tutto diverso.

PARIGI, TRA CARTOLINA E REALTÀ

Studente all'università di Tartu, sul finire degli anni Ottanta Ilmar Raag rimase colpito dalla visione di I favoriti della Luna di Otar Iosseliani e dal modo in cui il regista riuscì a cogliere lo spirito di Parigi, una città a lui straniera. Condividendo con Iosseliani il fatto di essere cresciuto al di là della Cortina di ferro, per il giovane Raag Parigi rappresentava una sorta di el dorado, impossibile quasi da raggiungere. Per questo motivo, durante le riprese di A Lady in Paris, il regista ha dovuto costantemente lottare contro il desiderio di filmare una Parigi "da cartolina", cercando di avvicinarsi il più possibile alla "vera" Parigi e di coniugare la sua visione da estone con quella dei francesi.

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Chi si dovesse aspettare una variazione sul tema di Quasi amici rischia di restare deluso. Tutto l’interesse di "A Lady in Paris" è per il personaggio di Frida che ha completamente rimosso la propria origine fino a non parlare più la lingua madre. Sul mistero di questa rimozione si poteva giocare il rapporto complicato tra le due protagoniste e la comunità baltica parigina, invece gli autori divagano tra siparietti sentimental-senili che permettono alla Diva Moreau di abbandonarsi a una performance attoriale non sempre misurata. Peccato: resta un film interessante ma ha il sapore dell’occasione perduta.

Commenti (1) vedi tutti

  • Film difficile e complicato ma studiato bene. Frida resta il personaggio principale e complicato, difficile da capire e da cogliere. Brava regista e bravi attori.

    commento di sillaba
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

Metti un regista estone, Ilmar Raag, ultraquarantenne tutto fare in patria, e ora giunto ad un film ispirato ad una sconfinata ammirazione per Parigi, nata quando era studente all’università di Tartu,  che qui contiene in una storia dove emerge una buona attrice estone, Laine Magi, e giganteggia  la sempre immensa Jeanne Moureau, che all’occasione fa la signora estone, immigrata da… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

fefy di fefy
8 stelle

“‘A Lady in Paris", diretto dal regista estone Ilmar Raag è stato girato in Francia, Belgio ed Estonia. Un film delicatissimo, intenso che mira a comunicare più con gli sguardi e la mimica che non con le parole i sentimenti e gli stati d'animo. Una storia come tante, verosimile, molto verosimile, poi vi svelerò il perché!! Una storia spesso dura,  ma tratteggiata sullo schermo come un… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

La vecchiaia che brutta bestia!!! E quando la demenza finisce per tormentare gli ultimi giorni di vita di una vecchia signora estone che non riconosce più nemmeno la figlia cinquantenne, quest'ultima decide che è troppo triste restare in quella casa, debordante di ricordi tristi e amari, in quella città un po' desolante, in quel paese non proprio sfavillante, in una famiglia dove ormai i… leggi tutto

1 recensioni negative

2020
2020
2014
2014

Recensione

ezio di ezio
6 stelle

Un'esule estone dura e rancorosa (splendida Moreau) vive a Parigi e gli affibiano una badante (anche lei estone) dove tra alti e bassi cerca di instaurare un'amicizia....quasi impossibile.Commedia drammatica che vola alto per la sublime interpretazione degli attori.Con un finale diverso avrei dato una stella in piu'.Comunque da vedere.

leggi tutto
Recensione
2013
2013
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

La vecchiaia che brutta bestia!!! E quando la demenza finisce per tormentare gli ultimi giorni di vita di una vecchia signora estone che non riconosce più nemmeno la figlia cinquantenne, quest'ultima decide che è troppo triste restare in quella casa, debordante di ricordi tristi e amari, in quella città un po' desolante, in quel paese non proprio sfavillante, in una famiglia dove ormai i…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

fefy di fefy
8 stelle

“‘A Lady in Paris", diretto dal regista estone Ilmar Raag è stato girato in Francia, Belgio ed Estonia. Un film delicatissimo, intenso che mira a comunicare più con gli sguardi e la mimica che non con le parole i sentimenti e gli stati d'animo. Una storia come tante, verosimile, molto verosimile, poi vi svelerò il perché!! Una storia spesso dura,  ma tratteggiata sullo schermo come un…

leggi tutto

Recensione

bufera di bufera
6 stelle

Metti un regista estone, Ilmar Raag, ultraquarantenne tutto fare in patria, e ora giunto ad un film ispirato ad una sconfinata ammirazione per Parigi, nata quando era studente all’università di Tartu,  che qui contiene in una storia dove emerge una buona attrice estone, Laine Magi, e giganteggia  la sempre immensa Jeanne Moureau, che all’occasione fa la signora estone, immigrata da…

leggi tutto
A LADY IN PARIS: RELAZIONARSI CON LA VITA E LA MORTE

A LADY IN PARIS: RELAZIONARSI CON LA VITA E LA MORTE

A LADY IN PARIS: RELAZIONARSI CON LA VITA E LA MORTE Frida, Anne e Stéphane, i tre protagonisti principali, incarnano le diverse sfaccettature del modo di relazionarsi con la vita, la vecchiaia e la morte. Frida, in particolar modo, è colei che, avvicinandosi anagraficamente più degli altri alla morte, comincia a sentire l'avvicinarsi dello scadere del suo tempo e rifiuta l'idea di dover morire. Il suo attaccamento alla vita la porta a sentir la necessità di avere una relazione con qualcuno. Arrivata a Parigi dall'Estonia prima della guerra, Frida ha sempre ricercato la libertà e la... segue

Extra

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Monumento del cinema francese, Jeanne Moreau veste questa volta i panni di Frida, benestante signora parigina di origine estone. Stéphane, suo più giovane e antico amante, ancora legato a lei da un affetto ormai filiale, recluta come badante Anne, appena giunta a Parigi dall’Estonia, avvisandola che Frida è un osso duro. Infatti... Chi si dovesse aspettare una variazione sul tema di Quasi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 13 maggio 2013
2012
2012
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito